Principale Anatomia

Pyelonephritis cronico o affilato durante gravidanza

Le donne durante una "posizione interessante" possono sperimentare una malattia come la pielonefrite. Questo termine medico si riferisce al processo infiammatorio che si verifica nei reni con una lesione del sistema pelvico renale. La malattia è più comune nel sesso giusto. Il 6-12% delle donne sperimenta la pielonefrite durante la gravidanza. È pericoloso per la madre e il bambino. Se non trattata, la malattia può causare l'aborto spontaneo.

Cause del processo infiammatorio nei reni

La pielonefrite è una malattia infettiva. Può causare microbi che vivono nel corpo umano. Inoltre, l'infiammazione dei reni può essere innescata da microrganismi che penetrano negli organi interni dall'ambiente esterno.

I patogeni più frequenti sono:

  • stafilococchi;
  • bacillo blu del pus;
  • enterococchi;
  • Proteus;
  • E. coli

Nella maggior parte dei casi, gli agenti patogeni penetrano nel rene ematogena dai fuochi delle infezioni presenti nel corpo. Molto raramente, la pielonefrite gestazionale durante la gravidanza si verifica a causa di microrganismi intrappolati nel rene attraverso il tratto urinario (vescica, uretra).

Lo sviluppo della pielonefrite è facilitato da fattori locali e generali. Il primo gruppo include la violazione del deflusso di urina dagli organi a causa della presenza di ostacoli. Questa condizione può essere osservata con tumori renali, urolitiasi, restringimento degli ureteri.

Tra i fattori comuni ci sono lo stress cronico, la debolezza, l'affaticamento cronico, la mancanza di vitamine, la presenza di malattie che riducono le forze protettive del corpo umano, l'immunità ridotta.

Tipi di pyelonephritis

Ci sono molte classificazioni differenti di questa malattia. Secondo le condizioni di comparsa di pyelonephritis primario e secondario.

Il tipo principale di malattia è l'infiammazione, in cui non vi sono violazioni dell'urodinamica e non vi sono altre malattie renali. Molti urologi credono che la pielonefrite primaria all'inizio della gravidanza non esista affatto. Sulla base della loro pratica medica, notano che la malattia è sempre preceduta da violazioni dell'urodinamica, alterazioni patologiche delle vie urinarie e dei reni.

Sotto pielonefrite secondaria si riferisce al processo infiammatorio che si verifica sullo sfondo di eventuali malattie del sistema urinario.

Secondo la natura del corso, si distinguono le forme acute e croniche della malattia. La pielonefrite acuta appare all'improvviso. Di solito i suoi sintomi si fanno sentire dopo poche ore o giorni. Con un trattamento adeguato, la malattia dura per 10-20 giorni e termina con il recupero.


La pielonefrite cronica durante la gravidanza è un processo infiammatorio lento e periodicamente esacerbante dei batteri. Questo tipo di malattia può verificarsi a seguito del passaggio dallo stadio acuto a quello cronico. A causa della malattia, il tessuto renale viene sostituito con tessuto connettivo non funzionale. Abbastanza spesso, la pielonefrite cronica è complicata da insufficienza renale e ipertensione arteriosa.

I sintomi della malattia

Nella forma acuta della malattia, una donna incinta sperimenterà i seguenti sintomi di pielonefrite:

  • dolore nella parte bassa della schiena. Possono essere taglienti o noiosi. Il dolore può essere aggravato piegandosi in avanti;
  • cambiare la tonalità delle urine. Il liquido può essere torbido con una sfumatura rossastra;
  • odore acre e sgradevole;
  • alta temperatura corporea (38-40 gradi);
  • nausea, in alcuni casi vomito;
  • diminuzione dell'appetito;
  • brividi;
  • debolezza generale.

Forma cronica per un lungo periodo di tempo può verificarsi senza segni di pielonefrite durante la gravidanza. Nella forma latente, c'è un prolungato, ma allo stesso tempo, un leggero aumento della temperatura. La forma ricorrente di pyelonephritis cronico è manifestata da sintomi comuni (debolezza, febbre, cambiamento di colore di urina).

L'effetto della pielonefrite sul corso della gravidanza

Le donne che si trovano di fronte a un processo infiammatorio nei reni sono interessate alla questione di ciò che è pericoloso per la pielonefrite durante la gravidanza. Molte persone che lasciano che la malattia segua il loro corso e non vadano dal medico possono affrontare seri problemi. La malattia colpisce principalmente il feto. Il bambino può soffrire di infezione intrauterina. Nella maggior parte dei casi, l'infiammazione del rene causa aborto spontaneo, insorgenza prematura del travaglio.

Nei neonati, gli effetti dell'infezione intrauterina appaiono in modo diverso. Alcuni bambini possono avere congiuntivite, che non rappresenta una minaccia per la vita, mentre altri hanno gravi lesioni infettive di organi vitali.

Durante la gravidanza con pielonefrite c'è una possibilità di ipossia intrauterina. Il frutto riceverà meno ossigeno del necessario. Questa situazione minaccia la mancanza di sviluppo del bambino, meno peso.

Diagnosi di pielonefrite

Per identificare il processo infiammatorio nei reni e gli effetti della pielonefrite sulla gravidanza, i medici prescrivono un'analisi completa delle analisi delle urine e del sangue. Si possono concludere i risultati sull'assenza o presenza di infezione e infiammazione nei reni. Può anche essere effettuato colorazione urina Gram. Questo metodo di ricerca fornisce informazioni sull'agente causale della malattia. Per una determinazione più accurata dei microrganismi che hanno causato la pielonefrite e la loro sensibilità agli antibiotici, viene effettuato l'esame batteriologico delle urine.

Tutti i metodi diagnostici sopra indicati sono di laboratorio. Esistono anche metodi strumentali. Tra questi ci sono gli ultrasuoni (ultrasuoni). Questo metodo consente di vedere l'eterogeneità dei tessuti nei reni, la presenza di aree con foche, l'espansione della pelvi renale.

Trattamento della pielonefrite

Se si riscontra un processo infiammatorio nei reni, il medico può prescrivere antibiotici. In gravidanza, l'uso di droghe è indesiderabile, ma con la pielonefrite il loro uso è giustificato. Il medico selezionerà tali antibiotici che non causeranno gravi danni al bambino e contribuiranno a far fronte alla esacerbazione della pielonefrite durante la gravidanza. Le donne incinte non dovrebbero rifiutare la droga, perché la pielonefrite può portare a gravi conseguenze.

I pazienti, indipendentemente dal grado e dal tipo di malattia, sono prescritti farmaci analgesici e antispastici. Anche durante il trattamento, i medici prescrivono uroantiseptics, vitamine, sedativi, fisioterapia, terapia di disintossicazione, cateterizzazione ureterale e terapia posizionale.

Le donne in ospedale durante il trattamento devono essere supervisionate da un ostetrico-ginecologo e un nefrologo. I medici prima di tutto eseguono "terapia posizionale". Grazie a esso, in la maggior parte casi è possibile restaurare il deflusso disturbato di urina.

L'essenza della "terapia posizionale" è che il rappresentante del gentil sesso nella posizione è collocato sul lato in cui si trova il rene sano. Una donna dovrebbe giacere sul letto in una posizione piegata del ginocchio-gomito. L'estremità del letto è sollevata in modo che le gambe del paziente si trovino sopra la testa. In questa posizione, l'utero mette meno pressione sugli ureteri. Se le condizioni della donna non migliorano dopo un tale trattamento di pielonefrite in un giorno, allora l'uretere del paziente viene cateterizzato.

La malattia può essere complicata dalla suppurazione. In questo caso, il rene viene decapsulato, cioè la capsula fibrosa viene rimossa. In casi avanzati può essere necessaria la rimozione completa dell'organo. Spesso i medici insistono sull'interruzione artificiale della gravidanza.

Le donne che avevano la pielonefrite durante la "situazione interessante" dovrebbero essere sotto la supervisione di un medico locale dopo il parto. Dopo la dimissione dall'ospedale di maternità un rappresentante del gentil sesso dovrebbe entrare nel conto del dispensario. Questo è necessario perché la malattia non può essere completata.

Peculiarità dello stile di vita della pielonefrite

Quando si diagnostica il processo infiammatorio nei reni, si consiglia alle donne incinte di seguire una dieta speciale. Ad esempio, nella pielonefrite acuta durante la gravidanza è necessario utilizzare più liquido (più di 2 litri). Dalla dieta dovrebbe escludere cibi piccanti, grassi e fritti. Si raccomanda di mangiare quante più verdure e frutta fresca possibile.

Nella forma cronica della malattia, viene mostrata una dieta con le seguenti caratteristiche:

  • restrizione dell'uso di carne, brodo di pesce, condimenti;
  • aumentare il volume del fluido consumato (almeno 2 litri al giorno);
  • limitare il consumo di sale (fino a 8 g al giorno);
  • le donne in gravidanza richiedono un maggiore apporto di vitamine.

Durante lo stadio acuto della malattia, quando compaiono dolori gravi, la temperatura aumenta, si osservano i segni di intossicazione e si richiede riposo a letto. Questa condizione in una donna incinta può essere osservata entro 4-8 giorni. Dopo questo periodo, si raccomanda di condurre uno stile di vita attivo. Assicurerà il flusso di urina.

Prevenzione della pielonefrite

La principale raccomandazione riguardante la prevenzione dello sviluppo del processo infiammatorio nei reni è il trattamento di malattie che provocano una violazione del deflusso di urina dal rene.

Un ruolo molto importante nella prevenzione della pielonefrite durante la gravidanza è svolto da uno stile di vita sano. Devi seguire le regole dell'igiene personale, svuotare regolarmente e tempestivamente la vescica. Si raccomanda inoltre di evitare l'ipotermia.

In conclusione, vale la pena notare che per prevenire il verificarsi di pielonefrite durante la gravidanza e lo sviluppo di varie complicanze, si dovrebbe visitare regolarmente la clinica prenatale. Prima viene diagnosticata una malattia, più facile sarà combatterla. Assicurati di ascoltare il parere del medico curante, di eseguire tutti gli appuntamenti e prendere i farmaci rigorosamente secondo il programma che determina.

Pyelonephritis durante la gravidanza

Del numero totale di casi di pielonefrite nelle donne, il 6-12% è in gravidanza. Questa malattia di per sé è sgradevole e pericolosa per la salute di una donna, e cosa possiamo dire se porta un bambino sotto il suo cuore! Non solo questa condizione è pericolosa per la salute della madre e del bambino, quindi la gravidanza è solo il fattore provocatorio in grado di provocare una esacerbazione della malattia.

Nel tempo la pielonefrite trattata non rappresenta un serio pericolo per lo sviluppo della gravidanza e del feto. Ma, se non viene trattato, aumenta il rischio di aborti spontanei. La pratica dimostra che l'aborto si verifica nel secondo trimestre (a 16-24 settimane). È anche possibile la morte fetale fetale. Se una donna riesce a portare un bambino, dopo la nascita, può avere segni di infezione intrauterina, a partire da una semplice congiuntivite e che termina con gravi lesioni infettive di polmoni, reni e altri organi. Inoltre, la pielonefrite causa tossicosi tardive e anemia grave in una donna.

Cos'è la pielonefrite? Come si manifesta durante la gravidanza?

La pielonefrite è un processo infiammatorio nei reni, più precisamente nella pelvi. Questa malattia è causata da vari microrganismi (E. coli, ectobatteri Gram-negativi, Pseudomonas aeruginosa, Proteus, Enterococcus, Staphylococcus aureus, Streptococcus, funghi del tipo Candida), che si moltiplicano a causa del flusso urinario nel tratto urinario e della presenza di un focolaio infettivo nel corpo. Qualsiasi processo infiammatorio purulento, ad esempio denti cariati, foruncolosi della pelle, infezione genitale, infezione della colecisti o delle vie respiratorie, può fungere da fonte di infezione.

L'infezione può entrare nel tratto urinario in diversi modi: ascendente (dalla vescica), discendente (dall'intestino), ematogena (per varie malattie infettive).

La pielonefrite è primaria (si verifica per la prima volta durante la gravidanza) e secondaria (disturba una donna prima del concepimento, ma si aggrava sullo sfondo della gravidanza).

Nelle donne in gravidanza, l'infiammazione dei reni può essere causata dalla crescita dell'utero, che, aumentando, sposta gli organi interni vicini. Questo destino non ha attraversato i reni: l'utero in crescita inizia a pizzicarli e strizzarli, a seguito del quale l'urina passa attraverso gli ureteri. Spesso la causa o l'esacerbazione della pielonefrite sono i cambiamenti ormonali, così come la loro inconsistenza nel corpo di una donna incinta.

Durante l'esacerbazione della forma cronica di pielonefrite in una donna incinta c'è un'alta temperatura, un aumento della frequenza cardiaca, brividi, dolore lombare, crampi durante la minzione, sono possibili i classici segni di intossicazione. Di regola, l'aumento del dolore si verifica durante la notte. Ma, allo stesso tempo, ci sono casi in cui la pielonefrite è asintomatica e una donna non si rende conto del pericolo. Nel caso di un decorso cronico della malattia, può essere rilevato solo mediante test (urina, sangue).

Qual è il trattamento della pielonefrite nelle donne in gravidanza?

Il trattamento della pielonefrite non è una questione che può essere posticipata "fino a dopo". Agisci immediatamente. L'automedicazione è fuori questione, dal momento che non è sufficiente eliminare i sintomi e le cause della malattia delle ricette di casa o della nonna. Qui abbiamo bisogno di "artiglieria pesante".

Di regola, in una situazione del genere, antibiotici prescritti. Questo è il caso in cui il loro uso è giustificato e porta molto meno danno alla madre e al suo bambino non nato rispetto alle conseguenze della malattia. Gli antibiotici sono consentiti durante la gravidanza - ampicillina, oxacillina, meticillina (consentita nel primo trimestre), gentamicina, kanamicina, cefalosporine (utilizzati nel secondo e nel terzo). L'uso di antibiotici tetracicline, streptomicina e levomicetina, l'uso di biseptolo, solfonammidi a lunga durata d'azione, furazolidone, fluorochinolone è severamente proibito. Il loro uso può causare gravi violazioni della salute del bambino: danni allo scheletro osseo, agli organi ematopoietici, agli organi dell'udito e all'apparato vestibolare. La terapia antibatterica viene eseguita solo in ospedale sotto la stretta supervisione di un medico.

Tutti i pazienti, senza eccezioni, nonostante il loro grado di malattia, sono prescritti antispastici e antidolorifici. Forse l'uso dell'agopuntura, consente di ridurre la quantità di farmaci e, in alcuni casi, di rifiutare analgesici e antidolorifici.

Nel trattamento della pielonefrite in donne in gravidanza, vengono anche prescritti uroantisettici, terapia posizionale, cateterismo ureterale, terapia di disintossicazione e fisioterapia. In alcuni casi, è necessario un intervento chirurgico (ad esempio, nefrectomia, decapulazione renale o apertura di ascessi, imposizione di nefrostomia).

Il trattamento riparativo comprende vitamine, sedativi. In combinazione con altri farmaci, è efficace assumere la medicina di erbe Kanefron, che ha effetti antinfiammatori, antispastici e diuretici.

Il trattamento delle donne incinte in ospedale viene effettuato sotto la supervisione di ostetrici-ginecologi e nefrologi. Il loro primo compito è ripristinare il passaggio alterato dell'urina. A tal fine, viene eseguita una "terapia posizionale", in cui una donna viene posta sul lato opposto di un rene malato sul lato in una posizione piegata del ginocchio-gomito. Un'estremità del letto è sollevata in modo che le gambe siano sopra la testa. In questa posizione, l'utero si allontana e la pressione sugli ureteri diminuisce. Se durante il giorno la situazione non migliora, eseguire la cateterizzazione dell'uretere del rene interessato. Di norma, ciò porta al risultato atteso. Se ciò non accade, scaricare l'urina dal rene con un catetere, che viene iniettato direttamente nell'organo interessato.

Nei casi in cui la malattia è complicata dalla suppurazione, viene eseguito il decapsulamento del rene (capsula fibrosa viene rimosso) o la completa rimozione di questo organo. Se la malattia è così trascurata, viene spesso presa la decisione di interrompere la gravidanza.

Nel trattamento della pielonefrite è molto importante seguire una dieta e un regime speciale. La dieta comporta l'esclusione di cibi fritti, speziati, affumicati, salati, mangiando una varietà di spezie e spezie. È molto importante stabilire un regime di consumo di alcolici per "irrigare" i reni. Composti, bevande alla frutta, succhi di frutta freschi e tè che hanno un effetto diuretico sono adatti per questo. È importante assicurarsi che le donne in gravidanza non abbiano costipazione, che supportano l'infiammazione nei reni.

Il riposo a letto deve essere osservato nella fase acuta della malattia, che è accompagnata da forte dolore, febbre, segni di intossicazione. Di solito questo periodo dura da 4 a 8 giorni. Inoltre, al contrario, è necessario muoversi attivamente, poiché ciò assicurerà il flusso di urina dal tratto urinario superiore. Contribuisce anche a una certa posizione che una donna incinta dovrebbe prendere più volte al giorno. Per fare questo, una donna deve assumere una posizione di ginocchio-gomito o "posa di gatto".

Nel caso della pielonefrite cronica, se il test delle urine è normale, non è necessario il ricovero in ospedale. Alle donne incinte vengono date raccomandazioni generali riguardanti lo stile di vita e le abitudini alimentari.

Molte persone sono preoccupate per la questione se sia possibile partorire se la pielonefrite gestazionale è stata rilevata durante la gravidanza? È possibile che questa malattia non sia un'indicazione per il taglio cesareo. Ma bisogna ricordare che l'accesso tempestivo agli specialisti consentirà nel più breve tempo possibile di alleviare la condizione della donna incinta e di effettuare il trattamento con un numero minimo di complicanze.

In che modo la pielonefrite colpisce un bambino durante la gravidanza?

Durante il parto, il carico sul corpo femminile aumenta in modo significativo, poiché sono necessarie molte risorse per la formazione e lo sviluppo del feto. La presenza di una donna di qualsiasi malattia cronica, in un modo o nell'altro, può influenzare il corso della gravidanza o la salute del futuro bambino, così come le malattie acquisite durante la gravidanza stessa.

Le donne nella posizione possono sviluppare un'infiammazione dei reni, chiamata pielonefrite gestazionale. La malattia è considerata pericolosa, in quanto può influenzare non solo la condizione della madre, ma anche causare gravi complicazioni nel corso della gravidanza. È impossibile lasciare che la situazione faccia il suo corso e ignorare il problema, è necessario consultare un medico in modo tempestivo - con costante osservazione e trattamento appropriato è abbastanza realistico minimizzare il rischio per il bambino e migliorare le condizioni della madre. Altrimenti, potrebbero esserci conseguenze pericolose che devono essere conosciute.

L'effetto della pielonefrite sul corso della gravidanza

La malattia è così comune perché i suoi patogeni sono i cosiddetti microrganismi opportunistici che provocano lo sviluppo del processo infiammatorio nei reni solo sotto l'influenza di fattori specifici. Escherichia coli (trovata nel 40% dei casi), Proteus, Enterococcus, Streptococcus e altri batteri possono provocare una malattia. La pielonefrite può essere una conseguenza della crescita fetale (utero allargato stringe gli ureteri), cambiamenti nel retroterra ormonale, ridotta immunità e precedenti malattie - quasi tutti questi fattori si verificano nel corso di qualsiasi gravidanza, il che spiega l'alto rischio della malattia.

Tale diagnosi mette immediatamente una donna in un gruppo a rischio e diventa motivo di costante monitoraggio da parte dei medici. La malattia appare (o è esacerbata se è prima della gravidanza) spesso nel periodo da 22 a 29 settimane, quando si osserva un brusco cambiamento nel fondo ormonale nel corpo a causa di un aumento dei livelli degli ormoni sessuali e degli ormoni corticosteroidi. Se una donna ha sofferto di pielonefrite cronica prima della gravidanza, allora questo periodo è considerato critico ed estremamente pericoloso. Vale la pena sapere che nel 10% dei casi durante il trasporto di un bambino la forma cronica della malattia non diventa attiva e non si manifesta sintomaticamente.

Una difficoltà separata risiede nei limiti dei metodi che possono essere utilizzati per diagnosticare la malattia. La palpazione degli organi non darà i risultati desiderati, dal momento che l'utero è notevolmente ingrandito, e quindi diventa impossibile ottenere dati sullo stato degli organi dall'esterno, anche i metodi che usano la radiazione sono controindicati. La diagnosi della madre è fatta sulla base di analisi di laboratorio di urina e ultrasuoni.

È importante monitorare lo stato del corpo e annotare tutte le sensazioni inusuali.

La peggiore conseguenza della pielonefrite è la cessazione della gravidanza, che può verificarsi in qualsiasi momento. La pielonefrite può causare un travaglio prematuro e un rilascio ritardato del liquido amniotico. Le complicanze della gravidanza e del parto causate dalla pielonefrite includono anche:

  • sanguinamento grave durante il travaglio;
  • insufficiente forza di contrazioni (in altre parole, debolezza del lavoro);
  • distacco di placenta;
  • anemia nella madre durante la gestazione

In metà delle donne diagnosticate con pielonefrite durante la gravidanza si sviluppa un complesso stato di tossicosi tardiva (o preeclampsia), che in un terzo dei casi porta al completamento della gravidanza per parto prematuro.

Sia la preeclampsia che le condizioni più gravi possono causare gonfiore.

La tossicosi tardiva causata dalla pielonefrite porta a una alterata circolazione sanguigna in tutto il corpo, diventa densa e scarsamente saturata di ossigeno, che influenza non solo lo stato della madre, ma anche la nutrizione del feto. La gestosi provoca l'aspetto attivo dell'edema (il gonfiore diventa più forte e appare in luoghi atipici), un aumento della pressione arteriosa e in alcuni casi un effetto negativo sul sistema nervoso centrale, che provoca convulsioni.

Le difficoltà particolari si alzano in pazienti con un rene - il processo incendiario è una controindicazione diretta a gravidanza. Per rimanere incinta una tale donna può solo se il rene funziona normalmente, ma al minimo calo di funzione, i medici interrompono la gravidanza.

In che modo la pielonefrite nella madre colpisce il nascituro?

Il primo pericolo per il bambino è la probabilità di trasmissione della malattia. Le conseguenze dell'infezione intrauterina sono molto pericolose - il bambino può sviluppare patologie organiche (il più delle volte soffrono il cuore e i reni). In realtà, qualsiasi malattia che il bambino ha avuto ha un impatto sulla sua salute futura. Quindi, la pielonefrite può causare un'immunità debole, che creerà ulteriormente condizioni favorevoli per molte malattie.

Possibili effetti della pielonefrite sul bambino (foto)

La malattia può portare all'ipossia fetale - mancanza di ossigeno, che inibisce lo sviluppo di tutti gli organi e sistemi del bambino (questo effetto è osservato nel 50% dei casi). Di conseguenza, il bambino può nascere con un peso ridotto e molto debole. Altri effetti della pielonefrite sul feto sono anche noti:

  • ipotermia o bassa temperatura corporea del bambino;
  • asfissia, accompagnata da lesioni del sistema nervoso centrale;
  • ittero prolungato.

È importante capire che la presenza di complicanze e il rischio di insorgenza sono determinati non dal momento della diagnosi in una donna, ma da come procede esattamente il processo infiammatorio e quanto la situazione sta funzionando. Se la futura gestante verrà osservata dai medici e, in modo tempestivo, eseguirà tutte le istruzioni, le conseguenze negative potranno essere evitate del tutto.

Qual è la pielonefrite pericolosa durante la gravidanza per il feto

La pielonefrite - un processo infiammatorio nel tessuto renale - viene spesso diagnosticata con la comparsa della gravidanza. La patologia dei reni può manifestarsi anche in quelle donne che non si sono mai lamentate degli organi dell'apparato urinario.

L'infiammazione dei reni nelle donne in gravidanza è anche chiamata pielonefrite gestazionale. Secondo varie fonti, da questa malattia soffre dall'1% al 12% di tutte le donne incinte.

Perché esattamente le future madri sono soggette a malattie del tratto urinario e perché la pielonefrite è pericolosa durante la gravidanza? Proviamo a capirlo.

Cause di Pyelonephritis gestazionale

Anche con una gravidanza completamente normale, l'utero ingrandente comprime gradualmente gli organi adiacenti. Gli ureteri, i sottili canalicoli, attraverso i quali l'urina formatasi scorre dai reni verso il lato della vescica, subiscono un aumento di pressione.

Quando rallenta il deflusso dell'urina a causa della spremitura degli ureteri, si verifica il ristagno del liquido, accompagnato dall'espansione dei reni. Ciò aumenta il rischio di contaminazione batterica del tessuto renale e lo sviluppo di infezione in questo organo.

La pielonefrite gestazionale è più a rischio per le donne che sono gravide per la prima volta. In tali future madri, la parete anteriore dell'addome è più resistente, dal momento che non hanno dato alla luce neanche una volta. In questo caso, l'utero sperimenta una maggiore resistenza dalla parete addominale e gli ureteri vengono compressi con maggiore forza. I reni sono sottoposti a notevole stress, che crea condizioni per lo sviluppo del processo infiammatorio in essi.

Il rischio di sviluppare la pielonefrite gestazionale è anche aumentato dai seguenti fattori:

  • cistite o pielonefrite precedentemente trasferite;
  • donne ipotermia, in particolare il nuoto in acqua fredda o camminare a piedi nudi;
  • diabete mellito;
  • patologie renali esistenti, compresa la loro espansione;
  • aumento della pressione sanguigna;
  • mancanza di un rene.

Pertanto, il rischio di diabete gestazionale è più probabile che aumenti la già esistente malattia renale o altri organi della futura mamma.

Qual è la pielonefrite pericolosa durante la gravidanza

Il processo infiammatorio nella pielonefrite gestazionale di solito si verifica in entrambi i reni. Con l'inizio tempestivo del trattamento, il processo patologico svanisce piuttosto rapidamente a causa della terapia antibatterica.

Tuttavia, non tutte le future madri vanno da un medico anche se hanno sintomi di infiammazione dei reni. Nelle prime settimane dopo il concepimento, la febbre, il mal di schiena o il mal di schiena sono "incolpati" sulle manifestazioni caratteristiche della gravidanza. Infatti, questi sintomi compaiono spesso nel primo trimestre.

È importante! Se si dimentica l'insorgenza della malattia o si rifiuta di ricevere i farmaci antibatterici prescritti, quindi in entrambi i reni, possono verificarsi cambiamenti patologici distruttivi. Di conseguenza, ci sono pericolose complicazioni della gravidanza, come la preeclampsia.

Con la preeclampsia, non solo i reni sono danneggiati, ma la pressione sanguigna è aumentata in modo anormale, il che colpisce non solo la donna, ma anche il feto in via di sviluppo. Nei reni può iniziare un processo purulento, che richiede non solo interventi medici, ma in alcuni casi, chirurgici.

Per evitare tali complicazioni, si raccomanda alla futura madre di monitorare il suo stato di salute e monitorare il lavoro dei reni. Se sospetti dolore o cambia il colore dell'urina, contatta immediatamente uno specialista. Ciò consentirà di interrompere rapidamente il processo di infiammazione dei reni nella fase iniziale con un impatto minimo dei farmaci sul corpo della donna.

Sintomi di Pyelonephritis gestazionale

Le manifestazioni di pyelonephritis gestazionale, di regola, aumentano improvvisamente.

I sintomi più comuni includono:

  • febbre fino a 38 gradi o più e brividi;
  • dolore lombare ai reni;
  • dolore durante la minzione (se la pielonefrite è complicata dalla cistite a causa di batteri dai reni attraverso gli ureteri nella vescica);
  • decolorazione dell'urina e del suo volume;
  • aumento della voglia di urinare;
  • debolezza e deterioramento generale.

La natura delle manifestazioni dipende in gran parte dalla durata della gravidanza. Quindi, nel primo trimestre, si osserva di solito un forte dolore alla schiena che si irradia verso l'addome inferiore. Nella seconda metà del periodo di gestazione, il dolore è meno pronunciato, ma il danno renale può essere più pericoloso.

In alcuni casi, la pielonefrite gestazionale può essere quasi asintomatica. In questo caso, la malattia può essere rilevata solo dopo il test o l'ecografia.

Diagnosi di Pyelonephritis gestazionale

Per diagnosticare la pielonefrite, alle donne incinte vengono prescritti i seguenti test:

  1. Analisi delle urine. L'infiammazione dei reni è evidenziata da un aumento patologico del numero di leucociti in un campione di urina, dalla rilevazione di proteine ​​e batteri.
  2. Esame del sangue. La pielonefrite gestazionale è accompagnata da un aumento del numero di leucociti nel sangue e una variazione della VES.
  3. Stati Uniti. L'ecografia aiuterà a valutare le condizioni dei reni, a rilevare i segni di espansione della pelvi renale e altre manifestazioni di pielonefrite.

Quando si conferma la diagnosi di infiammazione dei reni, vengono effettuati anche ulteriori test. Per determinare la varietà di batteri patogeni, la coltura delle urine viene effettuata sulla flora e sulla sensibilità a determinati antibiotici. In base ai risultati dell'analisi, il medico sarà in grado di prescrivere il farmaco antibatterico più efficace, che è particolarmente importante durante la gravidanza, perché per la donna incinta, i farmaci eccessivi non sono sicuri.

In alcuni casi, la batteriuria asintomatica viene diagnosticata in donne in gravidanza. In questo caso, i test mostrano la presenza di batteri nelle urine, ma non compaiono sintomi. Tale condizione richiede anche un trattamento obbligatorio, perché altrimenti l'infezione del feto è possibile con la comparsa di gravi complicanze concomitanti.

Trattamento di pyelonephritis in donne incinte

Per combattere la pielonefrite gestazionale, vengono utilizzati i seguenti metodi:

  1. Nomina di antibiotici accuratamente selezionati per combattere i batteri che causano la pielonefrite. L'affermazione che ogni antibiotico è controindicato per le donne incinte non è corretto. Il medico selezionerà i mezzi più sicuri per il feto e la mancanza di trattamento è molto più distruttiva dell'effetto dei farmaci. Nel primo trimestre, le penicilline semisintetiche o naturali sono più spesso prescritte, in un secondo momento viene ampliata la lista dei farmaci approvati.
  2. La nomina di farmaci ausiliari: diuretico, disintossicante, sedativo.
  3. L'uso di preparati contenenti solo componenti vegetali, per ripristinare il lavoro dei reni. Di solito prescritto Lekran 500, fitolisi, canephron e altri prodotti naturali.
  4. dieta: in particolare, esclusione dal menu di condimenti, marinate, funghi, caffè, cibo eccessivamente salato. Sono ammessi prodotti lattiero-caseari, filetto di pollo, pesce di mare magro, bevande alla frutta.
  5. Procedura di plasmaferesi per disintossicare il corpo di una donna.
  6. Cateterismo degli ureteri - in violazione del deflusso di urina.
  7. Trattamento chirurgico È indicato in presenza di complicanze purulente e di altro tipo. È possibile eseguire la decapsulazione del rene, la nefrostomia, l'escissione di aree necrotiche del tessuto renale.

È importante! La pielonefrite acuta viene curata solo in ospedale. In presenza di batteriuria asintomatica, è possibile condurre attività terapeutiche a casa.

Se il trattamento ha successo, la consegna successiva è di solito senza complicazioni. Con lo sviluppo di tossicosi tardive con funzionalità renale compromessa, può essere raccomandato un taglio cesareo.

Prevenire la pielonefrite durante la gravidanza

Certamente, è meglio prevenire la comparsa della pielonefrite gestazionale rispetto all'intera gravidanza per far fronte alle sue conseguenze.

Prevenire la comparsa di sintomi pericolosi aiuterà queste azioni:

  • prevenire l'ipotermia del corpo, specialmente l'addome e la parte bassa della schiena, così come le gambe. Ecco perché le madri in dolce attesa dovrebbero dimenticare il collant magro quando fa freddo, camminare a piedi nudi su una piastrella fresca in un appartamento;
  • significativamente limitato nel menu di cibi piccanti, condimenti piccanti, aglio, aceto, verdure in salamoia, funghi, caffè;
  • rinunciare anche alle più piccole dosi di alcol e sigarette;
  • restrizione del sale negli alimenti preparati;
  • evitare il consumo di trucioli, cracker e altri prodotti di stoccaggio salati;
  • conformità con il consumo di acqua. Non dovresti tormentarti con sete, ma è anche indesiderabile bere acqua in litri. L'assunzione di liquidi deve essere dosata: è meglio bere qualche sorso d'acqua o succo ogni ora che concedersi una o due tazze di fila dopo una lunga pausa;
  • mantenere l'igiene intima per prevenire la contaminazione batterica delle vie urinarie;
  • osservanza del principio di regolarità delle visite ai servizi igienici "in piccolo" al fine di prevenire la ritenzione di urina nel corpo e lo sviluppo di batteri patogeni nella vescica;
  • test regolari preventivi per la possibile individuazione di segni di pielonefrite incipiente.

La scelta più ragionevole sarebbe quella di seguire i suggerimenti di cui sopra, non solo quando si trasporta un feto, ma anche molto prima dell'inizio della gravidanza. L'assenza di qualsiasi malattia renale prima del concepimento e una buona salute generale è una garanzia abbastanza affidabile dell'eccellente stato di salute della futura madre e della nascita di un bambino forte.

Vladimir Plisov, revisore medico

4.189 punti totali, 12 visualizzazioni oggi

Pyelonephritis in gravidanza - sintomi e trattamento

La pielonefrite è una patologia renale di origine infettiva, in cui la struttura dell'organo è disturbata. Sullo sfondo dell'infiammazione, il deflusso delle urine peggiora, la malattia è accompagnata da dolore, talvolta febbre alta. La pielonefrite durante la gravidanza si verifica spesso, può essere primaria, ma più spesso diagnosticata con esacerbazione di infiammazione cronica dei reni. Come trattare la pielonefrite durante la gravidanza? Quanto è pericolosa la malattia per mamma e bambino?

Pyelonephritis gestazionale

La pielonefrite nelle donne in gravidanza è diagnosticata in circa il 10% delle donne. I motivi principali sono l'immunità indebolita, la pressione dell'utero sui reni, i cambiamenti nei livelli ormonali. Il codice per ICD-10 è O23.0 (infezione renale durante la gravidanza).

Man mano che il feto cresce, l'utero aumenta di dimensioni - la struttura anatomica dei reni cambia sotto pressione, la circolazione sanguigna peggiora e l'urina si allontana. Sullo sfondo dei cambiamenti ormonali nel corpo, il tono muscolare cambia - l'urodinamica viene disturbata, l'urina dalla vescica viene rigettata nei reni. Se i microrganismi patogeni sono presenti nelle urine, inizia il processo infiammatorio nei reni.

È importante! Qualsiasi malattia infettiva può causare processi infiammatori negli organi del sistema urogenitale.

L'infiammazione dei reni nelle donne in gravidanza è chiamata pielonefrite gestazionale - la malattia si sviluppa durante il parto e può manifestarsi diversi giorni dopo la nascita. Molto spesso, il processo infiammatorio è localizzato nel rene destro.

Il più delle volte, la pielonefrite gestazionale si verifica in donne primipare, con polidramnios, che trasportano due o più bambini, un grande feto. La malattia spesso procede senza chiari sintomi, i segni sono simili a distacco della placenta, aborto minacciato. È possibile stabilire la diagnosi solo dopo analisi.

Indizi per ospedalizzazione per pyelonephritis in donne incinte:

  • pielonefrite acuta, esacerbazione della forma cronica;
  • insufficienza renale;
  • preeclampsia, che si sviluppa sullo sfondo di infiammazione dei reni;
  • la minaccia di aborto spontaneo, nascita prematura;
  • se i test mostrano un deterioramento del feto.

La pielonefrite nel primo trimestre appare più luminosa rispetto alle fasi successive della gravidanza. Un trattamento adeguato nella fase iniziale della malattia aiuterà a eliminare rapidamente il processo infiammatorio, il rischio di sviluppare complicanze è minimo. Se la pielonefrite gestazionale si verifica sullo sfondo di ipertensione, anemia e compromissione funzionale dei reni, ciò rappresenta una seria minaccia per la vita e la salute della madre e del bambino.

Segni di pyelonephritis cronico e affilato

Pyelonephritis - una malattia infettiva che si verifica sullo sfondo di infezione da E. coli, batteri. Con il flusso sanguigno nelle vie ascendenti o discendenti, i patogeni entrano nei reni. L'immunità indebolita di una donna incinta non può combatterli, l'infiammazione si sviluppa.

La pielonefrite acuta è accompagnata da un forte dolore alla colonna lombare, che dà alla gamba, allo stomaco, alle natiche. L'orinazione diventa dolorosa, la temperatura aumenta bruscamente, aumenta la sudorazione. Nelle donne primipare, la malattia può verificarsi a 16-20 settimane, in quelli multiparati - a 25-32.

I sintomi principali di pyelonephritis affilato:

  • aumento della temperatura corporea a 38-39 gradi;
  • l'urina diventa torbida;
  • mal di schiena persistente su uno o entrambi i lati;
  • brividi, dolore alle articolazioni, muscoli.

La pielonefrite cronica si manifesta senza alcun sintomo, il che può essere molto pericoloso per una donna incinta. La diagnosi aiuterà l'analisi clinica del sangue e delle urine. Dolore sordo nella regione lombare, la presenza di proteine ​​nelle urine può indicare lo sviluppo del processo infiammatorio nei reni.

È importante! L'esacerbazione della pielonefrite cronica durante la gravidanza può causare aborto spontaneo, parto prematuro e morte fetale nel grembo materno.

Qual è la pielonefrite pericolosa durante la gravidanza

È importante! La pielonefrite è soggetta a trattamento obbligatorio durante la gravidanza - gli antibiotici causano meno danni. Di infiammazione nei reni.

In che modo la pielonefrite influisce sulla gravidanza? Le donne incinte con infiammazione dei reni sviluppano quasi sempre una grave preeclampsia - questo può causare gravi conseguenze per il bambino.

Che cosa minaccia la pielonefrite durante la gravidanza:

  • interruzione prematura della gravidanza - il dolore persistente o grave stimola la riduzione del miometrio uterino;
  • infezione del feto nell'utero - nelle prime fasi della gravidanza, la placenta non è ancora completamente formata, l'infezione penetra nel tessuto del feto, si verificano patologie dello sviluppo;
  • privazione di ossigeno - ipossia e asfissia fetale si verificano sullo sfondo di cambiamenti patologici nei reni.

Se una donna ha sofferto di pielonefrite durante la gravidanza, i neonati hanno spesso peso ridotto, ingiallimento prolungato, ipotermia e patologie del sistema nervoso centrale.

È importante! La conseguenza della pielonefrite nelle fasi iniziali - la morte di un bambino nel primo periodo postpartum.

Poiché l'infiammazione dei reni si sviluppa spesso in una forma cronica, la gravidanza dopo la pielonefrite avviene sotto la costante supervisione di un medico, una donna è raccomandata per andare in ospedale nel primo e nel terzo trimestre.

diagnostica

La diagnosi precoce aiuta a minimizzare gli effetti negativi della malattia, a tradurre la patologia nella fase di remissione stabile. Dopo un esame esterno e un'analisi dei reclami, il medico prescrive un esame completo e completo.

  • analisi clinica delle urine - la presenza di proteine, batteri, conta dei globuli bianchi elevati indica un processo infiammatorio;
  • l'analisi delle urine secondo Nechiporenko, secondo Zimnitsky - mostra il contenuto di leucociti, la presenza di proteine ​​e impurezze del sangue;
  • cultura delle urine per identificare il tipo di microrganismi patogeni - effettuato tre volte;
  • un esame del sangue clinico - alta ESR, bassa emoglobina, alto contenuto di leucociti immaturi indica infiammazione;
  • Ultrasonografia usuale e con un doppler.

Se si sospetta la pielonefrite, il ginecologo ti riferirà ai test e consulterà un nefrologo. L'ulteriore trattamento dell'infiammazione renale si terrà in ospedale sotto la supervisione di entrambi gli specialisti.

È importante! La pielonefrite non è un'indicazione importante per il taglio cesareo.

Caratteristiche del trattamento in donne in gravidanza

In caso di pielonefrite dei reni, le donne in gravidanza dovrebbero osservare il riposo a letto, evitare lo stress, uno sforzo fisico intenso. Per migliorare il flusso delle urine, è necessario sdraiarsi più volte al giorno sul lato opposto al rene infiammato - le gambe dovrebbero essere leggermente più alte della testa. Se il miglioramento non viene osservato entro 24 ore, verrà installato un catetere nella donna.

Gli antibiotici per il trattamento dell'infiammazione dei reni sono usati senza fallo, la loro scelta dipende dalla durata della gravidanza, dalla forma e dalla gravità della malattia. Inoltre prescrivi uroantseptics, antidolorifici, antispasmodici. Il regime di trattamento è prescritto dal medico singolarmente.

Farmaci essenziali per il trattamento delle infiammazioni renali:

  1. Nel primo trimestre, gli antibiotici sono prescritti in casi estremi, poiché la placenta non protegge completamente il feto. Durante questo periodo, è permesso usare antibiotici del gruppo di penicillina - Ampicillin, Amoxiclav.
  2. Nel secondo trimestre, l'uso di agenti antibatterici più forti dal gruppo di cefalosporine II, III generazione - Cefazolin, Supraks. Questi fondi possono essere presi fino a 36 settimane, la durata della terapia - 5-10 giorni.
  3. A partire da 16 settimane, se necessario, è possibile applicare Nitroxoline.
  4. Con danno renale da stafilococchi, si possono usare macrolidi - Sumamed, Erythromycin.

È importante! È severamente vietato eseguire il trattamento durante la gravidanza con fluorochinoloni (Nolitsin), farmaci a base di tetraciclina, non è possibile assumere Biseptolo, Levomicetina.

Di grande importanza durante il trattamento è una corretta alimentazione, la conformità con il regime di bere. Una dieta per la pielonefrite in donne in gravidanza implica un rifiuto totale di cibi piccanti, salati, grassi, affumicati e fritti. Non è raccomandato l'uso di cibi che irritano le pareti della vescica - ravanelli, spinaci, acetosella. Il pane è meglio mangiare un po 'essiccato, la preferenza è data a prodotti a base di farina grossolana.

Hai bisogno di bere almeno 2 litri di liquidi al giorno. I migliori drink per le donne incinte sono il succo di mirtillo, il decotto di rosa canina, l'acqua minerale senza gas.

Trattamento di rimedi popolari

La medicina a base di erbe contribuirà a migliorare l'efficacia dei farmaci, per il trattamento della pielonefrite si utilizzano piante con proprietà diuretiche e antinfiammatorie.

Come trattare la pielonefrite a base di erbe? Per prima cosa è necessario ricordare quali piante sono vietate durante la gravidanza:

  • bacche di ginepro;
  • radice e semi di prezzemolo;
  • uva ursina;
  • liquirizia;
  • Yarrow.

Avena di brodo - un rimedio universale per il trattamento dell'infiammazione dei reni. È necessario cuocerlo dai cereali - versare 180 g di cereali con 1 l di acqua, stufare per 2-3 ore a fuoco basso. La medicazione della farina d'avena deve essere assunta a stomaco vuoto con 120 ml 2-3 volte al giorno.

La zucca è una verdura sana con un potente effetto anti-infiammatorio. Da esso è necessario fare il succo, cucinare il porridge, mangiare crudo e bollito.

I fianchi di brodo - una bevanda indispensabile per le donne incinte, che rafforza il sistema immunitario, ha proprietà diuretiche e anti-infiammatorie. In 1 litro di acqua bollente versare 100 bacche essiccate, stufare a fuoco basso per 5 minuti in un contenitore chiuso. Insistere per 3 ore, bere l'intera porzione del brodo durante il giorno.

Un'infusione di timo aiuta a eliminare rapidamente il dolore e l'infiammazione. Versare 220 ml di acqua bollente 5 g di materia prima secca, lasciare agire per 20 minuti. Prendere nella forma filtrata 15 ml 3-4 volte al giorno. La durata del trattamento è di 7-10 giorni.

prevenzione

Le donne incinte dovrebbero sapere non solo come trattare la pielonefrite, ma anche come prevenire la comparsa della malattia, il suo peggioramento. È necessario visitare regolarmente il ginecologo per sottoporsi a test di urina e sangue. Per prevenire l'esacerbazione dell'infiammazione renale cronica da 12-13 settimane, puoi prendere i rimedi erboristici urologici: Canephron N, Brusniver.

Se la storia delle malattie croniche del sistema urinario, quindi una dieta speciale dovrebbe essere seguita fino alla nascita. Le donne incinte per prevenire il ristagno delle urine hanno bisogno di svuotare la vescica ogni 3-4 ore.

È necessario evitare l'ipotermia, non andare in luoghi affollati durante epidemie, fare regolarmente ginnastica per donne incinte, nuotare, camminare per 30-40 minuti ogni giorno.

La pielonefrite durante la gravidanza è una malattia complessa e pericolosa che è pericolosa per donne e bambini. È necessario curare la malattia, perché l'infezione può causare la morte del bambino. Diagnosi tempestiva, l'attuazione delle raccomandazioni del medico contribuirà ad evitare l'esacerbazione e la recidiva dell'infiammazione renale.

Caratteristiche di pyelonephritis cronico in donne incinte

La pielonefrite cronica è una delle più comuni malattie delle donne incinte, è un pericolo per la salute della madre e del bambino. Si verifica in ogni decima donna incinta, in alcuni casi porta a gravi complicazioni, sia durante la gravidanza che dopo di esso.

A questo possiamo aggiungere che la gravidanza stessa è un fattore provocante che porta allo sviluppo di forme acute di pielonefrite. Naturalmente, questo causa un decorso più grave di una malattia renale cronica già formata.

Perché la pielonefrite cronica peggiora durante la gravidanza

La causa principale è una violazione (più precisamente, una complicazione) del passaggio dell'urina, a causa di cambiamenti nella posizione e dimensione dell'utero, nonché l'effetto del progesterone sui recettori del tratto urinario interno.

L'utero (nella seconda metà della gravidanza) si discosta leggermente e gira a destra, facendo pressione sul rene destro. Questo, tra l'altro, spiega il fatto che durante l'esacerbazione della pielonefrite nelle donne in gravidanza, di solito è il rene giusto che soffre di più. Nell'organo stesso, c'è un'espansione degli elementi urinari (sistema pielocalicea), gli ureteri si espandono. La capacità del tratto urinario sale a 50-70 ml (per rene).

Il rene e l'uretere, sovraccaricati di urina (congestione e aumento della pressione), si trovano in una situazione favorevole per l'esacerbazione della pielonefrite cronica. In questo caso, può anche essere formata pielonefrite primaria.

Questi processi sono osservati in donne in gravidanza con malattie renali dal 3 ° all'8 ° mese (fino a quando il feto non viene spinto).

Dall'ottavo mese c'è un miglioramento delle condizioni della donna incinta. Infine, i reni tornano alla normalità, di norma, entro il 4 ° mese dalla consegna.

Fattori che provocano aggravamento

Un ruolo significativo è giocato dalla condizione dell'apparato legamentoso dei reni, così come dalla condizione della capsula grassa.

Se la gravidanza è combinata con un basso peso corporeo, la probabilità di esacerbazione della pielonefrite aumenta significativamente. Cerca di regolare la nutrizione nel primo trimestre di conseguenza.

Naturalmente, lo stato attuale dei reni, così come la gravità del reflusso vescico-ureterale (cioè il reflusso urinario di ritorno) gioca un ruolo.

Spesso l'esacerbazione della pielonefrite è associata a valori di picco degli ormoni, che è abbastanza tipico per le donne incinte.

In questo caso, il problema non è tanto nella disfunzione dell'apparato della valvola renale, quanto nell'effetto di estrogeni e progesterone su certi tipi di recettori. Questa situazione può essere sospettata nel tempo e aiutare a correggere il ginecologo-endocrinologo.

Anche in assenza di un focolaio di infezione cronica nel corpo (o con la sua passività relativa), nelle donne in gravidanza, l'infezione spesso sale dalla vescica, o si diffonde attraverso le vie linfatiche o circolatorie.

Nel primo caso ciò è facilitato dalla stagnazione degli ureteri e dei reni stessi, nel secondo - una diminuzione dell'immunità, che non è rara durante la gravidanza.

Come risultato, si sviluppa la esacerbazione della pielonefrite cronica o infezione renale acuta (glomerulonefrite acuta, pielonefrite).

L'agente eziologico molto spesso diventa E. coli, proteo, enterococco, stafilococco, candida.

Qual è la malattia pericolosa durante la gravidanza

L'esacerbazione della pielonefrite porta alla gestosi precoce (tossicosi), con sintomi sviluppati: la pressione aumenta, gli edemi si sviluppano, ci possono essere delle convulsioni. C'è una perdita di proteine ​​nelle urine.

La gestosi, come è noto, è ancora la causa principale della mortalità materna.

Sullo sfondo di esacerbazioni, si verificano spesso aborti spontanei e parto prematuro. La placenta può esfoliare prematuramente, il che porta anche a un aborto spontaneo.

Nell'immunodeficienza grave della madre, il feto può essere infetto da un agente patogeno che ha avviato la riacutizzazione della pielonefrite. In questo caso, il bambino può svilupparsi in modo anomalo, poiché i suoi tessuti presentano ipossia (mancanza di ossigeno e sostanze nutritive).

Dopo l'esacerbazione durante la gravidanza, la pielonefrite nel periodo postpartum è molto peggio, il che influenza la qualità della vita della madre.

Gravi complicanze della malattia: sepsi (setticemia, setticopatia), shock tossico (batterico). Data l'elevata mortalità di queste condizioni, le donne in gravidanza con pielonefrite sono sempre considerate un gruppo ad alto rischio.

Se ha (o ha avuto, almeno una volta) pielonefrite o qualsiasi altra malattia renale - assicurati di informare il ginecologo a riguardo.

Sintomi di pyelonephritis cronico in donne incinte

La forma cronica può durare per un periodo piuttosto lungo in assenza di una clinica espansa. Più precisamente - sono presenti alcuni dolori nella parte bassa della schiena e un leggero aumento della temperatura corporea, ma il paziente spesso non attribuisce la giusta importanza a questo.

Ciò è dovuto o all'abbondanza di "effetti speciali" caratteristici della gravidanza come condizione (vomito, gonfiore, perversione del gusto, irritabilità, ecc.), O a causa dell'abitudine al dolore costante dei reni (con poco o grave pielonefrite, urolitiasi, ecc.).

Segni sulla foto

La debolezza aumenta gradualmente, il colore dell'urina può cambiare. Tutto ciò, a proposito, può anche essere attribuito al paziente alla gravidanza stessa, soprattutto se si tratta della prima gravidanza. Ci sono dolori nella zona lombare, che possono essere sia noiosi che acuti (lancinanti). Il dolore è solitamente esacerbato inclinando il corpo in avanti.

Ai primi segni di esacerbazione della pielonefrite cronica in una donna incinta, è necessario chiamare un medico

L'esacerbazione del processo cronico è accompagnata dai seguenti fenomeni:

  • La temperatura corporea sale a 39-40 ° C, appaiono i brividi;
  • Una donna incinta inizia a sentirsi male fino a vomitare, il suo appetito diminuisce;
  • L'urina può avere un odore acre e sgradevole. Il colore può diventare rossastro;
  • Grande debolezza
  • alta temperatura corporea (38-40 gradi);

I medici differenziano l'esacerbazione con appendicite acuta, colica, colecistite, nonché con nefropatia e manifestazioni di ipertensione. Non funzionerà da solo, quindi, con i sintomi di cui sopra, la donna incinta è ricoverata in ospedale.

Durante l'esacerbazione della pielonefrite cronica (anche se sospettata), la donna incinta deve essere ricoverata incondizionatamente.

Gradi di rischio

Ci sono 3 gradi di rischio per prevenire la mortalità materna. Il primo è la pielonefrite primaria non complicata durante la gravidanza. In questo caso, non ci sono particolari controindicazioni alla gravidanza.

Se una donna ha avuto pielonefrite cronica prima della gravidanza, cade già nel secondo gruppo a rischio.

Il primo e il secondo gruppo vengono inoltre osservati da un nefrologo o terapeuta e la maggior parte di queste gravidanze viene risolta in modo sicuro.

Se la pielonefrite viene combinata in una donna incinta con ipertensione, anemia o solo un rene, la gravidanza è controindicata.

Certo, puoi lasciare la frutta, ma dovrai firmare molti documenti necessari e ascoltare diversi esperti specializzati. Il rischio per la tua vita in questo caso è abbastanza reale e la salute del feto è minacciata (e durante) prima della nascita.

Trattamento di pyelonephritis cronico in donne incinte

La pielonefrite viene trattata secondo i rigidi principi della terapia, ad es. L'agente patogeno viene seminato e viene selezionato un antibiotico, tenendo conto delle controindicazioni e degli effetti collaterali del farmaco. È necessario comprendere che il rapporto rischio / beneficio può andare ben oltre i limiti delle istruzioni per i farmaci.

La necessità della nomina di un farmaco dovuta alla preoccupazione per la sicurezza della madre e del feto. Poiché la vita è il valore più alto, è consentito l'uso di farmaci che non sono mostrati nel periodo di esacerbazione della pielonefrite cronica in donne in gravidanza.

Oltre agli antibiotici, sono prescritte vitamine, acque minerali (Essentuki n. 20), antispastici e farmaci diuretici, fisioterapia ed esercizio fisico.

La terapia di disintossicazione viene eseguita per le donne in gravidanza - reopolyglukine, soluzioni proteiche, emodez gocciolano. Per prevenire i disturbi dello sviluppo fetale, viene prescritto trental (riduce l'ipossia tissutale).

Se il trattamento non è sufficientemente efficace, gli ureteri possono essere cateterizzati per un passaggio stabile di urina.

Si raccomanda di dare alla luce donne incinte con pielonefrite attraverso il canale del parto, poiché il taglio cesareo è estremamente indesiderabile in presenza di infezioni di questo tipo.

L'eccezione può essere un'indicazione ostetrica molto rigida, ad esempio la discrepanza tra i parametri lineari del bacino e la testa del bambino.

Se la pielonefrite è accompagnata da grave tossicosi, viene eseguito un parto prematuro.

Una donna in travaglio viene osservata in ospedale per 10 giorni, dopo di che viene dimessa dalla casa di maternità, sotto la supervisione di un nefrologo (urologo).

Raccomandazioni generali per la malattia

È necessario utilizzare un sacco di liquido (più di 2 litri al giorno), cibi fritti, piccanti e grassi sono esclusi. In assenza di patologie combinate da parte del sistema digestivo, è consigliabile consumare un sacco di frutta e verdura ogni giorno.

La carne, il pesce e il brodo di funghi sono controindicati (carne, pesce e funghi possono essere aggiunti a verdure e cereali), poiché gli estratti possono provocare un peggioramento della pielonefrite.

Per ridurre il carico sui reni, è necessario ridurre l'uso di sale da cucina (consumo totale al giorno fino a 8 g).

Quando compaiono i primi segni di esacerbazione, viene indicato un rigoroso riposo a letto. Nel periodo di remissione - al contrario, è desiderabile essere abbastanza attivi, perché migliora il flusso di urina.

Il rispetto di queste regole e le consultazioni tempestive di specialisti competenti riducono significativamente il rischio di esacerbazione della pielonefrite cronica durante la gravidanza. Ai primi segni di un processo acuto (febbre, debolezza, mal di schiena), chiamare immediatamente un medico.

Altri Articoli Su Rene