Principale Tumore

Prolasso uterino

Il prolasso dell'utero - la posizione errata dell'utero, lo spostamento del fondo e del collo dell'utero al di sotto del limite anatomico e fisiologico a causa dell'indebolimento dei muscoli del pavimento pelvico e dei legamenti dell'utero. Nella maggior parte dei pazienti, il prolasso e il prolasso dell'utero sono generalmente accompagnati da uno spostamento verso il basso della vagina. Il prolasso dell'utero si manifesta con una sensazione di pressione, disagio, dolore nella parte inferiore dell'addome e nella vagina, disturbi urinari (difficoltà, aumento della minzione, incontinenza urinaria) e perdite vaginali anormali. Può essere complicato dalla perdita parziale o completa dell'utero. L'omissione dell'utero viene diagnosticata durante un esame pelvico. A seconda del grado di prolasso dell'utero, le tattiche di trattamento possono essere conservative o chirurgiche.

Prolasso uterino

Il prolasso dell'utero - la posizione errata dell'utero, lo spostamento del fondo e del collo dell'utero al di sotto del limite anatomico e fisiologico a causa dell'indebolimento dei muscoli del pavimento pelvico e dei legamenti dell'utero. Manifestata da una sensazione di pressione, disagio, dolore al basso ventre e nella vagina, disturbi della minzione (difficoltà, aumento della minzione, incontinenza urinaria), scarico anomalo dalla vagina. Può essere complicato dalla perdita parziale o completa dell'utero.

Le opzioni più comuni per la posizione impropria degli organi genitali interni di una donna sono il prolasso dell'utero e il suo prolasso (Uterocele). Quando l'utero si abbassa, la sua cervice e il suo fondo sono spostati sotto il bordo anatomico, ma la cervice non appare dalla fessura genitale anche quando si sforzano. L'uscita dell'utero oltre la fessura genitale è considerata come prolasso. Lo spostamento dell'utero verso il basso precede la sua perdita parziale o totale. Nella maggior parte dei pazienti, il prolasso e il prolasso dell'utero sono generalmente accompagnati da uno spostamento verso il basso della vagina.

Il prolasso dell'utero è una patologia abbastanza comune che si verifica nelle donne di tutte le età: viene diagnosticata nel 10% delle donne sotto i 30 anni, all'età di 30-40 anni rilevate nel 40% delle donne e all'età dopo 50 anni si verifica a metà. Il 15% di tutte le operazioni sui genitali sono effettuate sull'omissione o sul prolasso dell'utero.

Il prolasso dell'utero è più spesso associato ad un indebolimento dell'apparato legamentoso dell'utero, così come i muscoli e la fascia del pavimento pelvico, e spesso porta alla dislocazione del retto (rettocele) e della vescica (cistocele), accompagnata da un disturbo delle funzioni di questi organi. Spesso il prolasso dell'utero inizia a svilupparsi già in età fertile e comporta sempre un decorso progressivo. Quando l'utero cade, i disordini funzionali associati diventano più pronunciati, il che porta sofferenza fisica e morale alla donna e spesso porta a una disabilità parziale o completa.

La posizione normale dell'utero è la sua posizione nella pelvi, ad uguale distanza dalle sue pareti, tra il retto e la vescica. L'utero ha un'inclinazione del corpo anteriormente, formando un angolo ottuso tra il collo e il corpo. La cervice è deviata posteriormente, forma un angolo di 70-100 ° rispetto alla vagina, la sua faringe esterna è adiacente alla parete posteriore della vagina. L'utero ha sufficiente mobilità fisiologica e può cambiare la sua posizione a seconda del riempimento del retto e della vescica.

Una tipica posizione normale dell'utero nella cavità pelvica è facilitata dal suo tono, dall'interposizione con gli organi adiacenti, dal sistema legamentoso e muscolare dell'utero e dal pavimento pelvico. Qualsiasi violazione dell'architettura dell'apparato dell'utero contribuisce al prolasso dell'utero o al suo prolasso.

Classificazione di prolasso e prolasso dell'utero

Ci sono le seguenti fasi di prolasso e prolasso dell'utero:

  • prolasso del corpo e della cervice - la cervice è determinata al di sopra del livello dell'ingresso della vagina, ma non protrude oltre i limiti della fenditura genitale;
  • prolasso parziale dell'utero - la cervice viene mostrata dalla fessura genitale durante sforzo, sforzo fisico, starnuti, tosse, sollevamento pesi;
  • prolasso incompleto del corpo e del fondo dell'utero - la cervice e in parte il corpo dell'utero sporgono dalla fessura genitale;
  • completa perdita del corpo e del fondo dell'utero - l'uscita dell'utero oltre la fessura genitale.

Cause di prolasso e prolasso dell'utero

Difetti anatomici del pavimento pelvico, con conseguente risultato di:

  • danno ai muscoli del pavimento pelvico;
  • lesioni alla nascita - quando si applica un forcipe ostetrico, passando l'aspirapolvere sul feto o rimuovendo il feto dai glutei;
  • precedenti interventi genitali (vulvectomia radicale);
  • profonde lacrime perineali;
  • violazioni dell'innervazione del diaframma urogenitale;
  • malformazioni pelviche congenite;
  • carenza di estrogeni, in via di sviluppo in menopausa;
  • displasia del tessuto connettivo, ecc.

I fattori di rischio nello sviluppo del prolasso dell'utero e la sua successiva perdita sono numerosi nascite nella storia, lavoro fisico pesante e sollevamento pesi, anziani e anziani, ereditarietà, aumento della pressione intra-addominale causata dall'obesità, tumori della cavità addominale, costipazione cronica, tosse.

Spesso nello sviluppo del prolasso dell'utero svolge il ruolo dell'interazione di un certo numero di fattori, sotto l'influenza di cui c'è un indebolimento dell'apparato connettivo-muscolare degli organi interni e del pavimento pelvico. Con un aumento della pressione intra-addominale, l'utero viene espulso oltre il pavimento pelvico. La discesa dell'utero comporta lo spostamento di organi anatomicamente strettamente correlati - la vagina, il retto (rettocele) e la vescica (cistocele). Il rettocele e il cistocele aumentano sotto l'azione della pressione interna nel retto e nella vescica, causando un prolasso ancora maggiore dell'utero.

Sintomi di prolasso e prolasso dell'utero

Senza trattamento, il prolasso dell'utero è caratterizzato da una graduale progressione dello spostamento degli organi della piccola pelvi. Nelle fasi iniziali del prolasso uterino, vi è un dolore tirante e una pressione nell'addome inferiore, nell'osso sacro, nella parte bassa della schiena, nella sensazione di corpo estraneo nella vagina, nella dispareunia (rapporto doloroso), nella comparsa di sbiancamento o secrezione sanguinosa dalla vagina. Le manifestazioni caratteristiche del prolasso uterino sono cambiamenti nella funzione mestruale del tipo di iperpolimenorrea e algomenorrea. Spesso, quando l'utero si abbassa, si nota infertilità, sebbene la gravidanza non sia esclusa.

In futuro, i disturbi urologici che si verificano nel 50% dei pazienti si uniscono ai sintomi del prolasso uterino: difficoltà o minzione frequente, sviluppo di un sintomo di urina residua, congestione negli organi urinari e successiva infezione del tratto urinario inferiore e superiore si sviluppa cistite, pielonefrite, urolitiasi. Il prolungato decorso del prolasso e del prolasso dell'utero porta a un allungamento eccessivo degli ureteri e dei reni (idronefrosi). Spesso lo spostamento dell'utero verso il basso è accompagnato da incontinenza.

Complicazioni proctologiche nell'omissione e prolasso dell'utero si trovano in ogni terzo caso. Questi includono costipazione, colite, incontinenza fecale e gas. Spesso, sono le manifestazioni urologiche e proctologiche del prolasso uterino che portano i pazienti a rivolgersi a specialisti adiacenti - l'urologo e il proctologo. Con la progressione del prolasso dell'utero, il sintomo principale è un'educazione auto-rilevabile che sporge dalla fenditura genitale.

La parte sporgente dell'utero ha l'aspetto di una superficie lucida, opaca, incrinata, fradicia. Inoltre, a causa del trauma costante durante la deambulazione, la superficie rigonfia è spesso ulcerata con la formazione di piaghe profonde, che possono sanguinare e infettarsi. Con il prolasso dell'utero, alterata circolazione del sangue nella piccola pelvi, si sviluppa la comparsa di ristagno, cianosi della mucosa uterina ed edema dei tessuti adiacenti.

Spesso, quando l'utero si sposta sotto i limiti fisiologici, la vita sessuale diventa impossibile. I pazienti con prolasso uterino spesso sviluppano vene varicose, principalmente degli arti inferiori, a causa di alterazioni del flusso venoso. Complicazioni del prolasso e del prolasso dell'utero possono anche servire come pizzicare l'utero prolasso, piaghe da decubito delle pareti vaginali, pizzicando cappi intestinali.

Diagnosi di prolasso e prolasso dell'utero

L'omissione e il prolasso dell'utero possono essere diagnosticati a una visita da un ginecologo durante un esame ginecologico. Per determinare il grado di prolasso dell'utero, il medico chiede al paziente di stringere, dopo di che, durante un esame vaginale e rettale, determina lo spostamento delle pareti della vagina, della vescica e del retto. Le donne con dislocazione dei genitali sono messe sul conto del dispensario. È obbligatorio per i pazienti con una tale patologia dell'utero sottoporsi a colposcopia.

In caso di omissione e prolasso dell'utero, che richiede chirurgia plastica conservativa per l'organo e con concomitanti malattie dell'utero, nel complesso diagnostico sono inclusi ulteriori metodi di esame:

  • isterosalpingoscopia e curettage diagnostico dell'utero;
  • diagnosi ecografica degli organi pelvici;
  • prendendo macchie sulla flora, il grado di purezza della vagina, bakposev, nonché per determinare le cellule atipiche;
  • urina bakposev per escludere infezioni del tratto urinario;
  • urografia escretoria per eliminare l'ostruzione del tratto urinario;
  • tomografia computerizzata per chiarire lo stato degli organi pelvici.

I pazienti con prolasso uterino sono esaminati da un proctologo e un urologo per determinare la presenza di rettocele e cistocele. Egli valuta lo stato dello sfintere del retto e della vescica per rilevare l'incontinenza di gas e urina durante la tensione. L'omissione e il prolasso dell'utero dovrebbero essere distinti dall'inversione dell'utero, dalla cisti vaginale, dal nodo miomatoide nato e dalla diagnosi differenziale.

Trattamento di prolasso e prolasso dell'utero

Quando si sceglie una strategia di trattamento, vengono presi in considerazione i seguenti fattori:

  1. Il grado di prolasso o prolasso dell'utero.
  2. La presenza e la natura di concomitanti malattie ginecologiche dell'utero.
  3. La necessità e la capacità di ripristinare o preservare le funzioni mestruali e di gravidanza.
  4. L'età del paziente.
  5. La natura della disfunzione dello sfintere della vescica e del retto, colon.
  6. Il grado di rischio anestetico e chirurgico in presenza di malattie concomitanti.

Data la combinazione di questi fattori, viene determinata la tattica del trattamento, che può essere sia conservativa che chirurgica.

Trattamento conservativo del prolasso e prolasso dell'utero

Quando l'utero si abbassa, quando non raggiunge la fenditura genitale e le funzioni degli organi adiacenti non vengono disturbate, viene usato un trattamento conservativo, che può includere:

  • terapia fisica mirata a rafforzare i muscoli del pavimento pelvico e degli addominali (esercizi di Kegel, secondo Yunusov);
  • massaggio ginecologico;
  • terapia sostitutiva con estrogeni, che rafforza l'apparato legamentoso;
  • introduzione locale negli unguenti vaginali contenenti metaboliti ed estrogeni;
  • trasferimento di donne a lavori fisici più facili.

Se è impossibile eseguire un trattamento chirurgico per omissione o prolasso dell'utero in pazienti anziani, è indicato l'uso di tamponi vaginali e di peci che rappresentano anelli di gomma spessi di vari diametri. All'interno il pessario contiene aria, dandogli elasticità ed elasticità. Dopo l'inserimento nella vagina, l'anello fornisce supporto per l'utero lussato. Quando viene inserito nella vagina, l'anello poggia contro le volte della vagina e fissa la cervice in un'apposita apertura. Il pessario non può essere lasciato nella vagina per lungo tempo a causa del rischio di sviluppare piaghe da decubito. Quando si utilizzano i pimenti per il trattamento del prolasso uterino, i bendaggi vaginali giornalieri con decotto di camomilla, devono essere eseguite soluzioni di furacilina o permanganato di potassio e il ginecologo deve comparire due volte al mese. I pepsi possono essere lasciati nella vagina per 3-4 settimane, quindi fare una pausa per 2 settimane.

Trattamento chirurgico del prolasso e prolasso dell'utero

Un metodo più efficace e radicale per il trattamento del prolasso o del prolasso dell'utero è un'operazione chirurgica, le cui indicazioni sono l'inefficacia della terapia conservativa e un significativo grado di spostamento degli organi. La moderna ginecologia operativa nel processo di prolasso e prolasso dell'utero offre molti tipi di operazioni chirurgiche che possono essere strutturate secondo una caratteristica principale: l'educazione anatomica, che viene utilizzata per correggere e rafforzare la posizione degli organi.

Il primo gruppo di interventi chirurgici comprende la vaginoplastica - interventi chirurgici di plastica volti a rafforzare i muscoli e le fasce della vagina, della vescica e del pavimento pelvico (ad esempio coloperineolevatoroplasty, colporrhaphy anteriore). Poiché i muscoli e la fascia del pavimento pelvico sono sempre coinvolti nel prolasso dell'utero, la colpoperineo-neuroplastica viene eseguita durante tutti i tipi di operazioni come stadio principale o aggiuntivo.

Il secondo grande gruppo di operazioni comporta l'accorciamento e il rafforzamento dei legamenti rotondi che supportano l'utero e che li fissano alla parete anteriore o posteriore dell'utero. Questo gruppo di operazioni non è così efficace e offre il maggior numero di ricadute. Ciò è dovuto all'uso per la fissazione dei legamenti rotondi dell'utero, avendo la capacità di allungare.

Il terzo gruppo di operazioni per l'omissione e il prolasso dell'utero viene utilizzato per rafforzare la fissazione dell'utero cucendo insieme i legamenti. Alcune operazioni di questo gruppo privano ulteriormente i pazienti della capacità di generare figli. Il quarto gruppo di interventi chirurgici consiste in operazioni di fissazione degli organi spostati alle pareti del pavimento pelvico (sacro, osso pubico, legamenti pelvici, ecc.).

Il quinto gruppo di operazioni include interventi che utilizzano materiali alloplastici utilizzati per rafforzare i legamenti e fissare l'utero. Gli svantaggi delle operazioni di questo tipo comprendono un numero significativo di recidive di prolasso uterino, rigetto dell'alloplasto e sviluppo della fistola. Il sesto gruppo di operazioni per questa patologia include interventi chirurgici che portano a un parziale restringimento del lume della vagina. L'ultimo gruppo di operazioni include la rimozione radicale dell'utero - isterectomia, nei casi in cui non è necessario preservare la funzione genitale.

La preferenza nella fase attuale è data al trattamento chirurgico combinato, che comprende sia la fissazione dell'utero e della plastica della vagina, sia il rafforzamento del sistema muscolare legamentoso del pavimento pelvico in uno dei modi. Tutti i tipi di operazioni utilizzate nel trattamento del prolasso o del prolasso dell'utero vengono eseguite mediante accesso vaginale o attraverso la parete addominale anteriore (accesso addominale o laparoscopico). Dopo l'operazione, è necessario un corso di misure conservative: terapia fisica, dieta per eliminare la stitichezza, l'esclusione dello sforzo fisico.

Prevenzione del prolasso e prolasso dell'utero

Le misure preventive più importanti per l'omissione e il prolasso dell'utero sono l'osservanza di un regime razionale, a partire dall'infanzia della ragazza. In futuro, è necessaria una stretta osservanza della legislazione in materia di protezione del lavoro femminile, prevenzione di lavori fisici pesanti, sollevamento e trasporto di pesi superiori a 10 kg.

Durante la gravidanza e durante il parto, aumenta il rischio di lussazione genitale. Nello sviluppo del prolasso dell'utero, un ruolo importante è giocato non solo dal numero di nascite, ma anche dalla corretta gestione della gravidanza, del travaglio e del periodo postparto. Prestazioni ostetriche fornite con competenza, protezione del perineo, prevenzione del travaglio prolungato, scelta del giusto metodo di consegna - aiuteranno ad evitare ulteriori problemi associati all'omissione dell'utero.

Importanti misure preventive nel periodo postpartum sono il confronto e il restauro accurato dei tessuti perineali, la prevenzione delle complicanze settiche. Dopo il parto, al fine di prevenire il prolasso uterino, è necessario eseguire la ginnastica, rafforzare i muscoli del pavimento pelvico, addominali, legamenti e in caso di parto traumatico, prescrivere la terapia laser e la stimolazione elettrica dei muscoli del pavimento pelvico. Nel primo periodo postpartum, l'esercizio fisico pesante è controindicato. Con una tendenza alla stitichezza, alle donne è raccomandata una dieta mirata alla loro prevenzione, così come una speciale ginnastica medica.

Particolare attenzione alla prevenzione del prolasso e del prolasso dell'utero dovrebbe essere data nel periodo pre-menopausale: limitare lo sforzo fisico eccessivo, impegnarsi in ginnastica e sport terapeutici e preventivi. Un modo efficace per prevenire il prolasso uterino in menopausa è la nomina della terapia ormonale sostitutiva, che migliora il flusso sanguigno e rafforza l'apparato legamentoso degli organi pelvici.

Prolasso renale

Il prolasso renale è una condizione patologica causata dalla mobilità anormale di uno o entrambi i reni. Un altro nome per patologia è la nefroptosi. I reni possono spostarsi di 10-15 mm quando si cammina e si respira. Ma l'offset di oltre 50 mm non è incluso nel concetto di norma. Il prolasso dei reni in vari gradi - una patologia comune.

Fondamentalmente, viene diagnosticato il prolasso del rene destro, oltre il 70% dei casi - nefroptoz lato destro. Il rene sinistro cade meno spesso, nel 10% dei pazienti. La malattia è spesso asintomatica, non accompagnata da dolore, e si trova per caso, durante l'ecografia o la radiografia. Solo il 15% dei pazienti con nefropatia si lamenta di forti dolori.

Caratteristiche anatomiche e fisiologiche dei reni

I reni come l'organo più importante associato del sistema urinario sono responsabili per il mantenimento del corpo in una condizione stabile a causa della purificazione del sangue da tossine e prodotti di decomposizione. Altrettanto importante è il loro ruolo nella stabilizzazione dell'equilibrio delle sostanze chimiche. L'organo ha una forma a forma di fagiolo, il rene sinistro domina sul rene destro.

La fissazione stabile dei reni nella regione peritoneale è fornita da:

  • peduncolo vascolare, basato sull'arteria renale e le vene, tuttavia, il peduncolo è in grado di allungare e non fornisce una corretta fissazione;
  • capsula grassa, costituita interamente da cellule adipose; il suo scopo è proteggere il corpo dalle lesioni;
  • rene di fascia - fogli di tessuto connettivo; fascia responsabile della localizzazione dell'organo nel limbo a causa dell'accrescimento nel polo di ritorno del rene e del passaggio alla fascia diaframmatica;
  • letto renale formato dal diaframma, lo strato muscolare delle pareti addominali e il mesentere.

Il dispositivo di fissazione è complesso, al fine di lavorare adeguatamente per mantenere l'organo nella posizione anatomicamente corretta, è necessario il buon funzionamento di tutti i suoi componenti. Se uno dei componenti si indebolisce, il rene scende verso il basso sotto il suo stesso peso.

Tipi di patologia

Il prolasso dei reni è diviso in 3 fasi:

  • Stadio 1, o stadio iniziale della nefroptosi - lo spostamento dell'organo si verifica in 20-40 mm, non più; il rene abbassato può essere sondato appena sotto il bordo dell'arco costale al momento dell'inalazione, o quando si passa da una posizione sdraiata a una verticale;
  • Fase 2 - il rene abbassato si sposta verso il basso di 40-60 mm, ma quando viene ricevuta la posizione orizzontale, l'organo ritorna nella sua posizione; l'apparato legamentoso è allungato in modo significativo, i primi segni di malattia sotto forma di dolore e dinamiche negative nei test delle urine iniziano a manifestarsi attivamente nello stadio 2;
  • Fase 3: i reni possono spostarsi sul bacino fino a 10 cm; le condizioni del paziente peggiorano, il rischio di sviluppare un deficit funzionale e altre complicazioni è alto.

A seconda dell'intensità della mobilità patologica dei reni ci sono:

  • nefroptoz limitato - l'organo si sposta verso il basso a causa del diradamento della capsula grassa, ma il grado di movimento è limitato dall'elasticità dei legamenti;
  • sindrome del rene vagale - una patologia in cui un organo può spostarsi nella regione pelvica; provoca lo sviluppo della combinazione di sindrome del tessuto adiposo dimagrante e l'abbassamento dell'elasticità dei legamenti.

Occasionalmente, vi è un'aumentata attività nel movimento dei reni non verticalmente, ma a rotazione - rotazione attorno alle gambe del rene, o movimento da un lato all'altro (come il movimento del pendolo). Questa è una condizione particolarmente pericolosa - le vene e le arterie renali sono attorcigliate e tirate fuori, il che porta ad un restringimento del loro lume. La torsione e lo stiramento interrompono il flusso sanguigno e la circolazione del fluido linfatico, provocando un aumento della pressione nei tubuli.

Fattori di stimolazione

Le cause del prolasso renale sono dovute a fattori esterni e interni. La ptosi si sviluppa con un debole apparato legamentoso e la sua incapacità di mantenere una posizione ottimale dei reni. I fattori che contribuiscono all'indebolimento dei legamenti sono diversi:

  • il periodo di gestazione e parto provoca un forte stiramento dei muscoli addominali, che provoca una perdita di sostegno ai reni; una grande quantità di addome nel periodo di gravidanza, ripetute gravidanze aumentano il rischio di nefroptozie;
  • Intensa tosse prolungata, un sintomo di malattie infettive e virali (pertosse, tubercolosi, bronchiti ostruttive) porta all'effetto dei muscoli diaframmatici sugli organi peritoneali, spostandoli verso il basso;
  • l'intensa attività fisica associata al sollevamento pesi crea un aumento della pressione intra-addominale e aumenta il rischio di distorsioni, fascia;
  • lividi, cadute, altre lesioni violano l'integrità dell'apparato legamentoso, causando la formazione di crepe e lacrime; lesioni alla regione lombare causano ematomi che fanno pressione sui reni;
  • la perdita di peso in breve tempo provoca una diminuzione dello spessore della capsula grassa, di conseguenza il rene perde supporto e si sposta verso il basso;
  • una bassa attività motoria porta ad una diminuzione della pressione nella cavità peritoneale e ad un indebolimento dello strato muscolare, di conseguenza, i reni lasciano il letto, le fasce sono allungate;
  • ereditarietà: malattie associate alla debolezza dei muscoli e del tessuto connettivo (desmogenesi imperfetta, displasia) nei parenti di sangue lungo la stessa linea aumentano il rischio di nefroptozie;
  • effetti negativi di vibrazione e agitazione per un lungo periodo;
  • danno alla capsula grassa, apparato legamentoso durante interventi chirurgici;
  • malattie che fluttuano gravemente che causano la distrofia - cancro, cirrosi epatica;
  • età - negli anziani, i muscoli addominali, pelvici, lombari indeboliscono e perdono elasticità, che causa il prolasso degli organi interni;
  • ipoplasia congenita dell'apparato legamentoso dovuta a difetti genetici.

sintomi

I sintomi del prolasso renale tendono ad aumentare con il progredire della patologia. Allo stadio 1, il paziente non avverte disagio e dolore, sensazione di benessere. Ma nel tempo, il rene si sposta più in basso, portando alla comparsa di sintomi negativi.

  1. La sindrome del dolore è il principale segno clinico della nefroptosi. Quando il rene viene omesso, il dolore è concentrato nella parte bassa della schiena, la sua natura è opaca, dolorante. La ragione per la comparsa del dolore sta nella tensione sotto l'azione della capsula fibrosa, che è gonfiata da una mancanza di afflusso di sangue al rene e contiene molte prescrizioni nervose. Il dolore nella nefroptosi si riduce in posizione supina, quando diminuisce il deflusso sanguigno. Nella fase 2, la sindrome del dolore acquisisce carattere parossistico, allo stadio 3, il lombo fa male costantemente.
  2. I dolori addominali e inguinali sono associati all'irritazione delle fibre nervose vicine. La natura del dolore è acuta, brucia, alcuni scambiati per le sue manifestazioni di appendicite acuta. Da attacchi particolarmente forti, il paziente può perdere la capacità di muoversi e parlare.
  3. L'aspetto delle impurità del sangue nelle urine è causato dalla torsione del fascio vascolare, durante il quale le vene scoppiano e il sangue entra immodificato nelle urine. L'urina acquisisce un colore specifico "slop di carne".
  4. Disturbo nel funzionamento del tratto gastrointestinale a causa di una violazione nel passaggio degli impulsi nervosi a causa della stimolazione riflessa dei recettori negli organi del tubo digerente. I pazienti hanno ridotto l'appetito, periodicamente nausea, vomito. La sedia è rotta - la stitichezza e la diarrea possono alternarsi.

Come la progressione del prolasso minaccia l'intossicazione del corpo. A 2-3 stadi del decorso della malattia, i reni non sono in grado di filtrare completamente il sangue e il plasma dalle tossine. La concentrazione di sostanze nocive nel sangue aumenta, l'uremia si sviluppa. Il paziente è indebolito, rapidamente stanco, può aumentare la temperatura corporea durante gli attacchi dolorosi.

complicazioni

Molti sono preoccupati per la questione del pericoloso prolasso renale. In assenza di trattamento, la patologia porta allo sviluppo di una serie di gravi complicanze, la più terribile è l'insufficienza renale con una perdita persistente delle principali funzioni dell'organo. Le conseguenze della nefroptosi non trattata o trattata in modo improprio si riducono allo sviluppo di:

  • ipertensione venosa dei vasi renali causata dall'allungamento e dalla torsione delle vene e delle arterie;
  • pielonefrite - infiammazione acuta, innescata da un insufficiente apporto di nutrienti ai reni e conseguente ischemia; a causa della mancanza di ossigeno, le forze protettive si riducono e il corpo diventa indifeso contro la flora patogena proveniente dal flusso sanguigno o dal tratto urinario;
  • idronefrosi - una condizione associata al ristagno di urina nei tessuti renali; il ristagno prolungato porta a cambiamenti atrofici nello strato di painematosis;
  • urolitiasi, che si sviluppa a causa di imposizioni saline nei dotti renali; man mano che aumenta la quantità di depositi salini, si formano dei concrementi che possono causare un forte attacco di colica renale.

Corso di patologia nei bambini

La nefroptosi si riscontra nei bambini, ma raramente viene diagnosticata nel 4,7% dei casi. Inoltre, le ragazze soffrono di prolasso renale più spesso rispetto ai ragazzi di 8 volte. La ragione per l'eccessiva mobilità dei reni in un bambino è causata da un apparato legamentoso imperfetto. Spesso i reni scendono nei bambini con scoliosi della colonna vertebrale. La patologia porta a disturbi persistenti nell'emo e nell'urodinamica, aumenta il rischio di processi infiammatori, ipertensione, urolitiasi e insufficienza renale.

Il decorso della malattia nell'infanzia può avvenire in diverse forme:

  1. l'omissione asintomatica è diagnosticata nel 13% del numero totale di pazienti, e accidentalmente - durante l'esame per altre malattie;
  2. la nefroptosi clinicamente manifesta è rilevata nel 43% dei pazienti, il quadro clinico include dolore addominale, disturbi della minzione, segni di ipertensione arteriosa, ritardo nello sviluppo fisico;
  3. la complicata nefroptosi è caratterizzata da un decorso opprimente, il bambino soffre di forti dolori, nausea e diarrea; a causa di disfunzione renale nelle urine la concentrazione di proteina, i leucociti sono aumentati criticamente, appaiono erythrocytes; l'incontinenza si sviluppa non solo di notte, ma durante il giorno.

Un bambino con sospetta nefropatia è soggetto a un esame completo urgente nei dipartimenti di nefrologia e nei centri specializzati. Trattamento per la conferma della malattia - un conservatore, la chirurgia per i bambini viene effettuata solo in casi trascurati.

diagnostica

L'esame di sospetta omissione è effettuato da un nefrologo. Durante il trattamento iniziale, il medico scopre lamentele sulla natura e frequenza del dolore, disturbi nell'atto di minzione. È richiesto un sondaggio con le dita del peritoneo anteriore, appena sotto l'arco costale.

L'analisi delle urine è uno studio semplice ma efficace. Negli individui con nefroptosi, i principali indicatori cambiano in una direzione sfavorevole. Tipico è la proteinuria con un aumento significativo delle proteine, superiore a 0,5 g / l. L'ematuria accompagna il decorso della malattia in ciascun paziente con prolasso di stadio 2, il numero di globuli rossi nelle urine raggiunge 10 in vista.

Tra i metodi di diagnostica strumentale per la rilevazione della nefroptosi, viene data preferenza a:

  1. urografia renale - esame mediante una serie di radiografie con introduzione del contrasto; l'urografia ti permette di identificare quale rene è omesso, quale grado di patologia; il vantaggio dello studio è la capacità di diagnosticare sia in posizione verticale che nella posizione sdraiata del paziente;
  2. ecografia dei reni - utilizzando l'ecografia, la nefroptosi può essere determinata in 3 fasi, la conferma della malattia nelle fasi iniziali è problematica a causa della posizione del paziente durante l'ecografia.

terapia

Trattare il prolasso renale in modo conservativo e chirurgico. La scelta del metodo dipende dallo stadio di omissione e dalla natura delle complicanze. Il trattamento conservativo è indicato agli stadi 1-2 e il suo scopo è quello di rafforzare l'apparato legamentoso, che consente di sollevare il rene discendente in modo naturale. Tale trattamento include:

  • bendaggio (terapia ortopedica) - uso sistematico di un ampio corsetto di sostegno;
  • cultura fisica terapeutica (terapia fisica) - una serie di esercizi che dovrebbero essere eseguiti regolarmente al mattino; La terapia fisica aiuta a rafforzare gli addominali, in modo che i reni abbassati possano entrare nel letto e assumere una posizione fisiologica;
  • Il massaggio addominale è una misura efficace nella fase iniziale del prolasso; il massaggio dovrebbe essere uno specialista, si assicuri che i corsi durino almeno 10 sessioni;
  • Trattamento termale - è utile per i pazienti in qualsiasi fase della malattia, in particolare utilizzando metodi di idroterapia (fare il bagno con acqua minerale, bere acqua minerale come un liquido).

Il trattamento chirurgico è raramente organizzato, in assenza di un risultato positivo da metodi conservativi. L'operazione in caso di omissione renale può essere eseguita solo secondo indicazioni rigorose:

  • dolore intollerabile, causa di disabilità;
  • il corso della patologia con complicanze (idronefrosi, insufficienza renale), che sono difficili da ottenere con la terapia farmacologica;
  • sanguinamento interno dai vasi renali;
  • più calcoli nei reni;
  • difficile da correggere l'ipertensione arteriosa.

Durante l'intervento chirurgico, vengono utilizzati i seguenti metodi di fissazione dei reni:

  • infiammando la capsula fibrosa con una sutura di kergut, seguita dalla fissazione del rene alla costola inferiore o allo strato muscolare del lombo;
  • fissaggio della capsula renale con lembi prelevati dal tessuto connettivo della membrana peritoneale interna;
  • fissaggio del rene con lembi sintetici a forma di amaca;
  • fissaggio dell'organo nel letto renale con lembi muscolari prelevati dai muscoli della coscia del paziente;
  • le operazioni laparoscopiche sono indicate come moderni metodi non traumatici per sbarazzarsi di una malattia; La chiusura a capsula dello strato fibroso viene eseguita utilizzando tubi flessibili con strumenti fissi.

Dieta e stile di vita

Efficace trattamento della nefroptoz è impossibile senza una dieta. Per mangiare il paziente dovrebbe essere vario, ma con l'eccezione di alimenti ricchi di sostanze estrattive (salse, zuppe di carne ricca) - questo ridurrà l'effetto irritante sui reni. Nutrizione frazionata, fino a 6 pasti al giorno. Il liquido deve essere consumato in modo ragionevole - almeno 1500 ml.

Con lo sviluppo dell'insufficienza renale, è importante ridurre l'assunzione di proteine ​​a 25 g al giorno. Particolarmente dannoso nel volume eccessivo di proteine ​​di origine vegetale a causa del rischio di sovraccaricare il corpo con scorie. Il monitoraggio quotidiano del fosforo, il cui eccesso è dannoso per il tessuto osseo, è soggetto a monitoraggio regolare. Anche l'assunzione di sale è ridotta: un eccesso di sodio può causare gonfiore.

Lo stile di vita dei pazienti con nefroptosi deve essere calmo, misurato. Esercizio, corsa, salto, sport equestri è vietato. Ma un'attività motoria adeguata deve necessariamente essere presente: camminare, sono utili giochi di bassa mobilità. È utile fare esercizi speciali per rafforzare i muscoli del peritoneo - "forbici" (incrociando le gambe da una posizione reclinata), "bicicletta", deflessioni della parte bassa della schiena.

prevenzione

Per prevenire la nefroptosi, è importante seguire semplici regole:

  • seguire i principi di una buona alimentazione per mantenere l'immunità;
  • monitorare lo stato dei muscoli addominali;
  • si consiglia alle donne incinte di indossare le bende a partire dal 7 ° mese di gestazione;
  • Le persone che sono costrette a lavorare stando in piedi, si raccomanda di prendere periodicamente una posizione orizzontale o seduta, almeno per un paio di minuti;
  • prevenire l'aumento di peso;
  • evitare diete che causano un'improvvisa perdita di peso a breve termine.

Se hai un grado primario di patologia, dovresti sottoporti regolarmente all'esame a fini di profilassi, esegui l'ecografia e prendi l'urina per l'analisi. Tali misure consentono di monitorare le condizioni dei reni per eliminare la progressione della malattia.

Cosa minaccia il prolasso dell'utero per le donne e quanto sia pericoloso condurre la patologia + quali sono i metodi di trattamento

Il prolasso della cervice è una malattia in cui la cervice si sposta sotto il livello prescritto.

Questa patologia è una delle opzioni più frequenti per la posizione errata degli organi genitali interni di una donna.

Nelle donne, il prolasso cervicale può verificarsi a qualsiasi età, ma le persone nel gruppo a rischio hanno 40-55 anni.

In questo articolo, vedremo quanto è pericoloso il prolasso uterino e come può essere curato.

L'essenza della patologia e le sue cause

Il prolasso o il prolasso uterino è una condizione patologica caratterizzata da uno spostamento dell'organo verso il basso rispetto alla posizione normale dell'utero. In uno stato di abbandono, l'utero può cadere, mentre la cervice rimane al suo posto.

I fattori negativi possono includere sollevamento pesi o costipazione frequente.

Ci sono una serie di ragioni in grado di provocare l'insorgenza di tale patologia come il prolasso cervicale:

  • trauma della nascita derivante dalla posizione impropria del feto. Inoltre, la perturbazione dell'utero può essere provocata se il feto è troppo grande;
  • patologie congenite e acquisite degli organi pelvici;
  • lesioni ai muscoli del bacino, rotture degli organi genitali, che possono essere non solo esterni ma anche interni;
  • categoria di età delle donne dai 45 anni - spesso lo sforzo fisico eccessivo non influenza la salute in giovane età, ma dopo il tempo in cui una donna è già nella sua vecchiaia o vecchiaia, tutti questi carichi si fanno sentire;
  • sovrappeso.

Sintomi correlati

L'omissione della cervice ha segni caratteristici, quindi nella maggior parte dei casi la malattia può essere determinata nella fase iniziale:

  • costipazione, diarrea, incontinenza urinaria, aumento della flatulenza. Anche con minzione frequente, una donna può provare la sensazione di una vescica completamente vuota. L'incontinenza urinaria è caratteristica di una malattia che procede in una fase successiva;
  • dolore nell'addome inferiore durante e dopo il rapporto sessuale;
  • scarico vaginale, che può essere bianco puro o con impurità del sangue. Troppo abbondante e non di passaggio per una lunga allocazione di tempo - questo è un segno diretto della presenza di patologia nel corpo, e un segnale che si dovrebbe consultare immediatamente un medico;
  • violazione del ciclo mestruale;
  • i tessuti del perineo sono quasi sempre nello stato edematoso, le piaghe da decubito iniziano a formarsi sulle pareti della vagina. I tessuti del perineo si gonfiano proprio a causa del prolasso dell'utero, e quindi diventa difficile per la donna assumere una posizione seduta. Le piaghe da decubito si verificano a causa della ridotta circolazione del sangue, che si sviluppa sullo sfondo della necrosi del tessuto schiacciato;
  • nelle donne che soffrono di vene varicose, la malattia è notevolmente esacerbata;
  • spesso, quando l'utero si abbassa, si può osservare la colite, così come il pizzicamento delle anse intestinali.

La rottura del ciclo mestruale può essere di due tipi: iperpolimenorrea e algomenorrea.

Quando iperpolimenorrea, il numero di mestruazioni è molto abbondante, il che può portare a conseguenze come l'anemia e, di conseguenza, i segni caratteristici di una tale condizione:

  • debolezza costante;
  • vertigini;
  • frequenti mal di testa;
  • affaticamento.

In caso di algodismenorrea durante le mestruazioni, una donna sperimenta forti sensazioni dolorose e crampi. A volte il dolore può essere doloroso in natura e localizzato nella maggior parte dei casi nell'addome inferiore.

Cos'è una malattia pericolosa

Una delle complicanze più gravi del prolasso uterino è la violazione di un organo che, se non trattato tempestivamente da un medico o trattato in modo improprio, può portare alla necrosi tissutale, che può essere rimossa solo con un metodo operabile, spesso durante tale operazione, l'utero è completamente rimosso.

Quindi, riassumendo, possiamo dire con sicurezza ciò che minaccia il prolasso dell'utero in uno stato trascurato:

  • impossibilità del concepimento;
  • difficoltà associate al dolore durante i rapporti sessuali ;;
  • aborti e lavoro prematuro;
  • problemi con la consegna;
  • infiammazione e infezione degli organi genitali interni, del retto, della vescica;
  • lesioni e decubito dell'utero e pareti vaginali;
  • violazione dell'utero o del retto.

Gradi di omissione

Esistono diversi gradi di sviluppo di questa patologia, come il prolasso della cervice:

Nella fase iniziale della malattia, il prolasso dell'utero è insignificante. Con questo corso della patologia, la donna inizia ad avere una violazione del ciclo mestruale, durante il contatto sessuale con dolore e lieve disagio può essere vissuta.

Nel secondo grado della malattia, l'utero discende quasi fino alla fenditura genitale. Allo stesso tempo, una donna sperimenta forti dolori, un corpo estraneo nella vagina e il contatto sessuale diventa quasi impossibile.

La maggior parte delle donne nella seconda fase del prolasso uterino ha esperienza di minzione frequente.

Nella terza fase, le pareti vaginali scendono oltre l'entrata del canale vaginale e l'utero è completamente nella vagina. Appaiono scariche, spesso con impurità del sangue.

Una donna sperimenta un intenso dolore doloroso mentre cammina e in posizione seduta. Inizia l'incontinenza urinaria. A volte, nella terza fase del prolasso uterino, oltre ad altri segni, si possono osservare processi infettivi infiammatori degli organi genitali.

Al quarto stadio della malattia, l'utero, insieme alle pareti della vagina, cade completamente. Una donna è in agonia per il dolore mentre cammina, non può sedersi. I processi infiammatori in questa fase della malattia portano quasi sempre alla formazione di piaghe da decubito e ascessi.

Impatto sulla gravidanza

Una tale patologia del prolasso uterino è molto pericolosa durante la gravidanza. Ciò è dovuto al fatto che durante la gravidanza con l'omissione dell'utero, tutti gli stati negativi vissuti dalla donna (dolore nell'addome inferiore, pesantezza) aumentano più volte.

Il pericolo di prolasso uterino durante la gravidanza sta anche nel fatto che la patologia può provocare parto prematuro o aborto spontaneo.

Possibili conseguenze

Spesso, quando l'utero discende, una donna inizia disturbi ormonali, causando un malfunzionamento delle ghiandole surrenali. Un tale fallimento porta alla rottura del ciclo mestruale e alla sterilità. Anche se c'è una possibilità di concepire un bambino, allora è molto piccolo.

Per riprendersi dall'infertilità per una donna che vuole diventare madre nei prossimi anni, è necessario prendere tutte le misure necessarie per liberarsi del prolasso uterino il più rapidamente possibile e ripristinare il ciclo mestruale.

Regime di trattamento generale

In una fase iniziale, il prolasso uterino può essere trattato in modo conservativo a casa. La terapia consiste nell'eseguire una serie di esercizi mirati a rafforzare i legamenti e i muscoli del pavimento pelvico.

Tali esercizi aiutano a ripristinare completamente la posizione precedente dei genitali ea prevenirne l'ulteriore spostamento. Particolarmente efficaci in questo caso sono gli esercizi di Kegel.

Le donne dopo il parto sono incoraggiate a eseguire l'esercizio "bici", sollevando le gambe stese su un fianco, stringendo e rilassando i muscoli degli organi genitali.

Spesso nella fase iniziale della malattia, il medico consiglia alle donne di indossare una benda. Questo è particolarmente vero per le donne che sono diventate recentemente madre - una benda oltre a tenere lo stomaco, sostiene gli organi interni e non permette loro di spostarsi.

Se il trattamento conservativo non ha dato il risultato desiderato e la malattia continua a progredire, il medico decide di sottoporsi a un intervento chirurgico.

Ci sono diversi tipi di interventi chirurgici usati per abbassare l'utero:

  • perineorrhaphy. Lo scopo di questa procedura è di condurre la correzione estetica e funzionale del perineo. Durante l'operazione viene applicato un mesonaggio speciale, che alla fine si rompe e viene sostituito dalle fibre di collagene, formando così una struttura organica all'interno dei tessuti e sostenendo il perineo;
  • kolpoperineolevatoroplastika. Durante la procedura, le pareti vaginali vengono suturate e viene applicato uno scheletro in rete sintetica che supporta il tessuto pelvico;
  • colporrafia. Questa procedura comporta la sutura delle pareti anteriori o posteriori della vagina, correggendo così le sue dimensioni ed eliminando l'omissione;
  • rimozione dell'utero. Questo metodo è il più radicale ed è usato in casi estremamente difficili, quando diventa chiaro che nessun altro metodo può aiutare a risolvere il problema.

Video utile

Il video parla del pericolo del prolasso uterino:

Ciò che minaccia l'omissione dell'utero: le conseguenze per le donne

Il prolasso uterino è una patologia in cui l'organo si muove verso il basso e perde la sua normale posizione anatomica. Nei casi più avanzati, può cadere. Cosa minaccia il prolasso dell'utero? Le conseguenze sono molto diverse, consideriamo più in dettaglio.

Inizialmente, gli effetti del prolasso non sono molto significativi, manifestati sotto forma di dolore nell'area sacrale e nell'area delle ovaie. Col passare del tempo, il dolore si intensificherà. Successivamente, le pareti della vagina vengono spostate. Innanzitutto, la fessura genitale si gonfia, e poi tutto si alza e cade. Tutto è accompagnato da dolori insopportabili, l'erosione appare in vari organi dei genitali femminili. Causano infiammazione e infezione del canale cervicale e del corpo dell'utero.

Quanto più avanzato è il palcoscenico, tanto più radicali sono i metodi di trattamento della patologia.

Conseguenze del prolasso uterino per gli organi interni

Se non inizi il trattamento per il prolasso uterino nel tempo, potresti provare:

  • prolasso dell'utero;
  • inversione vaginale;
  • ascesso uterino;
  • fallimento dell'intestino e della vescica;
  • prolasso dell'intestino e della vescica.

A rischio sono le donne in menopausa, ma la categoria della giovane età non fa eccezione.

Prolasso dell'utero

Quando l'apparato del legamento si indebolisce, l'organo inizia a muoversi verso il basso. Il prolasso dell'utero può essere parziale o completo. In alcuni casi, attira gli organi vicini, ma ne parleremo più tardi.

Completamente - tutto il corpo cade. Correggere la situazione può solo un intervento chirurgico. In alcuni casi, l'utero può essere visto dalla vagina durante i tentativi o solo la sua cervice.

In ogni caso, la donna avverte forti dolori debilitanti, non riesce a muoversi normalmente, fa cose quotidiane. Puoi dimenticare del tutto la vita sessuale.

Inversione della vagina

Qualche volta ha diagnosticato il prolasso della vagina. La malattia è divisa in due tipi: eversione della parete anteriore e posteriore. Spesso questa patologia va di pari passo con il cistocele o il rettocele, quando la vescica o il retto cade insieme alla vagina. Inoltre, l'eversione delle pareti vaginali è accoppiato con un prolasso del corpo uterino.

Il grado iniziale non consente di conoscere se stesso. Nel tempo, potrebbero verificarsi i seguenti sintomi:

  • indolenzimento nell'addome inferiore, così come nella zona lombare e sacrale;
  • sembra che ci sia un corpo estraneo nel divario genitale;
  • dispareunia presente (disagio e dolore durante il sesso);
  • incontinenza urinaria, minzione frequente;
  • difficoltà nell'atto di defecare, l'incapacità di trattenere i gas e le calle.

Tutti i sintomi sono simili ad altre patologie.Per conoscere chiaramente la diagnosi, è necessario sottoporsi ad un esame da un ginecologo, un esame ecografico e altre misure diagnostiche (se necessario).

Ascesso uterino

Un'altra conseguenza del prolasso uterino nelle donne è un ascesso di questo organo. Una volta che l'infezione è entrata nello strato muscolare, appare questa patologia. Allo stesso tempo, la temperatura corporea inizia ad aumentare, i dolori appaiono non solo nel basso addome, ma anche nella zona inguinale. Sullo scarico purulento visibile di lino.

Durante l'esame, il medico rileverà un utero allargato. Per alleviare la condizione, si possono prescrivere compresse, antibiotici, farmaci per la disintossicazione. Trattamento necessariamente sintomatico Se la condizione è grave, viene indicato un intervento chirurgico.

Fallimento dell'intestino e della vescica

Nel mezzo della malattia ci sono costipazione. Ciò è dovuto al fatto che l'organo spostato schiaccia il retto e non può più funzionare pienamente. È difficile per una donna compiere l'atto della defecazione, deve sforzarsi di svuotare. Di conseguenza, appaiono le emorroidi, sia esterne che interne. Diventa difficile trattenere i gas e le feci, compare la colite e quindi si verifica il prolasso rettale (rettocele).

Da parte del sistema urinario anche osservato violazioni. La microflora patogena contribuisce alla comparsa di infezioni della vescica e dell'uretere. Ospiti frequenti - pyelonephritis, cistite. Diventa impossibile controllare il processo di minzione. L'incontinenza urinaria rende frequente la visita alla stanza delle donne e usa costantemente pastiglie. Come conseguenza di quanto sopra, una vescica (cistocele) cade.

Perdita di intestino e vescica

Il prolasso dell'utero nelle donne può essere complicato dal cistocele.

Prolasso della vescica, di solito si verifica con la parete anteriore della vagina. Se l'uretra cade, questo è già un urethrocele. Di solito, la vescica e il retto cadono simultaneamente. Il grado di prolasso di questi organi dipende direttamente dal grado di prolasso dell'utero.

Le cause di rettocele e cistocele sono tutte quelle che hanno causato il prolasso dell'utero. Vale a dire:

  • lesioni dell'apparato muscolare e legamentoso della regione pelvica;
  • numerosi generi;
  • complicato processo generico;
  • rotture del perineo;
  • costipazione prolungata;
  • patologie del muscolo pelvico congenito;
  • ernia;
  • atrofia dei muscoli e dei legamenti (cambiamenti legati all'età).

Riconoscere la perdita di questi organi non è difficile. Una donna, in primo luogo, sentirà un forte dolore e un corpo estraneo. La disuria appare (è difficile eseguire il processo di minzione dovuto a bruciore e dolore) - quando una vescica cade. La quantità di minzione aumenta. Le patologie possono essere in tre fasi. Il terzo è il più difficile, dove la vescica e l'intestino cadono anche a riposo. Urina e feci si spengono spontaneamente e il paziente non può farci nulla.

Quando compare la costipazione rettocele, in futuro l'atto di defecazione senza spremere le feci attraverso la parete vaginale non funzionerà, compaiono pietre fecali. A seconda dell'estensione della lesione, un rettocele è basso (lo sfintere cambia), medio (c'è una protuberanza sullo sfintere nella forma di una borsa), alto (una tasca è formata nella parte superiore della vagina).

L'omissione dell'intestino avviene gradualmente. In primo luogo, i movimenti intestinali diventano non così regolari, il paziente a volte ha costipazione. In secondo luogo, c'è la sensazione che un corpo estraneo sia presente nel retto, che lo svuotamento non sia completato. Dopo un po ', la donna inizierà a bere lassativi o mettere clisteri.

Tieni presente! Enemas e aiuti non fanno altro che aggravare la situazione, il rettocele inizia a progredire.

Presto l'uomo non sarà in grado di defecare da solo. Per una corretta dimissione delle feci, il paziente è costretto a spremere. Per fare questo, una donna deve spremere le natiche, una delle pareti della vagina o il perineo con le sue mani.

Congestione di masse fecali, lesioni delle pareti del retto portano a rettosigmoidite, proctite. Spesso, emorroidi, crepe dolorose e altro ancora.

Dolore quando si cammina

L'omissione dell'utero è spesso una donna che non si accorge. Attira l'attenzione su ciò che sta accadendo anche quando arriva il dolore. Il dolore appare mentre si cammina. All'inizio, questi sono quasi impercettibili, fastidiosi dolori all'addome. Il dolore non lascia andare quando si muove per un secondo. Inoltre, il dolore può verificarsi nel perineo, nella parte bassa della schiena e sacro. Col tempo, questi sintomi aumentano, è difficile per una donna non solo camminare, ma anche solo stare in piedi.

Altri rischi e conseguenze

Le conseguenze dell'omissione sono molto diverse. A volte la malattia viene diagnosticata nelle donne in età fertile. Se una donna sta pianificando una gravidanza, potrebbero verificarsi difficoltà nel sopportare un feto. C'è un'alta probabilità di parto prematuro, potrebbe esserci una consegna rapida. C'è il rischio che la gravidanza si verifichi con patologie. Dopo la nascita, si verifica sanguinamento.

Inoltre, l'omissione dell'utero può portare a rapporti sessuali difettosi e dolorosi (in alcuni casi dovrà essere abbandonato del tutto), mancanza di carnagione, vulnerabilità, depressione dovuta al desiderio costante di svuotare la vescica, a causa di incontinenza, dolore, disturbi, ecc.

Una donna diventa disabilitata. Al fine di migliorare la qualità della vita, è necessario ai primi segni di prolasso degli organi genitali di cercare aiuto da uno specialista. Un trattamento tempestivo ti proteggerà da gravi conseguenze e complicazioni. Per prevenire la malattia, è necessario condurre uno stile di vita sano, evitare il pesante lavoro eccessivo e sottoporsi regolarmente a esami da un ginecologo.

Altri Articoli Su Rene