Principale Cisti

Cistite alle radiazioni: sintomi, cause, trattamento

Tra i casi più difficili di cistite è invariabilmente chiamato la forma di radiazione della malattia. Si sviluppa sullo sfondo del trattamento del cancro ed è un'ulteriore complicazione che impedisce il completamento effettivo della terapia. Cos'è questo tipo di cistite? Come trattarlo? Cosa puoi fare da solo per una pronta guarigione?

Cos'è la cistite a radiazioni? I principali sintomi della malattia

La cistite da radiazioni è una lesione della mucosa della vescica, che ha una natura non infettiva. La malattia non si verifica direttamente a causa dell'attività di microrganismi patogeni e virus, ma si sviluppa a seguito di radioterapia solo iniziata o già completata. Circa il 20% dei pazienti trattati per cancro sperimenta poi la malattia della vescica.

Le sconfitte sono di diversi tipi:

  • ematuria (insieme con l'urina, il sangue viene secreto, a volte va in grumi)
  • minzione minzione
  • con cistoscopia, le zone di emorragia sono evidenti
  • minzione frequente
  • dolori da taglio causati dallo svuotamento della vescica
  • ematuria nell'ultima porzione di urina
  • riduzione della capacità dell'organo
  • ulcere evidenti sulla mucosa infiammata
  • aree chiaramente visibili di emorragia
  • lieve iperreflessione dell'organo
  • diminuzione della funzionalità del tratto urinario superiore
  • minzione frequente
  • dolore del carattere di taglio che accompagna il processo di assegnazione delle urine
  • la comparsa di impurità nelle urine - "scaglie", pietre, sabbia
  • ematuria in tutta l'uretra con un marcato aumento nel suo completamento
  • bordi irregolari della membrana mucosa, il suo rossore e gonfiore, la formazione di ulcere e l'espansione dei vasi della membrana
  • a volte un calcolo notevole sulle superfici delle ulcere
  • È possibile sia mantenere la capacità normale sia ridurre il volume della bolla a 150 ml.
  • ridotta capacità renale per svolgere la sua funzione immediata
  • minzione dolorosa che spesso disturba una persona
  • varie "impurità" emesse con urina - sabbia, sangue, sassi, "fiocchi"
  • ridotta capacità d'organo (fino a 100 ml)
  • la presenza di ulcere mucose ricoperte di sali e proteine

I primi sintomi diventano evidenti entro tre o sei settimane dall'inizio dell'irradiazione: questa è la fase acuta della cistite. A volte va via da solo non appena termina la radioterapia, ma il decorso perenne della malattia è più caratteristico. Per sei mesi, i segni di danni agli organi post radiazioni precoci compaiono, nell'arco di tempo compreso tra uno e dieci anni, in ritardo.

Poiché i pazienti oncologici sono invariabilmente sotto la supervisione di uno specialista, la cistite da radiazioni viene solitamente diagnosticata in tempo. L'urografia escretoria periodica, la cistoscopia e la renografia isotopica sono di solito praticate. È anche possibile utilizzare i metodi citologici e la biopsia delle aree colpite della vescica. Grazie a questa ricerca, il medico può monitorare le condizioni del paziente e, se necessario, prescrivere una terapia adeguata.

Cistite alle radiazioni: da cosa succede? cause di

La radioterapia comporta "l'impatto mirato" delle radiazioni ionizzanti sul tumore. Ma, naturalmente, un tale intervento è associato a un certo rischio e ha molti effetti collaterali: oltre alla nausea, la cagione generale, la perdita di capelli, la cistite post-radiazione è stata inclusa nella lista.

La malattia si verifica per i seguenti motivi:

  1. Elevata dose di radiazioni.
  2. Brevi intervalli tra le sessioni.
  3. Aumento della sensibilità dei tessuti dell'organo alle radiazioni.

Le radiazioni provocano interruzioni nell'erogazione di sangue e nel metabolismo della vescica. La capacità dell'organo di rigenerarsi è significativamente compromessa e si possono formare ulcere profonde e altri difetti. Inoltre, c'è una diminuzione dell'immunità generale e locale: in questo caso, i microrganismi patogeni che causano l'infiammazione sono "collegati" al processo. In diversi pazienti, il grado di danno d'organo è diverso e può essere sia minore che molto grave, portando a una diminuzione delle dimensioni della vescica e una diminuzione delle sue capacità funzionali.

L'irradiazione vaginale e intracavitaria rappresenta il rischio maggiore. A rischio sono i pazienti affetti da cancro della vagina, della cervice e della vescica stessa. Ciò è dovuto alla necessità di utilizzare alte dosi di radiazioni mantenendo un piccolo spazio tra le procedure. Se lo confrontiamo con il trattamento del cancro di altri organi, la pressione sulla vescica raddoppia.

Cistite alle radiazioni: trattamento - punti salienti

La terapia della cistite da radiazioni è associata a una serie di difficoltà, principalmente a causa della presenza di lesioni profonde nelle pareti dell'organo. Cambiamenti distruttivi nelle terminazioni nervose e nei vasi sanguigni, ridotta capacità dei tessuti di rigenerarsi, debole immunità - tutto questo non aiuta il trattamento rapido.
La terapia conservativa ha lo scopo di ripristinare il corpo attraverso l'uso di farmaci. Ampiamente usato:

  1. Antibiotici.
  2. Antispasmodici e antidolorifici.
  3. Preparazioni a base di erbe
  4. Agenti immunomodulatori

Spesso praticato - l'ozono terapia, l'ossigenazione, la terapia laser, la creazione di ipossia.

Se il trattamento conservativo nell'intervallo tra tre mesi e sei mesi non ha dato i risultati desiderati, allora il paziente viene raccomandato un intervento chirurgico. L'intervento chirurgico è solitamente indicato per:

  • urolitiasi;
  • volume d'organo ridotto;
  • bocca dell'uretere bloccata (ad es. pietra, ulcera o edema);
  • tamponamento della vescica da un coagulo di sangue;
  • diagnosi difficile.

Ci sono due tipi principali di chirurgia. A seconda della complessità della situazione, la preferenza può essere data:

  1. Diathermocoagulation, cioè cauterizzazione della mucosa danneggiata e dei vasi sanguigni.
  2. Rimozione (resezione) di un organo. Viene effettuato solo nei casi più difficili. La rimozione di urina dal corpo è assicurata dalla creazione di un'apertura speciale nella cavità addominale.

L'operazione viene eseguita in anestesia generale, richiede un allenamento speciale e un lungo recupero dopo.

Come sbarazzarsi della cistite da radiazioni da sola?

In linea di principio, la cistite non è raccomandata per essere trattata senza la partecipazione di un medico, e non è necessario parlare della forma di radiazione della malattia. Fondamentalmente, la medicina tradizionale assume l'uso di decotti e infusi basati su:

Le tisane sono prese in piccole dosi - 1-2 cucchiai. l. alla volta. È anche utile durante il giorno per bere bevande dai mirtilli - succo o succo di frutta.
A causa delle proprietà antibatteriche, diuretiche e antinfiammatorie, le piante sono in grado di alleviare leggermente le condizioni del paziente. Ma l'effetto del loro uso è debole e non saranno in grado di curare la cistite da radiazioni.

Una corretta alimentazione è molto importante. Dalla dieta dovrebbe essere escluso tutto ciò che agisce fastidiosamente sulla mucosa della vescica - aglio, cipolle, ravanelli, acetosella, rafano; brodi saturi di carne, pesce e funghi; carni affumicate, sottaceti, salse, piatti fritti.

È preferibile dare la preferenza ai cereali integrali e alle verdure fresche, anche l'uso di olio di pesce e olio di olivello spinoso è utile. È importante bere molti liquidi - tè con latte, acqua minerale o semplice, linfa di betulla.

Cistite da radiazioni curative a casa è impossibile. I metodi della medicina tradizionale sono rilevanti solo come aiuto: e poi - solo in consultazione con il medico. Una terapia adeguata di alta qualità è la chiave per il massimo ripristino possibile della funzione della vescica. Quindi non dovresti sperimentare: è meglio andare subito all'ospedale.

Cos'è la cistite a radiazioni e come trattarla

La cistite è una malattia infiammatoria della vescica. Molto spesso, la patologia insorge a causa di un'infezione nel corpo, ma è anche possibile l'infiammazione non infettiva. Quest'ultimo include cistite da radiazioni nelle donne, che si verifica dopo radioterapia per cancro.

Il fatto è che la membrana della vescica è molto sensibile a vari stimoli. La radioterapia irrita le pareti della vescica, sconvolge la circolazione sanguigna dei tessuti e provoca la comparsa di ulcerazioni. La cistite da radiazioni è una patologia che può causare gravi complicanze. Pertanto, quando compaiono segni di malattia, consultare immediatamente un medico.

motivi

Secondo le statistiche, ogni 5 donne che hanno trattato il cancro dell'utero, delle ovaie o di altri organi del bacino con l'aiuto della radioterapia, c'è la cistite da radiazioni. Migliorare il rischio di cistite, procedura impropria, nonché inadeguata reazione del corpo alla terapia, che è una caratteristica del corpo.

  • alte dosi;
  • procedure troppo frequenti;
  • violazione della procedura;
  • se i tessuti sono scarsamente protetti dalle radiazioni.

Nella radioterapia, il medico agisce sul tumore per radiazione, distruggendolo. Ma durante il trattamento, i tessuti circostanti sono feriti. Se il tumore si trova vicino alla vescica, quindi sullo sfondo della radioterapia, appariranno crepe dolorose, il metabolismo sarà disturbato.

Per evitare ciò, la radioterapia viene prescritta con una pausa di diversi giorni o addirittura settimane. Durante questo periodo, il tessuto sano ferito viene ripristinato. Se la procedura viene eseguita troppo spesso, possono insorgere complicazioni, inclusa la cistite da radiazioni.

sintomi

La cistite da radiazioni negli uomini e nelle donne si manifesta con i seguenti sintomi:

  • minzione frequente;
  • dolore nell'addome inferiore e durante la minzione, rapporto sessuale;
  • con la cistite da radiazioni, il sangue può anche comparire nelle urine.

Una caratteristica distintiva della cistite da altre patologie è il dolore, con frequenti sollecitazioni in bagno. Il paziente può visitare il bagno 20-30 volte al giorno, mentre l'urina rilascia goccioline, sebbene l'urgenza sia abbastanza pronunciata. Con la cistite da radiazioni, i pazienti lamentano un deterioramento delle loro condizioni generali. Ci possono essere capogiri, nausea, debolezza, prestazioni ridotte.

In caso di problemi con la minzione dopo la radioterapia, dovresti visitare il tuo urologo il prima possibile. Se non vai dal dottore in tempo, si presentano le seguenti complicazioni:

  • perforazione della fistola vescicale;
  • sanguinamento;
  • la formazione di pietre nella vescica;
  • cicatrici della vescica.

Nei casi più gravi, sarà richiesto un intervento chirurgico.

Come trattare la cistite delle radiazioni

Il trattamento della cistite da radiazioni è generalmente conservativo, le operazioni sono eseguite in rari casi e con gravi violazioni nel lavoro dell'organo. Prima di tutto, ai pazienti vengono prescritti farmaci anti-infiammatori.

Viene mostrata una somministrazione di argento, ossigeno o metiluracile direttamente nella vescica. Se tale trattamento è inefficace, vengono introdotti corticosteroidi - farmaci anti-infiammatori ormonali.

Sebbene la cistite da radiazioni non sia infettiva, i batteri possono comunque entrare nell'organo attraverso l'uretra e complicare la situazione. In questo caso, l'appuntamento di farmaci antibatterici:

Per il sollievo dal dolore, vengono mostrati antispastici, per esempio, No-shpa e antidolorifici.

I fitopreparati con effetti diuretici e anti-infiammatori sono anche usati per trattare la cistite da radiazioni:

È inoltre obbligatoria la terapia accessoria sotto forma di complessi vitaminici, agenti immunomodulatori e preparazioni per la rapida rigenerazione della parete vescicale.

Rimedi popolari per la cistite da radiazioni

La cistite dopo la radioterapia non è raccomandata per trattare i propri rimedi popolari. Se hai problemi, devi immediatamente andare dal medico. Nel complesso trattamento è consentito l'uso di rimedi popolari, hanno un effetto sintomatico e aiutano a eliminare il dolore.

Per la cistite da radiazioni, i seguenti rimedi sono utili:

  • succo di mirtillo rosso e mirtillo;
  • raccolta urologica con uva ursina, calendula, foglia di mirtillo rosso e altre erbe;
  • vassoi di camomilla, camomilla;
  • dall'infiammazione aiuta il decotto dell'iperico.

Non è consigliabile fare riscaldamento con cistite da radiazioni, poiché la malattia può essere complicata a causa di tale procedura.

conclusione

La cistite da radiazioni è una malattia molto sgradevole, che complica enormemente la vita di un paziente con oncologia. Se il tempo di agire, quindi liberarsi delle manifestazioni della cistite sarà rapido. Ma è molto importante che la terapia sia tempestiva e corretta, e anche eseguita sotto la supervisione di uno specialista esperto.

Perché la cistite in una donna e un uomo appaiono nelle urine?

Cistite emorragica (abbreviata HZ) è una malattia della vescica, accompagnata da sintomi di ematuria (micro / ematuria macroscopica), segni di irritazione della vescica (dolore durante la minzione e il loro aumento alla fine della minzione, aumento della produzione di urina).

Cistite con sangue durante la minzione si sviluppa a seguito di danni da tossine, agenti patogeni infettivi, radiazioni, droghe dell'epitelio transitorio che rivestono la parete vescicale e vasi sanguigni della vescica. [1]

I pazienti vanno dal medico lamentandosi della presenza di sintomi comuni di cistite (minzione frequente e dolorosa, dolore al basso ventre, febbre moderata) e presenza di impurità nel sangue nelle urine. A volte il paziente presenta lamentele di urina di colore rosso, scarlatto e coaguli di sangue nelle urine. Questa condizione è valutata come ematuria macroscopica.

Quando la microembruria visivamente, l'urina non viene modificata, non contiene alcuna impurità patologica e coaguli di sangue. L'aumento nel contenuto di erythrocytes è determinato solo nell'analisi di urina generale o il campione di Nechiporenko.

I sintomi della cistite con sangue nelle urine quando la minzione si sviluppa ugualmente spesso nelle donne e negli uomini e richiedono sempre un attento esame per stabilire la causa esatta della condizione patologica. Il paziente indica spesso l'aderenza secondaria dell'ematuria ai sintomi comuni della cistite.

Gli agenti patogeni infettivi che causano la comparsa di HZ sono batteri e virus. La cistite emorragica non infettiva si sviluppa spesso a seguito di radiazioni e chemioterapia.

I pazienti sviluppano sintomi di cistite in combinazione con ematuria micro / lordo e possono essere rilevati coaguli di sangue nelle urine. In mezzo alla formazione di coaguli di sangue nel lume della vescica, può verificarsi una ritenzione urinaria acuta.

La terapia per la cistite emorragica dipende dalla causa della malattia, dalla gravità dei sintomi del sanguinamento e dal processo infiammatorio [2].

Le operazioni di trapianto di midollo osseo sono spesso associate allo sviluppo di cistite emorragica nei riceventi, poiché i pazienti assumono ciclofosfamide e si sottopongono a un ciclo di irradiazione.

Cistite con sangue (ematuria) può verificarsi in pazienti con cancro, in quanto sullo sfondo di tumori maligni, chemioterapia sviluppa immunodeficienza secondaria, batteri, virus che causano i sintomi di ematuria, infiammazione e gonfiore della mucosa della vescica si verificano.

In rari casi, malformazioni artero-venose, calcoli, tumori della vescica, danni metastatici alla parete vescicale portano a sintomi di ematuria.

Queste condizioni devono essere distinte dalla cistite emorragica. Per la diagnosi differenziale sono stati utilizzati metodi di imaging: ultrasuoni, cistoscopia, urografia.

I medici che affrontano pazienti oncologici dovrebbero essere consapevoli delle possibili misure per prevenire la cistite emorragica.

1. Anatomia della vescica

Per comprendere il meccanismo dello sviluppo della cistite emorragica, è necessario conoscere la struttura strato per strato della parete vescicale. La superficie interna della vescica è rivestita da uno strato di epitelio di transizione. La superficie delle cellule epiteliali copre lo strato di glicosaminoglicano.

Sotto l'epitelio di transizione c'è la sottomucosa. Nella sottomucosa si trova il plesso coroideo che circonda il detrusore (un muscolo costituito da numerose cellule muscolari lisce orientate in direzioni diverse per uno stiramento uniforme della vescica durante il riempimento).

Sulla parte frontale e sulle pareti laterali della vescica è presente uno strato di tessuto adiposo, la parte superiore della vescica è coperta da peritoneo.

Nella cistite cronica, la fonte più frequente di sanguinamento è la membrana sottomucosa, poiché a seguito di un'infiammazione prolungata, i vasi sanguigni proliferano in essa.

La cistite ematica nelle donne e negli uomini si sviluppa a causa del danneggiamento dell'epitelio transitorio della vescica sotto l'influenza di tossine, virus, batteri, radiazioni, droghe (soprattutto chemioterapiche) e altre condizioni patologiche.

L'esame istologico della parete della vescica rivela cambiamenti non specifici nella forma di infiltrato infiammatorio pronunciato, infiammazione cronica, fibrosi [3].

1.1. Infiammazione nei pazienti trattati con ciclofosfamide

La ciclofosfamide è la causa più comune di patologia nei pazienti oncologici. I sintomi della cistite emorragica si verificano sotto l'influenza del metabolita tossico acroleina, che è formata da ciclofosfamide sotto l'influenza di enzimi epatici ed escreta nelle urine.

L'effetto dannoso di acroleina colpisce l'intero epitelio delle vie urinarie, ma la mucosa della vescica è sotto l'impatto maggiore, poiché la vescica accumula la maggiore concentrazione di metabolita tossico ed è in contatto più lungo con essa.

Le seguenti reazioni avverse urologiche si sviluppano molto spesso sullo sfondo della somministrazione di ciclofosfamide:

  1. 1 minzione frequente.
  2. 2 L'emergere di urgente bisogno di urinare.
  3. 3 Disagio, dolore al di sopra dell'utero.
  4. 4 Micro ematuria macroscopica. In caso di ematuria macroscopica, il paziente si rivolge al medico lamentandosi della presenza di sangue nelle urine, delle urine colorate di colore rosso / scarlatto, della presenza di coaguli di sangue nelle urine.

1.2. irradiazione

L'irradiazione degli organi pelvici (ad esempio, con carcinoma avanzato del colon) può essere accompagnata dallo sviluppo di sintomi caratteristici della cistite emorragica.

L'ematuria (l'aspetto del sangue nelle urine) può svilupparsi in modo acuto, durante un corso di irradiazione, o mesi o anni dopo l'irradiazione. I sintomi della cistite da radiazioni sono causati dallo sviluppo di una progressiva obliterazione dell'endarterite (restringimento del lume dei vasi sanguigni a causa della sclerosi delle loro pareti), che porta all'ischemia della mucosa della vescica.

Sullo sfondo dell'ischemia nell'erosione delle mucose si sviluppa il sanguinamento. Quando la cistoscopia è determinata dalla caratteristica caratteristica della cistite da radiazioni - che cresce nei focolai patologici di erosione dei vasi sanguigni appena formati.

I nuovi vasi sanguigni sono più fragili, possono sanguinare con meno lesioni, meno stiramenti della parete vescicale.

Emorragia sottomucosa e sintomi di ematuria possono verificarsi immediatamente dopo un ciclo di radioterapia. Episodi di cistite acuta da radiazioni nella maggior parte dei pazienti regrediscono entro 12-18 mesi.

2. Cause della cistite emorragica

L'eziologia della cistite emorragica comprende fattori sia infettivi che non infettivi [6].

Ci sono molti fattori non infettivi che portano allo sviluppo della cistite emorragica.

I sintomi più comuni della cistite e delle impurità del sangue nelle urine appaiono come risultato della radioterapia, dei farmaci (ad esempio, ciclofosfamide, ifosfamide). Meno comunemente, la cistite emorragica si sviluppa sotto l'influenza di reagenti chimici nell'industria (derivati ​​anilina, toluidina).

In rari casi, i farmaci (penicilline, danazolo) possono indurre lo sviluppo di HZ.

Durante l'esame di un paziente con sintomi di cistite ed ematuria, è necessario prestare attenzione alla possibilità di una causa infettiva della malattia, anche se c'è una storia di assunzione di farmaci chemioterapici e radiazioni, poiché in questo caso l'infezione è il punto di partenza di ematuria.

Le infezioni batteriche, fungine, parassitarie e virali della vescica in un paziente immunocompromesso sono spesso complicate dalla comparsa di sangue nelle urine. Il più delle volte cistite emorragica si sviluppa sullo sfondo di infezione:

  1. 1 E. coli, E. coli.
  2. 2 Adenovirus 7, 11, 21, 35.
  3. 3 Papovaviruses (Papovavirus).
  4. 4 virus dell'influenza A.

2.1. Radioterapia

Nel 25% dei pazienti dopo irradiazione, si verificano complicanze della vescica in connessione con l'oncologia, metà di esse sviluppa un sanguinamento diffuso dalla parete della vescica.

L'ischemia della mucosa della vescica si sviluppa a causa dell'endarterite, indurimento della parete vascolare a seguito di irradiazione.

L'endarterite porta ad un restringimento del lume dei vasi sanguigni della parete vescicale, danno ipossico alla mucosa, ulcerazione, sanguinamento da ulcere.

I pazienti con cistite da radiazioni di solito si sottopongono a un ciclo di radiazioni sulla oncologia della prostata, del colon, del retto, della cervice e della vescica.

I sintomi di minzione frequente, disagio, dolore al petto, ematuria possono svilupparsi in modo acuto, durante il corso dell'esposizione, e alcuni mesi o anni dopo il completamento dell'irradiazione.

Maggiore è la dose di radiazioni, maggiore è l'area coinvolta nell'irradiazione e maggiore è la probabilità di sviluppare HZ. Attaccando un'infezione, ostruzione delle vie urinarie con svuotamento della vescica (ad esempio, con iperplasia prostatica benigna), gli interventi strumentali possono aggravare i sintomi della cistite da radiazioni.

2.2. medicazione

2.2.1. Agenti chemioterapici

I farmaci più comuni che causano la cistite emorragica sono la ciclofosfamide, l'ifosfamide. L'assunzione di questi farmaci è accompagnata da gravi reazioni avverse, la maggior parte delle quali si riferiscono agli organi del sistema urinario.

La ciclofosfamide è utilizzata nel trattamento dei linfomi non Hodgkin, del cancro al seno, della sindrome nefrosica, della sclerosi sistemica.

La frequenza delle reazioni avverse urologiche varia nell'intervallo 2-40%, la tossicità dipende dalla dose di chemioterapia. La maggior parte delle reazioni avverse si sviluppa con la somministrazione endovenosa del farmaco [5].

La ciclofosfamide può causare lo sviluppo di ematuria microscopica o macroscopica. Lo sviluppo di sintomi di ematuria di solito si verifica nelle prime 48 ore dall'inizio del trattamento. Anche l'assunzione di ciclofosfamide è associata ad una maggiore probabilità di oncologia della vescica.

La ciclofosfamide stessa non è tossica: un gran numero di reazioni avverse sono dovute al metabolita tossico della ciclofosfamide, acroleina.

L'acroleina è formata da ciclofosfamide nel fegato e viene rilasciata nel flusso sanguigno, da cui viene espulsa dai reni con l'urina. Una volta nella vescica, l'acroleina provoca gonfiore delle sue pareti, la sua ulcerazione, sanguinamento da esso.

Nel tempo, il danno cronico alla parete si sviluppa con lo sviluppo della fibrosi, una violazione della funzione di riempimento / svuotamento, lo sviluppo delle trabecole della parete vescicale.

Cistite emorragica con assunzione di ciclofosfamide è più comune nei pazienti con disidratazione (una maggiore concentrazione di acroleina viene creata nella cavità della vescica, che porta a maggiori danni all'epitelio della parete).

Pertanto, un paziente che assume la ciclofosfamide deve mantenere costantemente l'equilibrio dei liquidi nel corpo. Spesso, per la rimozione immediata di urina con acroleina tossica dalla vescica, viene inserito un catetere urinario, seguito da vampate di calore del lume della vescica con una soluzione isotonica di cloruro di sodio.

Ifosfamide è usato nel trattamento del cancro del testicolo, dei sarcomi dei tessuti molli e delle ossa. La cistite emorragica in presenza di ifosfamide è accompagnata da un decorso più grave. [4]

2.2.2. penicilline

In rari casi, la cistite emorragica è associata all'assunzione delle seguenti penicilline:

  1. 1 meticillina;
  2. 2 carbenicillina;
  3. 3 ticarcillina;
  4. 4 piperacillina;
  5. 5 penicillina V.

Nella maggior parte dei casi, HZ si è sviluppato con la penicillina in pazienti con fibrosi cistica che in precedenza avevano assunto antibiotici con penicillina.

I sintomi possono svilupparsi entro 2 settimane dall'inizio degli antibiotici. Quando compaiono i sintomi, la migliore opzione di trattamento è quella di annullare immediatamente l'antibiotico.

La presunta causa di HZ nei pazienti che assumono penicilline è lo sviluppo di una reazione di ipersensibilità. Nell'analisi generale degli eosinofili delle urine vengono spesso registrati.

2.2.3. danazolo

Danazolo è uno steroide semisintetico che può causare sintomi di cistite emorragica nei pazienti con angioedema.

Il dosaggio di danazolo non è correlato alla gravità della cistite emorragica. Quasi sempre, i sintomi di HZ si risolvono dopo la sospensione di danazolo.

2.2.4. Altre droghe

Lo sviluppo estremamente raro della cistite emorragica è registrato quando si assumono i seguenti farmaci:

  1. 1 temozolomide;
  2. 2 bleomicina;
  3. 3 acido tiaprofenico;
  4. 4 allopurinolo;
  5. 5 methaqualone;
  6. 6 Risperidone.

2.2.5. prodotti chimici

HZ può svilupparsi tra i lavoratori di imprese industriali, dove è possibile la fuoriuscita di sostanze chimiche, derivati ​​anilina (vernici e smalti, produzione di marcatori, creme per scarpe), toluidina (trovata nei pesticidi, creme per scarpe).

La cessazione dell'esposizione alle sostanze chimiche porta a una rapida risoluzione dei sintomi. L'esposizione cronica ai derivati ​​dell'anilina, la toluidina, aumenta il rischio di carcinoma a cellule transizionali del sistema urinario.

Pertanto, quando l'ematuria appare nei lavoratori dell'industria chimica, è necessario un ulteriore esame per escludere le neoplasie del sistema urinario.

2.3. virus

Di norma, l'HC virale si sviluppa a seguito di immunodeficienza sullo sfondo del trapianto di midollo osseo, trapianto di organi e immunosoppressori, oncologia, chemioterapia e infezione da HIV.

I virus che possono causare sintomi di cistite con ematuria includono:

  1. 1 virus Polyoma;
  2. 2 Adenovirus 7, 11, 34, 35;
  3. 3 Cytomegalovirus;
  4. 4 Herpesvirus.

3. Epidemiologia

L'HZ si sviluppa nel 70% dei pazienti che assumono ciclofosfamide, ifosfamide in dosi elevate e nel 25% dei pazienti dopo irradiazione [6].

Negli ultimi anni, i moderni metodi di radioterapia hanno ridotto l'incidenza della cistite emorragica fino al 10%. La frequenza di HZ nei bambini è inferiore rispetto ai pazienti adulti.

4. Metodi diagnostici

4.1. Storia della malattia

Durante l'indagine / raccolta dell'anamnesi, sono specificati la storia oncologica, la presenza di malattie croniche, stati di immunodeficienza congenita / acquisita, il decorso della chemioterapia e la radioterapia.

La cistite emorragica non infettiva è accompagnata da sintomi di infiammazione, irritazione della parete vescicale (disuria, minzione frequente e dolorosa, disagio nell'addome inferiore).

È importante chiarire con il paziente quando il sangue appare nelle urine. C'è una dipendenza dall'ora del giorno, dalla posizione del corpo. Il sangue nelle urine può comparire all'inizio o alla fine della minzione, oltre che nelle urine per tutto il tempo. Il sangue alla fine della minzione è più indicativo di cistite emorragica.

I reclami relativi alla presenza o all'assenza di coaguli di sangue nelle urine non consentono di determinare la causa della cistite emorragica, tuttavia la presenza di coaguli oblunghi può indicare l'origine dell'ematuria nelle sezioni superiori del sistema urinario.

4.2. ispezione

Durante la palpazione nell'addome, il dolore, il disagio è determinato, con palpazione profonda sopra il seno, può svilupparsi la voglia di urinare.

In presenza di ostruzione cronica nell'addome inferiore, può essere determinata una vescica troppo tesa che è dolorosa per la palpazione. Spesso, a causa dell'ostruzione dell'uretra prossimale da parte di un coagulo di sangue, si può sviluppare una ritenzione urinaria acuta.

4.3. Studi di laboratorio e strumentali

Per la diagnosi di cistite emorragica non infettiva, è necessario ottenere risultati negativi della coltura batterica di urina, urine e analisi del sangue per antigeni virali / anticorpi antivirali.

Anche una leggera crescita dei batteri nel campione di urina raccolto richiede la nomina di terapia antibiotica, tenendo conto della sensibilità della flora risultante.

Se si sospetta una cistite emorragica, è necessario lo scopo di un esame del sangue generale, il coagulogramma (emostasiogramma).

La diminuzione del livello dei globuli rossi, dell'emoglobina, dell'ematocrito si sviluppa come conseguenza della corrente HZ a lungo termine. L'adesione di infezione può essere accompagnata dallo sviluppo di leucocitosi nell'analisi del sangue generale.

Se sospetti un'eziologia virale della cistite, devi eseguire:

  1. 1 Coltivazione del virus in coltura cellulare.
  2. 2 microscopia elettronica dei campioni bioptici della vescica.
  3. 3 Immunoassay (ELISA).

4.4. Metodi di visualizzazione

Se sono presenti sintomi di HZ, è necessario un esame ecografico degli organi urinari (di regola viene rilevata una parete edematosa ispessita della vescica, con sanguinamento attivo è possibile visualizzare i coaguli di sangue nel lume vescicale), eseguire un urogramma (per eliminare i processi patologici nel sistema urinario superiore).

Con la funzione renale conservata, è possibile eseguire la tomografia computerizzata degli organi urinari con contrasto. L'esecuzione della cistoscopia è possibile con HZ semplice.

4.5. cistoscopia

La cistoscopia è indicata per tutti i pazienti con HZ senza un decorso complicato. La cistoscopia può essere ritardata con sanguinamento attivo.

La cistoscopia può essere indicata per riciclare la cavità della vescica dai coaguli di sangue formati (con l'inefficacia del lavaggio dei coaguli di sangue con l'aiuto di un catetere urinario).

L'esame della parete vescicale durante la cistoscopia può aiutare nella scelta delle tattiche di trattamento e nella prevenzione dei successivi episodi di HZ.

Durante la cistoscopia, è possibile rilevare le neoplasie della parete della vescica, raggiungendo l'emostasi mediante cauterizzazione locale della mucosa.

Tuttavia, nella maggior parte dei casi, i reperti durante la cistoscopia non sono specifici. Durante lo studio con HZ, la parete della vescica può essere edematosa, con molte emorragie puntiformi.

5. Principi di trattamento

Al fine di curare la cistite con il sangue durante la minzione, è necessario aderire ai seguenti principi:

  1. 1 Quando un'eziologia batterica stabilita di cistite con sangue nelle urine mostra la nomina di terapia antibiotica in base alla sensibilità della flora patogena risultante [2, 6].
  2. 2 In caso di eziologia non infettiva, l'assenza di ritenzione urinaria acuta dovuta alla formazione di coaguli di sangue nel lume della vescica, il paziente mostra un'aumentata idratazione, un forte consumo di alcol e un'osservazione attiva. Con una dinamica positiva, un'adeguata idratazione può essere l'unico trattamento necessario.
  3. 3 In presenza di coaguli nel lume della vescica, lo sviluppo di sintomi di ostruzione del tratto urinario, il paziente viene mostrato ad arrossire il lume della vescica con soluzione isotonica di cloruro di sodio fino a quando i coaguli non sono completamente rimossi.
  4. 4 Se è impossibile lavare completamente la vescica da coaguli di sangue con un catetere urinario, eseguire la cistoscopia.
  5. 5 Per prevenire la formazione di nuovi coaguli di sangue, è possibile stabilire un costante risciacquo della vescica con una soluzione di cloruro di sodio isotonico.
  6. 6 Con lo sviluppo di HZ sullo sfondo dell'intossicazione chimica, è necessario eliminare l'agente chimico bevendo abbondantemente, evitare il successivo contatto con reagenti potenzialmente pericolosi.
  7. 7 In presenza di sanguinamento attivo dalla parete della vescica, al paziente viene mostrata ospedalizzazione, riposo a letto, bere abbondantemente, installazione di un catetere urinario per monitorare l'attività del sanguinamento.
  8. 8 pazienti oncologici con sintomi di HZ dovrebbero essere trattati in istituti di assistenza sanitaria oncologica.
  9. 9 Con l'insuccesso di un trattamento conservativo, la chirurgia indicava di interrompere l'emorragia.

Possibili opzioni per il trattamento chirurgico della cistite acuta:

  1. 1 cistostomia aperta e tamponamento temporaneo alla vescica;
  2. 2 nefrostomia percutanea;
  3. 3 Embolizzazione selettiva dell'arteria ipogastrica (intervento endovascolare, che raramente porta a emostasi affidabile);
  4. 4 ureterostomia percutanea;
  5. 5 Cistectomia.

5.1. Algoritmo di gestione del paziente

  1. 1 Prevenzione dello sviluppo, bere in abbondanza, assumere il farmaco Mesna (quando si assume la ciclofosfamide, neutralizza l'effetto tossico di acroleina sulla mucosa della vescica), frequente minzione / stadiazione del catetere urinario [6].
  2. 2 Rimozione di coaguli di sangue, lavaggio della vescica con soluzione isotonica di NaCl. La nomina di terapia antivirale e antibatterica etiotropica.
  3. 3 cistoscopia con rimozione di coaguli, cauterizzazione delle aree attive di sanguinamento.
  4. 4 Con la persistenza dei sintomi dell'ematuria, è indicato l'instaurarsi di un sistema di lisciviazione permanente con catetere a tre lumi.
  5. 5 Quando persistono i sintomi di ematuria, viene indicata la cistoscopia ripetuta con lavaggio di coaguli di sangue e cauterizzazione delle aree con sanguinamento attivo.
  6. 6 Lavare la cavità della vescica con una soluzione all'1% di nitrato d'argento.
  7. 7 Con l'inefficacia di queste misure, è indicato il trattamento chirurgico.

6. Prevenzione

Il modo migliore per trattare HZ è la sua prevenzione:

  1. 1 La nomina di bere pesante in assenza di sintomi di ostruzione delle vie urinarie;
  2. 2 Istituzione del sistema di lavaggio della vescica;
  3. 3 Somministrazione profilattica del farmaco Mesna (durante l'assunzione di ciclofosfamide);
  4. 4 Diagnosi tempestiva e trattamento delle infezioni del sistema urinario;
  5. 5 Limiti di esposizione a sostanze chimiche industriali, rispetto delle misure di sicurezza sul lavoro. [6]

7. Previsione

Molto spesso, la cistite in pazienti sottoposti a chemioterapia è consentita dopo il loro ritiro e trattamento mediante lavaggio della cavità vescicale. HZ sullo sfondo di irradiazione del piccolo bacino dura per diversi mesi.

Minimi effetti traumatici (ritenzione urinaria, interventi strumentali), l'adesione di infezione può portare allo sviluppo di sanguinamento dalla parete della vescica.

Nella maggior parte dei casi, è possibile curare completamente i sintomi di HZ. A lungo termine, lo sviluppo della fibrosi della parete vescicale, la riduzione della sua elasticità / contrattilità, l'aggiunta di sintomi di danno alle parti superiori del sistema urinario sono possibili. Le complicanze della cistite sono rare nel gruppo di pazienti sottoposti a chemioterapia. [7]

Cistite con sangue

Ematuria (sangue nelle urine) per cistite non riguarda solo l'infiammazione della mucosa urinaria. Il sintomo è spesso foriero di complicazioni. La cistite, nonostante l'alto rischio di insorgenza nelle donne, si sviluppa nel sesso maschile.

Caratteristiche speciali

L'aspetto del sangue nelle urine è notato in diversi stadi della cistite:

  • I globuli rossi si manifestano al primo dolore, nel mezzo dell'infezione o alla fine.
  • La gamma cromatica delle urine varia a seconda del livello delle lesioni della mucosa. È di un colore rosa chiaro o acquista il colore delle braciole di carne. In casi estremi, i coaguli di sangue escono con l'urina e il liquido emana un odore fetido.
  • La cistite emorragica è intrinseca nella forma acuta con un forte sviluppo dell'infezione. Dall'inizio delle prime manifestazioni, e con ogni giorno successivo, i patogeni vengono impiantati più profondamente nell'epitelio del rivestimento, il che aumenta il rischio di complicanze. La partenza della campagna dal dottore può condurre a ricovero in ospedale del paziente o l'apparizione di nuove malattie associate.

In ragione di:

  • infettiva (virus, batteri, in rari casi - funghi);
  • non infettivo (strutture anormali dell'uretra e dell'uretra, calcoli, radiazioni, sabbia che esce dal canale).

Ematuria è anche divisa in:

  • Cistite emorragica adenovirale e poliomavirus

Spesso, l'infiammazione della vescica si verifica nei neonati e nei bambini. La maggior parte delle persone è portatrice di questi agenti patogeni. Scoppi periodici di infezione provocano la comparsa di cistite acuta e ARVI. I virus sono a lungo immagazzinati in uno stato latente nei tessuti del sistema urogenitale. Il gruppo di rischio comprende anche donne in gravidanza, persone con ridotta immunità e portatori di HIV.

  • Cistite emorragica chimica nelle donne

Questo è uno dei tipi di cistite con sangue, caratterizzato da vari antisettici che entrano nel canale uretrale dall'esterno durante il lavaggio vaginale. I principi attivi irritano e feriscono l'epitelio infiammato. Di solito con questa patologia, l'urina non ha un colore intenso.

  • Cistite emorragica refrattaria (intrattabile)

Si alza gradualmente sullo sfondo della chemioterapia nel trattamento dei pazienti oncologici. L'infiammazione persistente della vescica in questo caso si riferisce all'effetto collaterale. L'annullamento di farmaci può portare alla crescita di cellule maligne. Prima di interrompere la terapia, il medico deve considerare il rapporto di rischio per il paziente.

  • Cistite emorragica da radiazioni

Il processo infiammatorio è profondamente radicato negli strati della vescica dagli effetti della radioterapia. Tipicamente, la cistite si verifica dopo il trattamento di tumori localizzati nella pelvi. A poco a poco, l'irradiazione porta alla rottura delle catene del DNA delle cellule maligne. Da questo, le pareti delle navi della vescica perdono la loro impermeabilità.

complicazioni

La mancanza di trattamento per la cistite emorragica porta a gravi complicazioni:

  • sviluppo dell'infezione secondaria;
  • l'emergere della resistenza microbica agli antibiotici;
  • uretrite;
  • malattia renale;
  • cistite cronica;
  • l'anemia;
  • violazione dell'escrezione di urina con lo sviluppo di insufficienza escretoria;
  • blocco dell'uretra con il sangue.

motivi

Ci sono molte ragioni per cui la cistite è accompagnata dal sangue:

  1. Il bisogno prematuro di andare in bagno, se necessario, provoca la comparsa di processi stagnanti nella vescica. Dopo di ciò, gli elementi nelle urine vengono a contatto con i batteri, creando un terreno fertile per la loro riproduzione. La lunga pazienza nel 20% dei casi causa cistite emorragica. Ciò si verifica dopo aver stirato i tessuti dell'organo e disturbi circolatori.
  2. Il sangue nelle urine appare dopo il restringimento del canale urinario o ostruzione in esso. Sabbia, pietre, un tumore in decomposizione possono provocare questo.
  3. La disfunzione dinamica della vescica rende le sue pareti deboli. Il tessuto muscolare non può essere completamente ridotto.
  4. La cistite negli uomini nella mezza età e spesso si verifica con lo sviluppo di adenoma della prostata. Il tumore schiaccia le pareti degli organi vicini. Vi sono frequenti impulsi di urinare, porzioni di urina scarse e cistite combinata con infezione adenomica.
  5. I farmaci citotossici a lungo termine violano la mucosa urinaria. Sono presi sistematicamente per inibire o inibire la crescita di formazioni patologiche cellulari nel tessuto connettivo.
  6. La grave infezione della gonorrea e della clamidia altera l'odore delle urine, rende doloroso il bagno, con la manifestazione del sangue. I patogeni influenzano la microflora del sistema urogenitale, irritano l'uretra e provocano il suo restringimento.
  7. Stitichezza, diabete mellito e disturbi ormonali durante un'infezione acuta possono causare cistite ematica.

Trattamento tradizionale

La terapia per eliminare la cistite emorragica viene effettuata solo in condizioni stazionarie. Ciò è dovuto all'elevata probabilità di complicanze che richiedono un intervento medico urgente.

Il trattamento farmacologico si svolge in questo modo:

  • La cistite con sangue causata da batteri viene trattata con antibiotici. Se la causa della sua comparsa è una malattia venerea, la terapia viene eseguita in combinazione.
  • Prima di questo, il paziente viene sottoposto a una serie di studi, prende strisci e si consulta con un venereologo. Cefalosporine, macrolidi e fluorochinoloni hanno dimostrato di inibire l'infezione del sistema urogenitale.
  • Un ciclo di antibiotici può durare fino a 14 giorni su prescrizione medica. Possibili malattie croniche sono prese in considerazione.
  • È obbligatorio assumere farmaci su base vegetale che promuovano la rimozione della sabbia dall'urina e l'eliminazione dei processi stagnanti nelle urine. Con forme emorragiche miste di cistite prese Kanefron, Fitolysin, Urolesan.
  • Con una forte perdita di sangue, che aumenta il rischio di anemia, vengono assunti agenti emostatici. L'etamzilat è usato nella pratica ginecologica e urologica.
  • Un corso di vitamine è considerato obbligatorio. Contribuisce all'accelerazione dei processi chimici nel corpo, ripristina la struttura dei tessuti. I multivitaminici sono usati per rafforzare il sistema immunitario. Con i suoi alti indicatori di protezione, la lotta contro l'infezione virale è migliorata più volte.
  • Per alleviare il dolore, al paziente vengono somministrati antispastici e analgesici. Rapidamente, ma arrestano per un breve periodo la sindrome del dolore. Alcuni farmaci non possono essere assunti per più di tre giorni, ma di solito a quest'ora è possibile ridurre i sintomi della cistite.
  • Se il sanguinamento porta a un blocco del canale con coaguli di globuli rossi, il paziente viene lavato con una vescica con soluzione salina attraverso un catetere.
  • La correzione della potenza consente di migliorare il funzionamento del sistema escretore. È importante che il paziente rinunci a cibi salati, troppo aspri, taglienti, affumicati e fritti. Nella cistite emorragica, l'alcol è controindicato, poiché provoca la dilatazione dei vasi sanguigni e aumenta l'emorragia minore.

Il trattamento chirurgico della cistite con sangue non viene applicato alla vescica. I difetti che causano schiacciamento e lesioni alle pareti vengono eliminati. Ciò accade con adenoma o prolasso uterino notevolmente aumentato. Dopo tutte le procedure operative, devono essere presi degli antibiotici per prevenire il processo infiammatorio batterico. Accelerano la riabilitazione. Di solito, la cistite concomitante scompare dopo la terapia abituale.

Trattamento popolare

Nella cistite emorragica, la medicina alternativa non dovrebbe sostituire un trattamento farmacologico a pieno titolo. Questo è pericoloso, perché la patologia comporta molte complicazioni. Le ricette tradizionali vengono utilizzate solo sullo sfondo della terapia principale, qui ci sono alcune ricette:

Il succo di mirtillo ha un buon effetto nel trattamento della cistite. Ridurre le bacche acide aiuta lo zucchero a piacere. Prima dell'uso, i mirtilli non bollono, in modo che tutti i suoi componenti arrivino all'urina in forma invariata. Per il succo, le bacche sono riempite di zucchero, passate al setaccio e strizzate più volte. In modo che la droga non sia troppo fredda, è leggermente riscaldata, ma non bollita.

  • Tassa renale

Per mantenere l'intero sistema escretore, è possibile acquistare una raccolta renale finita e raffinata in farmacia. La preparazione di qualsiasi erba è necessaria solo secondo le istruzioni indicate sulla confezione. Le erbe puliscono i reni e la vescica dalle impurità, migliorano la composizione delle urine e uccidono i microbi dannosi. Puoi anche prenderli, preparare o combinare.

Piante utili per la cistite:

  1. coda di cavallo;
  2. orecchie d'orso;
  3. piantaggine;
  4. luppolo;
  5. foglie di lampone e mirtillo rosso;
  6. Erba di San Giovanni;
  7. centaury;
  8. levistico;
  9. seta di mais
  • Semi di aneto (finocchio)

La farmacia di aneto oi semi di verdure ordinarie fatte in casa hanno dimostrato di essere un buon diuretico. La pianta è usata per le coliche nei bambini per rilassare i muscoli lisci. Rimuove anche bene l'infiammazione e rimuove l'urina stagnante.

Puoi anche guardare un video su quando la cistite diventa pericolosa.

Cistite emorragica: sintomi e trattamento

Nella cistite emorragica (HZ), una lesione del rivestimento interno della vescica porta ad un sintomo caratteristico che distingue HZ da altri tipi di cistite, sanguinamento urinario o ematuria. Il sangue macchia l'intera porzione di urina. Il sangue nelle urine può essere in varie quantità, a seconda della gravità della lesione. Nelle forme chiare di HZ, l'urina può avere solo una tinta lievemente rosata, e in forme più gravi l'urina assume un colore bruno sporco. Oltre alla colorazione generale delle urine in rosso, talvolta si osservano coaguli di sangue di varie dimensioni nelle urine. L'ematuria è accompagnata da una maggiore urgenza e da una minzione molto dolorosa. Negli adulti, la HZ è più comune che nei bambini e nelle donne più spesso che negli uomini.

Cistite infettiva acuta si verifica principalmente nelle donne (l'anatomia dell'uretra è tale) e, di conseguenza, HZ è anche nelle donne. A volte si svolge sullo sfondo del prelievo di uroseptics, ma più spesso è necessario prescrivere antibiotici per un corso di una settimana.

eziologia

La cistite emorragica è una variante morfologica della cistite acuta, che è tradizionalmente (nell'80% dei casi) causata da e. coli. HZ è anche associato ad adenovirus 7, 11, 21 e 35 sierotipi, papovavirus, influenza A. L'HZ si trova in persone che hanno subito la chemioterapia con alte dosi di ciclofosfamide, ed è possibile sullo sfondo di assumere antibiotici e una serie di altri farmaci.

Il rischio di sviluppare cistite emorragica aumenta nei seguenti gruppi:

  • nelle donne, la cistite emorragica è più comune;
  • pazienti con malattie endocrinologiche, nonché condizioni che riducono la difesa immunitaria del corpo;
  • donne che non seguono l'igiene personale;
  • età oltre 5 anni;
  • pazienti trattati con busulfancyclophosphamide;
  • pazienti sottoposti a trapianto di cellule staminali (perché spesso sottoposti a chemioterapia).

Va notato che la cistite da radiazioni con sanguinamento è anche considerata in fonti estranee all'interno del GC. La cistite da radiazioni è un effetto collaterale comune della radioterapia; una conseguenza del danneggiamento delle cellule della mucosa della vescica. L'immagine endoscopica con HZ radiale è mostrata in Figura 1.

Figura 1. Neovascolarizzazione della mucosa della vescica associata a cistite da radiazioni. Una volta tese, queste navi a pareti sottili possono rompersi, portando a ematuria macroscopica e formazione di ematomi sottomucosi. Fonte: emedicine.medscape.com

Il quadro clinico e i sintomi della cistite emorragica

La cistite emorragica si manifesta in modi diversi, a seconda della forma della malattia. La clinica della cistite emorragica acuta è leggermente diversa dalle manifestazioni della cistite ordinaria, con la sola differenza che c'è sangue nelle urine. L'insorgenza della malattia è caratterizzata da un aumento della minzione. E l'urina con ogni minzione è allocata molto poco, ma la voglia di urinare frequente e può arrivare fino a 40 o più volte al giorno. Di norma, la minzione è accompagnata da forti crampi, dolore e sensazione di bruciore nell'uretra. C'è anche una sensazione dolorosa nell'addome, nella proiezione della vescica. A prima vista, l'urina può apparire visivamente abbastanza normale, ma l'esame microscopico rivela un gran numero di globuli rossi. Ma il più delle volte il sangue nelle urine è visibile ad occhio nudo sotto forma di coaguli di sangue, o l'intera porzione di urina diventa rossa. La HZ della genesi infettiva è accompagnata da segni aspecifici di intossicazione generale del corpo: debolezza, brividi, mal di testa.

Nella cistite emorragica acuta, l'ematuria viene alleviata assumendo antibiotici il secondo giorno, l'emostasi non è necessaria.

diagnostica

La cistite emorragica è generalmente riconosciuta dalle sue manifestazioni cliniche: minzione frequente con dolore ed ematuria (di solito visibile ad occhio nudo). Per la presenza di HZ "parlare" e dati di laboratorio: nell'analisi generale del sangue - leucocitosi, aumento della VES, che indica un processo infiammatorio; Nell'analisi generale delle urine è possibile osservare un gran numero di eritrociti (la composizione e la forma degli eritrociti, il loro numero non è specifico), sono presenti globuli bianchi e proteine. Quando viene rilevata la natura infettiva della cistite ematica della cistite.

Per escludere altre cause di ematuria, è possibile condurre i seguenti studi di imaging: ecografia dei reni e della vescica, TC, urografia, TC senza contrasto, urografia MRI, pielografia endovenosa.

Come trattare la cistite emorragica?

Il compito principale nel trattamento dell'HC è l'eliminazione del fattore eziologico. Considerando che il più delle volte HZ si sviluppa durante l'infezione e. coli, quindi la terapia antibiotica empirica è giustificata prima di ottenere i risultati della baccosi delle urine. Le cefalosporine per via orale con un ciclo per 6-7 giorni con effetto per 2-3 giorni aiutano bene. Gli urotettici a base di erbe sono utilizzati in combinazione con antibiotici come agente antinfiammatorio aggiuntivo. Se la ragione per lo sviluppo di HZ era la somministrazione di farmaci, compresa la chemioterapia, allora è necessario sostituire i farmaci con quelli meno tossici o modificare il regime di trattamento. La terapia di disintossicazione sotto forma di bere pesante contribuirà ad alleviare i sintomi di intossicazione generale; farmaci anti-infiammatori e antipiretici. La sindrome del dolore viene fermata dagli antispastici. I pazienti con ematuria macroscopica grave dovrebbero osservare il riposo a letto. Se non trattata, l'HC batterica può diventare cronica. In generale, la malattia sta progredendo bene e la prognosi per i pazienti è buona.

Caratteristiche della cistite da radiazioni

La cistite da radiazioni è un'infiammazione della vescica causata dalla radioterapia. Nella maggior parte dei casi, questa malattia causa danni profondi ai tessuti della vescica. Questo complica il trattamento. I farmaci antibiotici, le instillazioni intracavitarie, gli antispastici sono ampiamente usati nel trattamento della cistite da radiazioni. Nei casi più gravi, viene eseguita la chirurgia.

La struttura della vescica

La vescica è l'organo responsabile della funzione di accumulare ed eliminare l'urina. La sua capacità media è di 250-500 ml.

C'è un organo nel bacino. È separato dalla sinfisi pubica da uno strato di retina sciolta. Il suo muro posteriore negli uomini è adiacente al retto, alle vescicole seminali e alle fiale dei dotti deferenti. Il fondo è adiacente alla prostata. Nelle donne, la parete posteriore dell'organo si trova vicino al muro della cervice. Il fondo è a contatto con il diaframma urogenitale. Le pareti laterali del corpo in tutte le persone sono sul bordo del muscolo, che solleva l'ano.

Le pareti della vescica hanno una membrana mucosa, uno strato submucoso, muscoli e avventizia. A causa della natura della vescica, è suscettibile alla penetrazione in esso di varie infezioni che possono causare l'infiammazione.

L'aspetto del processo infiammatorio è provocato non solo dall'infezione, ma anche da altri fattori: danni meccanici, radiazioni ionizzanti. Sotto l'influenza di quest'ultimo c'è cistite da radiazioni. È osservato in quasi tutti i pazienti sottoposti a radioterapia per cancro.

sintomi

La cistite da radiazioni ha quasi gli stessi sintomi di altri tipi di questa malattia. Il sintomo principale è la presenza di dolore. Accompagnano ogni minzione Il paziente può notare la presenza di sangue nelle urine. Spesso c'è dolore nell'addome inferiore.

Ci sono 5 tipi principali di danni da radiazioni al corpo. Ognuno di loro ha i suoi sintomi.

  1. Telangiectasia della vescica. È caratterizzato da minzione frequente e presenza di sangue nelle urine, come nella cistite emorragica. Durante l'esecuzione di cistoscopia aree visibili di emorragia, vasi dilatati e contorti.
  2. Cistite catarrale Il suo sintomo è la minzione frequente, accompagnata dal dolore. Quando si esegue la cistoscopia, si osserva una diminuzione della capacità della vescica a 150 ml.
  3. Ulcere da radiazioni della vescica. Questa condizione è caratterizzata da minzione frequente con dolore, presenza di sangue nelle urine, "fiocchi", "sabbia". I test delle urine possono indicare la presenza di sali di calcio. Quando si esegue la cistoscopia nel corpo, si osservano ulcere.
  4. Cistite incrostante. Questa forma di cistite da radiazioni ha gli stessi sintomi della precedente. Allo stesso tempo, la capacità dell'organo può essere ridotta a 100 ml.
  5. "Psevdorak". In questo caso, ci sono cambiamenti nella vescica che assomigliano al cancro.

Le manifestazioni cliniche di danno d'organo dalla fine della radioterapia sono di solito osservate in un periodo da 3 a 48 mesi.

Nella maggior parte dei casi, la malattia inizia a manifestarsi durante il primo anno dopo la fine del ciclo di radioterapia.

Nei pazienti con forme complicate di cistite post-radiazioni, c'è un profondo ed esteso danno alla vescica. I processi incendiari allo stesso tempo procedono aggressivamente.

motivi

La causa della malattia è la mancanza di protezione dei tessuti sani durante la radioterapia, la tecnica di trattamento sbagliata e una maggiore sensibilità degli organi alle radiazioni. Pertanto, i medici che eseguono la radioterapia dovrebbero sapere come prevenire l'insorgenza di complicazioni in un paziente e utilizzare l'attrezzatura protettiva per questo.

È necessario informare il paziente che si sottopone a un trattamento sulle possibili conseguenze.

Sotto l'influenza delle radiazioni, il rifornimento di sangue e la riparazione dei tessuti vengono interrotti. Ulcere compaiono nelle pareti dell'organo. La radioterapia riduce l'immunità e la protezione naturale della mucosa. Di conseguenza, batteri, funghi e virus penetrano facilmente nell'organo e causano infiammazione.

diagnostica

Esistono diversi modi per diagnosticare una malattia:

  • Analisi delle urine Mostra il numero di leucociti.
  • Esame del sangue
  • Cistoscopia.
  • Biopsia.
  • diagnosi radiologica.
  • Uroflussometria.
  • Semina l'urina.

Quando si effettua una diagnosi, lo specialista si concentra sulla presenza di disturbi caratteristici in un paziente.

trattamento

Il trattamento della cistite da radiazioni è complicato dal fatto che la patologia è caratterizzata da profondi cambiamenti nei tessuti dell'organo. I farmaci potrebbero non avere l'effetto desiderato. Quindi l'obiettivo principale della terapia è rafforzare il sistema immunitario. Come trattare una malattia dovrebbe essere deciso solo da un medico.

Trattamento domiciliare

Puoi essere trattato a casa, ma sotto la supervisione di un medico. Se ha sviluppato cistite dopo radioterapia, non è consigliabile trattarla da soli. Questo può portare a complicazioni pericolose.

I farmaci antimicrobici sono ampiamente usati nel trattamento di questa malattia. La dose per ciascun paziente è determinata dal medico.

Il trattamento della malattia nelle ragazze e nelle donne ha alcune peculiarità. Sono associati alla struttura anatomica del corpo femminile. La cistite da radiazioni viene trattata nelle donne con farmaci come le supposte vaginali, come il metiluracile. I rappresentanti del sesso forte sono meno suscettibili alla cistite da radiazioni, il suo trattamento negli uomini viene effettuato principalmente con antibiotici.

Per eliminare i sintomi spiacevoli utilizzati antispastici. Nel trattamento complesso può essere usato e rimedi popolari, come infusioni di erbe medicinali, miglio. Contribuiscono a una rimozione più rapida dell'infezione. Consentito da usare e preparati a base di erbe che hanno effetto anti-infiammatorio. Buone pillole d'aiuto Urolesan, Tsiston. Danno un rapido sollievo.

Quando si tratta a casa, si dovrebbe periodicamente fare test di controllo.

Trattamento ospedaliero

Oltre alle medicine, le misure terapeutiche possono includere instillazioni intracavitarie. I preparati d'argento vengono iniettati nella vescica, bruciano le ferite e stimolano la rigenerazione dei tessuti colpiti.

Se un modo conservativo per curare la malattia fallisce, si ricorre all'intervento chirurgico. Può essere fatto in 2 modi:

  1. Diatermocoagulazione: bruciore di ulcere.
  2. Rimozione della vescica

Il trattamento chirurgico della vescica, secondo studi scientifici, è solitamente accompagnato da complicanze. Pertanto, viene utilizzato solo in casi estremi nelle fasi successive della malattia. La resezione della vescica porta alla disabilità.

Metodi di trattamento

Nella cistite postradizionale, il trattamento viene effettuato utilizzando i seguenti metodi:

  • Droga.
  • Instillazioni intracavitarie.
  • Terapia sintomatica
  • Medicina di erbe
  • Interventi chirurgici

Quali farmaci usare per il trattamento, per quanto tempo il trattamento dovrebbe continuare - solo il medico può decidere.

Possibili complicazioni

Complicazioni della malattia includono abbondante sanguinamento, ritenzione urinaria, perforazione delle pareti della vescica, fistole vaginali, danni cicatriziali ai tessuti dell'organo e cambiamenti nella sua elasticità.

Forma cronica

La malattia il più spesso ha una forma cronica. Dopotutto, spesso si svolgono sedute di radioterapia e i tessuti del corpo non hanno il tempo di riprendersi rapidamente. L'infiammazione cronica è caratterizzata da periodi alternati di esacerbazione e remissione.

Linee guida di prevenzione

Poiché l'infiammazione della vescica provoca la radioterapia, il principale metodo di prevenzione è la prevenzione del cancro. Ogni persona ha bisogno di essere diagnosticata periodicamente per rilevare patologie maligne.

Per prevenire il cancro, si raccomanda di rinunciare all'alcool e fumare, per normalizzare la nutrizione. Di grande importanza è l'osservanza del regime quotidiano

Per prevenire l'infiammazione della vescica durante la radioterapia, l'organo viene protetto con uno schermo speciale. I pazienti che ricevono un trattamento con radiazioni eseguono esami endoscopici periodici della vescica.

È sempre più facile prevenire l'apparizione della patologia durante la radioterapia che curare l'infiammazione.

Statistiche della malattia

Secondo le statistiche, la cistite da radiazioni si verifica nel 18% dei casi dopo la radioterapia.

Altri Articoli Su Rene