Principale Anatomia

Trapianto di rene: da un parente, dove si svolge e quanto costa

La primissima operazione chirurgica con trapianto di rene è stata eseguita all'inizio del XX secolo.

Il Dr. Ulman ha condotto la parte pratica del trapianto sull'animale. Negli anni successivi, molti scienziati hanno tentato di trapiantare un rene, ma tutti questi esperimenti si sono conclusi con un fallimento. Gli organi animali erano usati come organo per il trapianto, che era anche catastrofico. Yuriy Voronoy è il primo chirurgo a eseguire un trapianto di rene umano. È vero, il donatore era già una persona deceduta. Anche questo trapianto di rene è stato considerato non riuscito.

Nel 1954 ebbe luogo un trapianto di rene, durante il quale fu trapiantato un organo da un donatore vivente. Nel tempo, il problema del trapianto di rene è stato studiato più a fondo. Preparativi speciali sono stati sviluppati per facilitare la rigenerazione e l'adattamento più rapidi del corpo.

Indicazioni per il trapianto di rene

Se il paziente ha sviluppato insufficienza renale acuta, il trapianto renale è la sua unica possibilità di sopravvivenza. Il trapianto viene utilizzato solo quando nessun altro trattamento ha alcun effetto. Il trapianto di rene offre ai pazienti maggiore indipendenza.

Il corpo viene ritirato da una persona sana, spesso un parente. Il gruppo sanguigno del donatore e del paziente deve essere lo stesso, inoltre non dovrebbe esserci troppa differenza di età. Il donatore dovrebbe essere sano e il suo peso dovrebbe corrispondere approssimativamente al peso del ricevente. I bambini piccoli cercano di non esporre tali operazioni.

La procedura è necessaria per le seguenti malattie:

  • Glomerulonefrite cronica.
  • Pielonefrite cronica.
  • Lesioni.
  • Malattie renali congenite.
  • Insufficienza renale cronica terminale.
  • Nefropatia diabetica.
  • Malattia del rene policistico.

Dove spendere e quanto costa

L'operazione di trapianto viene eseguita in centri medici speciali. Costo. la qualità, le scadenze, la percentuale di morti dipende interamente dalle qualifiche di medici e cliniche. Di solito le persone si rivolgono a un paese dove i chirurghi eseguono molte di queste operazioni con un risultato positivo. Questi sono Israele, USA, Germania, ecc.

Ad esempio, in Germania, un'operazione di trapianto di reni costa circa centomila euro.

Donatore di reni a un intervento chirurgico

Oggi, come molti decenni fa, c'è una grande carenza di donatori e organi. Tuttavia, il numero di pazienti che necessitano di trapianto - molte volte di più. D'accordo, non tutti, anche per una grande quantità di denaro, accetteranno di dare il proprio corpo a scapito della propria salute. I morenti diventano probabili donatori. In casi estremi che non richiedono ritardi, anche le persone con problemi di salute possono diventare donatori.

Sfumature mediche

Il trapianto di rene viene eseguito senza rimuovere il vecchio organo. Il rene sinistro viene trapiantato sul lato destro e viceversa. Quindi il lavoro degli organi con il resto dei sistemi sarà organizzato meglio.

Nel corpo umano fanno incisioni, canali del sangue liberi, arterie. Quindi, effettuare un trapianto di rene e imporre anastomosi vascolari. Dopo aver imposto un flusso, sanguinare attraverso il canale. Allo stesso modo, collegare il sistema escretore delle urine, collegarlo alla vescica. Alcuni muscoli possono essere tagliati.

Dopodiché, il rene viene fissato sul posto, assicurando che la sua posizione non interferisca con il flusso sanguigno libero. Quindi installare il tubo e cucire il corpo in diversi strati. Tutto il trapianto completato

Possibili complicazioni

La principale complicazione è la reazione del corpo al rigetto del rene trapiantato.

Questa reazione è di tre tipi:

  1. Oltre il rigetto acuto. Inizia 1 ora dopo l'intervento chirurgico a causa di danni del trapianto da parte di anticorpi presenti nel corpo umano;
  2. Rifiuto acuto. Può iniziare dal quinto al ventunesimo giorno dopo un trapianto di rene, se nel corpo del ricevente si producono anticorpi che distruggono l'innesto;
  3. Rifiuto cronico. Inizia a lungo termine a causa del rigetto acuto della reazione che non è stata curata in tempo o dall'infezione nel corpo.

Altre complicazioni possono verificarsi:

  • tromboembolismo venoso;
  • fistole e aneurisma;
  • complicanze urologiche;
  • trombosi di varie arterie;
  • infezioni della ferita;
  • sanguinamento.

Riabilitazione del paziente dopo l'intervento chirurgico

C'è sempre il rischio di non prendere un nuovo organo dal corpo. Il primo giorno, l'intero sistema escretore delle urine è incluso nel lavoro. I medici monitorano la risposta del corpo a un nuovo rene. Allo stesso tempo, i preparati ausiliari più forti entrano nel corpo umano. Nel tempo, il corpo accetta, ma il rischio di rigetto è ancora conservato.

Il periodo di recupero dopo tale trapianto richiede molto tempo. Il paziente dona sangue e altri esami di laboratorio per un lungo periodo dopo un trapianto di rene.

Lo specialista nominerà il rigoroso rispetto della dieta e pubblicherà un menu speciale che include diverse opzioni con i requisiti prescritti.

Chi può essere un donatore di reni: il costo e la procedura del trapianto

I nefrologi considerano i reni un organo umano unico. Funzionano, non si fermano per un minuto.

Il loro lavoro è difficile e sostituisce l'intero sistema. Senza di loro, la nostra esistenza è impossibile, perché purificano il nostro sangue dalle sostanze nocive.

Se il loro lavoro fallisce, le scorie non vengono più espulse dal corpo, è avvelenato. L'output è emodialisi regolare. Nei casi difficili, è richiesto un trapianto.

Informazioni generali

Sono nello spazio retroperitoneale, hanno la forma di un fagiolo. La massa di uno - 120-200 g.

Le funzioni hanno molto Il principale - escretore - rimuovere l'acqua e le sostanze solubili in acqua dal corpo. Ce ne sono altri: ematopoietici, protettivi, endocrini.

Sono pazienti e non si lamentano del loro stato di salute, spesso si ammalano in silenzio. Ma secondo alcuni segnali, si possono sospettare problemi con loro:

  • gonfiore delle palpebre, delle mani, delle caviglie a causa del liquido stagnante;
  • dolore nella regione lombare, che è causato da una capsula tesa intorno a loro;
  • la sabbia nelle urine è un segno di malattia renale;
  • ipertensione arteriosa senza motivo - i reni oi vasi sanguigni che li alimentano sono malati;
  • l'urina è rosa o rossastra - c'è sangue, sospetti tumori.
  • minzione difficile (urina torbida, bruciore, dolore, urgenza rara / frequente).

L'elenco delle malattie renali è ampio: insufficienza renale, pielonefrite, nefropatia, ecc.

Grazie a questa funzione, alle persone è stato permesso di diventare donatori di questo corpo. Migliaia di russi hanno bisogno di un trapianto. Stanno aspettando un trapianto di un anno. Ma solo 500 persone cadono nell'operazione ogni anno, il resto muore.

Potenziali donatori

La legge della Federazione russa "sul trapianto di organi e (o) tessuti umani" definisce una cerchia di coloro che possono diventare donatori. Questo è:

  • parenti viventi;
  • persone che non sono imparentate con il paziente;
  • i morti sono i cadaveri di persone il cui cervello è morto e il loro cuore si sta contraendo.

parenti

Puoi essere nella "lista d'attesa" per il trapianto da decenni. Per salvare il paziente, i suoi parenti decidono di dargli il loro rene.

In primo luogo, il parente più prossimo (fratello, sorella, padre, madre) è considerato per questo ruolo. Gemello identico ideale. Il rischio di rigetto di un altro organo sarà minimo.

Quindi - parenti indiretti (parenti di marito o moglie, amici, parenti, conoscenti).

La cosa principale è che i corpi dei parenti sono sani, e solo i medici lo determineranno.

Altri candidati

Ma più spesso, una persona che è pronta a separarsi da un rene (per soldi, ovviamente) diventa una persona sconosciuta che soddisfa tutti i criteri.

I donatori inanimati sono di 2 tipi:

  1. Quando morte biologica, quando c'è un consenso scritto a vita del defunto per diventare donatore.
  2. Dopo la morte del cervello, registrata dai medici. La causa della morte è spesso incompatibile con le lesioni alla vita dopo gli incidenti.

Come ottenere consigli

È necessario sottoporsi a un approfondito esame medico per verificare la propria salute e determinare la conformità con i tessuti del ricevente.

Si scopre spesso che chi decide di donare un organo non può rinunciare al suo rene a causa dei problemi rilevati nel corpo.

Condizioni di trapianto e come donare un rene?

Le persone sane che vogliono condividere, dovrebbero dichiararlo volontariamente. Possono offrirlo a un destinatario specifico o congelarlo per i futuri pazienti, che soddisferà.

A proposito, solo i reni vengono raccolti da una persona vivente. Il cuore, il fegato, i polmoni prendono solo dai cadaveri.

Le condizioni principali per il trapianto, l'età - da 18 a 50 anni. Malattie - se rilevi malattie infettive, HIV, epatite, tumori, ischemia, i medici non ti permetteranno di diventare donatore. Nell'ipertensione e nell'aterosclerosi è possibile la cattura di organi.

Una persona che vuole dare il proprio corpo passa attraverso una serie di fasi:

  1. Viene attentamente esaminato per la presenza di controindicazioni alla donazione. I medici sono responsabili del risultato dell'operazione, quindi è necessario sapere se è sano per lei. In assenza di richieste da parte dei medici procedere alla fase successiva.
  2. Se il destinatario è già noto, viene controllato se l'organo è adatto a lui. I tipi di sangue sono determinati. I partecipanti al trapianto devono corrispondere. Verificare se i tessuti biologici sono compatibili.
  3. Il donatore è ricoverato in ospedale. Viene esaminato da specialisti e condotto analisi secondarie: ecografia della cardiografia ecocardiografica del cuore, radiografia dei polmoni, esami del sangue.
  4. Viene preparato un trapianto: studiano possibili rischi, redigono documenti e ottengono il consenso per un'operazione.
  5. Il trapianto viene eseguito

Costo e come va la transazione

La donazione dal vivo in Russia è consentita solo gratuitamente e solo in relazione ai parenti. Nei prossimi anni, questo problema non cambierà nulla.

Tale legge si applica in tutti i paesi in via di sviluppo. La vendita di organi è vietata dagli stati di tutti i paesi ed è consentita solo in Iran.

Quanto costa un trapianto di rene in Russia? Il costo finale è determinato dal prezzo dell'autorità e dall'operazione.

Questa operazione è complicata, così costosa. In media, costa $ 20.000. Il prezzo varia da $ 10.000 a $ 100.000.

Il costo è determinato dal prestigio della clinica, la fama del chirurgo. Gestisce i luminari in una clinica d'elite - il che significa che costerà $ 30-100 mila. Il prezzo è influenzato dall'urgenza dell'operazione.

Nelle regioni possono fare e trapianto gratuito. Ma qui non è così liscio. Lo stato stanzia 1,2 milioni di rubli ogni anno. su di loro. Per quanti pazienti saranno sufficienti questi soldi? Ci sono molti pazienti, un'enorme coda e si muove molto lentamente.

Gli organi nelle cliniche vengono trapiantati nella Federazione Russa. La loro lista è su Internet. I più famosi - centri oncologici ed ematologici presso l'Accademia Russa di Scienze Mediche, Mosca MA loro. Sechenov, Università. Pavlova a San Pietroburgo.

Prezzo sul mercato nero

Ma la necessità di organi dei donatori è grande, e sono gravemente carenti. C'è un mercato nero. Ci sono molti annunci su Internet su persone che vogliono vendere un pezzo di loro.

Ma sorge la domanda naturale: quale sarebbe il prezzo dell'organo renale se la vendita dell'organo fosse ufficialmente autorizzata? Ad oggi, il rene costerebbe da 1,5 milioni di rubli. fino a 15 milioni

Questa cifra si è rivelata trasferendo il suo valore sul mercato nero all'estero in rubli.

Un sacco di soldi, e ci sono persone pronte a salutare l'organo renale. Sforzarsi di diventare ricco in questo modo molto.

Nelle piccole città con bassi salari e prezzi bassi, gli organi sono più economici. E il più economico - nei villaggi provinciali. Lì puoi comprarlo per soli 30 mila rubli.

Procedura per nefrectomia

Ci vuole una settimana dall'ospedale alla chirurgia. Dopo 7 giorni trascorrono la nefrotomia (prelievo di reni). Ecco come procede l'operazione.

In primo luogo, l'anestesista dà l'anestesia generale del donatore. Dopo che il catetere è collegato (pulisce la vescica) e drenato, (fornisce idrocarburante). Successivamente, eseguire una laparoscopia: fare 2-4 piccole incisioni di 1 cm sul lato dell'addome. L'accesso al rene è aperto.

Il chirurgo separa attentamente il rene, la ghiandola surrenale e l'uretere dai tessuti e rimuove l'organo. Questa è la fase più cruciale dell'operazione. La cosa principale in esso - non ferire nulla e prevenire la perdita di sangue di grandi dimensioni. Vasi sanguigni, ureteri asportati, quindi bloccati. Le ferite vengono suturate e inserite una benda sterile.

Raramente in questo caso, eseguire la chirurgia addominale. L'intervento chirurgico dura 2-3 ore e viene registrato sulla fotocamera. Dopo l'operazione, il donatore trascorre il primo giorno in terapia intensiva, dove riprende conoscenza sotto il controllo dei medici.

Più spesso, i chirurghi prendono il rene sinistro - ci sono vasi più vicini e più a lungo di una vena.

Possibili rischi di nefrotectomia e periodo di recupero dopo l'intervento chirurgico

Lei non è pericolosa. La probabilità di morire sul tavolo operatorio è bassa, 1: 3.000, anche se è impossibile prevedere tutto.

Se si sente soddisfatto il giorno successivo, viene trasferito in reparto. Non ci sarà dolore, gli analgesici faranno fronte. Se necessario, scrivere un breve ciclo di antibiotici. Si trova nell'ospedale, a seconda dello stato.

Il recupero finale dura fino a un anno, momento in cui è necessario prendersi cura di se stessi e seguire tutte le raccomandazioni del medico.

Conseguenze e conclusioni

Una persona in buona salute si riprende entro un mese e mezzo e va a lavorare. Può condurre una vita attiva in un anno. Le donne non sono quindi vietate al parto.

La vita dei donatori è simile alla vita delle persone comuni: il solito modo di vivere, gli affari di tutti i giorni. Il termine di vita, secondo la maggior parte dei trapiantologi, non è ridotto. Il rischio di malattia del rene rimanente è ridotto e si verifica nello 0,5% dei donatori.

Ma ogni organismo è individuale, per escludere complicazioni in futuro, anche piccole, non vale la pena nemmeno con la normale riabilitazione. Sì, e i problemi della vita con un rene che possono sorgere, è necessario sapere:

  1. La pressione sanguigna e la quantità di proteine ​​nelle urine possono aumentare. Sono anche possibili insufficienza surrenalica e disturbi ormonali. Per alcuni, l'organo rimanente comincia a peggiorare. Ma i donatori si sottopongono regolarmente a visite mediche, i problemi vengono facilmente identificati nelle fasi iniziali e vengono eliminati.
  2. Fino alla fine della sua vita, una persona dovrebbe essere più attenta con la sua salute, monitorare le condizioni del rene rimanente.
  3. Dovremo attenerci a una dieta e abbandonare i singoli prodotti per non danneggiare il rene rimasto.
  4. Elimina le cattive abitudini. Con un rene, l'alcol e il fumo possono uccidere una persona in pochi mesi;
  5. Evitare l'aumento dello sforzo fisico e dell'ipotermia, non sollevare pesi.
  6. Alcune fonti dicono che dovrai separarti da dieci anni di vita.
  7. Devi prendere delle droghe speciali.
  8. Nefromectomia può anche influenzare lo stato emotivo del donatore.

Prima di fare questo passo serio, devi pensare attentamente, scegliere una clinica affidabile e ascoltare incondizionatamente il medico. La donazione è una "impresa silenziosa" per un'altra persona.

Trapianto renale: indicazioni, conduzione, riabilitazione

I reni sono un organo associato del nostro corpo che svolge la funzione di rimuovere le tossine. Se la funzione renale è compromessa, il corpo diventa avvelenato e la persona muore. Un po 'più di 15-20 anni fa, i pazienti con insufficienza renale allo stadio terminale erano condannati.

Un rene è una struttura di funzionamento molto difficile, e può essere sostituito da una funzione con attrezzature molto complesse (che non possono essere semplicemente messe in una tasca e portate con sé), o sostituite con un organo sano.

Ora questi pazienti vivono per molti anni grazie a una rete sviluppata di centri di dialisi, nonché a un aumento dei trapianti di rene.

L'emodialisi (rene artificiale) è una buona invenzione, che consente di prolungare la vita di un paziente con insufficienza renale cronica allo stadio terminale. Ma un tale paziente è "legato" al centro dialisi. Non può andare da nessuna parte più di un giorno. Saltare anche una singola procedura di dialisi può portare alla morte.

E i pazienti con insufficienza renale cronica ogni anno diventano sempre di più.

Pertanto, la questione del trapianto di rene è così urgente.

Storia di

Il rene divenne il primo organo da provare per trapiantare prima nell'esperimento e poi in pratica. I primi esperimenti sull'attecchimento del rene alieno furono condotti su animali all'inizio del XX secolo.

Per la prima volta è stato possibile trapiantare con successo un rene da persona a persona nel 1954. Un chirurgo degli Stati Uniti, Joseph Murray, trapiantò il rene di suo fratello in un paziente incurabile. Il paziente ha vissuto con un rene trapiantato per nove anni. Questo periodo è considerato l'inizio dell'era del trapianto. Allo stesso tempo, gli studi necessari sulla compatibilità dei tessuti e la necessità di sopprimere la risposta immunitaria in pazienti con un organo trapiantato si sono accumulati. Senza questo, il trapianto sarebbe condannato.

Importanti pietre miliari nello sviluppo del trapianto:

  • La scoperta di nuovi farmaci citotossici.
  • L'introduzione diffusa di emodialisi e dialisi peritoneale.
  • La scoperta di nuove soluzioni conservanti.
  • Aprendo il ruolo della compatibilità HLA-DR.

Trapianti di rene nel mondo moderno

Attualmente, un trapianto di rene è un'operazione abbastanza comune, è la metà del volume dell'intero trapianto. Circa 30 mila di queste operazioni vengono eseguite ogni anno nel mondo. Il tasso di sopravvivenza a cinque anni è dell'80%.

È stato dimostrato che un trapianto di rene non solo migliora significativamente la qualità della vita di un paziente con insufficienza renale cronica, ma aumenta anche la sua durata (rispetto all'emodialisi cronica).

Tuttavia, il numero di persone che hanno bisogno di un trapianto di rene è diverse volte superiore al numero di operazioni eseguite. Certo, questo è dovuto alla mancanza di organi da donatore.

L'operazione di trapianto stessa è solo una delle fasi del trattamento. Dopo che inizia non è meno difficile e cruciale fase - la vita con un rene trapiantato, che richiede l'assunzione costante di droghe per tutta la vita al fine di prevenire il rigetto dell'organo trapiantato.

Chi ha bisogno di un trapianto di rene

L'indicazione per un trapianto di rene è una - l'ultima fase dell'insufficienza renale, cioè lo stadio in cui entrambi i reni (o per qualche motivo l'unico rene) non affrontano la funzione di purificazione del sangue.

Il corpo aumenta la quantità di tossine azotate, che sono tossiche per tutti gli organi. Questo stato senza intervento porta inevitabilmente alla morte. Nessun farmaco può rallentare la progressione dell'insufficienza renale.

Quali malattie portano più spesso all'insufficienza renale?

  1. Glomerulonefrite cronica.
  2. Pielonefrite cronica.
  3. Nefropatia nel diabete.
  4. Patologia congenita.
  5. Policistico.
  6. Urolitiasi.
  7. Lesioni.
  8. Tumori.

Il trapianto di rene è indicato principalmente per i bambini, poiché l'emodialisi è piuttosto difficile per loro.

Fase preparatoria

Se viene formulata una diagnosi deludente e viene presa una decisione in merito alla necessità di un trapianto, al paziente viene assegnata un'intera gamma di esami allo scopo di metterlo in lista d'attesa.

Prima di tutto, devono essere escluse le controindicazioni assolute al trapianto di rene:

  • Neoplasie maligne
  • Tubercolosi attiva
  • Epatite attiva o AIDS.
  • Malattie gravi del cuore e dei vasi sanguigni.
  • Malattia polmonare cronica con insufficienza respiratoria.
  • Addiction.
  • Malattia mentale
  • Tutte le malattie con un'aspettativa di vita non superiore a due anni.

Per escludere queste malattie, vengono effettuati gli esami appropriati:

  1. Esami del sangue e delle urine.
  2. Analisi dettagliata biochimica.
  3. Marcatori di sangue per malattie infettive.
  4. Esame a raggi X dei polmoni
  5. Test di funzionalità polmonare.
  6. Ultrasuoni degli organi addominali.
  7. Fibrogastroscopy.
  8. L'esame funzionale del cuore, con la rilevazione di anomalie, l'angiografia coronarica può essere prescritto.

La procedura di tipizzazione dell'istocompatibilità sul sistema HLA.

Se si intende un trapianto di un organo da un donatore deceduto, il paziente viene inserito nella lista di attesa e attende il suo turno fino a quando appare quello appropriato in base ai risultati della digitazione dell'organo donatore. Il rene dovrebbe essere adatto anche per età e taglia. L'attesa è abbastanza lunga, in media, i pazienti bisognosi sono in attesa di un rene per 1,5-2 anni. Il trapianto di rene in un bambino con un organo adatto viene eseguito per primo.

Cosa devi fare mentre l'operazione è prevista:

  • Un paziente deve avere un'emodialisi adeguata.
  • È necessario esaminare le infezioni latenti (feci di bakposev, urina, espettorato) e il loro trattamento.
  • Igiene della cavità orale.
  • Esame dell'otorinolaringoiatra.
  • Esame di un ginecologo.
  • Realizza tutti i vaccini necessari contro le malattie infettive.
  • Correzione massima del trattamento delle malattie croniche, selezione della terapia insulinica per garantire un adeguato compenso del diabete.
  • Se necessario, è possibile il trattamento chirurgico della malattia coronarica (rivascolarizzazione miocardica).
  • Se il processo infiammatorio batterico nei reni malati non è in alcun modo suscettibile di trattamento conservativo, può essere eseguita una nefrectomia bilaterale.
  • È necessario richiedere una quota per una operazione gratuita al Ministero della salute regionale.

Una chiamata per un trapianto di rene dal centro trapianti può essere ricevuta in qualsiasi momento (per questo, poiché molti numeri di telefono di contatto sono lasciati al centro). Pertanto, si dovrebbe sempre essere pronti a chiamare per un'operazione, e quando si riceve una chiamata, provare ad arrivare al centro il prima possibile con l'operatore. Dopo aver ricevuto un messaggio sull'operazione imminente, è necessario astenersi dal mangiare e mangiare.

Trapianto di rene da donatore vivente

Aspettare un donatore adatto è un processo lungo. Il rene è preso principalmente da quelli uccisi in disastri che hanno la morte cerebrale.

Attualmente, un trapianto di rene da donatore vivente sta diventando più comune in tutto il mondo. Questo trapianto ha una serie di benefici comprovati:

  1. Un trapianto da un donatore vivo (anche non correlato) dà una percentuale maggiore del tasso di sopravvivenza e una maggiore aspettativa di vita.
  2. Elimina lunghe attese.
  3. La natura pianificata dell'intervento.
  4. La possibilità di un esame preliminare più approfondito del donatore.
  5. Il periodo di ischemia fredda è ridotto.
  6. La possibilità di trapianto di rene prima dell'inizio dell'emodialisi, che dà anche un minor numero di complicanze.

In Russia, un trapianto di rene è consentito solo da un parente stretto. Il donatore può essere una persona in connessione genetica con il paziente, di età compresa tra 18 e 65 anni, che ha dato il consenso volontario alla rimozione del rene.

Il donatore subisce un esame approfondito. Non dovrebbe avere malattie somatiche e mentali gravi, ipertensione. Particolare attenzione è rivolta allo studio dello stato dei reni, per eliminare la patologia nascosta. Dal momento che il donatore dovrà vivere il resto della sua vita con un rene, i medici devono essere sicuri del suo normale funzionamento.

Descrizione dell'operazione stessa

Esistono due metodi per questa operazione:

Il trapianto ortotopico è il trapianto di un rene nel luogo in cui si trova di solito. Cioè, il rene malato viene rimosso, e un donatore viene posto al suo posto, le navi renali vengono suturate ai vasi renali del ricevente. Il trapianto ortotopico è usato raramente, in quanto ha molti punti negativi.

Il trapianto eterotopico è l'inserimento di un rene in un luogo atipico per lei nella regione iliaca del bacino. Allo stesso tempo, i vasi del rene donatore vengono suturati con i vasi iliaci del paziente: l'arteria renale con l'arteria iliaca, la vena renale con la vena iliaca. Solo dopo il ripristino del flusso sanguigno nel rene, creare un percorso per il flusso di urina. L'uretere viene suturato nella vescica.

Tale operazione è tecnicamente più semplice, l'accesso ai vasi della regione iliaca è più facile, sono più grandi del renale.

L'operazione viene eseguita in anestesia generale, la durata dell'operazione è di 3-4 ore. Quando un organo cadaverico viene trapiantato, il tempo è un fattore decisivo, pertanto la preparazione preoperatoria viene eseguita su base di emergenza.

Quando un donatore viene trapiantato da un donatore vivente, le operazioni di nefrectomia e trapianto vengono eseguite quasi simultaneamente e sono pianificate in anticipo, il che consente una preparazione più accurata sia del donatore che del ricevente.

Dopo il completamento di tutte le fasi, i tubi di drenaggio vengono lasciati nel campo chirurgico e la ferita viene suturata.

Periodo postoperatorio precoce

Dopo l'operazione, il paziente rimarrà nell'unità di terapia intensiva per diversi giorni sotto stretto monitoraggio.

Il rene trapiantato inizia a funzionare pienamente nei giorni 5-7, prima delle quali si svolgono le sessioni di emodialisi.

La nutrizione nei primi giorni viene effettuata per via parenterale, cioè mediante infusione endovenosa di varie soluzioni nutritive. Vengono prescritti antibiotici ad ampio spettro e farmaci che sopprimono la risposta immunitaria (immunosoppressore di base - Ciclosporina A) sin dai primi giorni.

I medici permettono di alzarsi e camminare per 2-3 giorni.

La dimissione dall'ospedale con esito favorevole è possibile in 3-4 settimane. Per tutto questo tempo, i medici hanno monitorato il funzionamento del rene trapiantato: esami quotidiani del sangue e delle urine, creatinina, urea, livelli di elettroliti. Noto esame radioisotopico, così come vasi sanguigni Doppler per valutare il flusso di sangue. A volte è necessaria una procedura di biopsia del rene.

Possibili complicanze postoperatorie precoci:

  1. Il fallimento delle anastomosi vascolari con lo sviluppo di sanguinamento o la formazione di ematomi retroperitoneali.
  2. Complicanze infettive sotto forma di suppurazione di una ferita operativa o generalizzazione di un'infezione latente sullo sfondo della terapia immunosoppressiva.
  3. La reazione del rifiuto più acuto.
  4. Trombosi o tromboflebite dei vasi ileali o delle vene profonde della gamba.

La vita con un rene trapiantato

Se l'operazione è andata bene, il rene ha iniziato a funzionare e la minaccia di complicanze postoperatorie è passata, il paziente è stato dimesso a casa.

La qualità della vita di questi pazienti sta migliorando, molti stanno tornando al lavoro, le donne sono in grado di avere figli. I pazienti con un rene trapiantato vivono per 15-20 anni, quindi può essere sollevata la questione di un nuovo trapianto.

Il principale problema nel trapianto è il rischio di rigetto del trapianto, che può verificarsi in qualsiasi momento dopo l'intervento chirurgico. Un rene di donatore, anche se preso da un parente stretto, viene percepito dal corpo come un corpo estraneo. Il nostro sistema immunitario, progettato per sbarazzarsi di corpi estranei, produce anticorpi contro proteine ​​estranee. Come risultato dell'interazione di anticorpi con antigeni, si verifica la necrosi dell'organo.

I principali segni di rigetto del rene del donatore:

  • Aumento della temperatura
  • Dolore nella zona del rene trapiantato
  • Riduzione della diuresi o completa cessazione della minzione.
  • Cambiamenti nelle caratteristiche di analisi dell'insufficienza renale acuta.

Per sopprimere la risposta immunitaria dopo l'operazione di trapianto di qualsiasi organo (non solo i reni), vengono prescritti farmaci speciali - immunosoppressori.

I principali immunosoppressori usati oggi:

  1. Corticosteroidi.
  2. Ciclosporina (Sandimun).
  3. Tacrolimus.
  4. Sirolimus.
  5. Everolimus.
  6. Simulect.
  7. Zenopaks.
  8. Atgam.

Di solito, viene prescritta una combinazione di diversi immunosoppressori che agiscono su diverse parti della risposta immunitaria. Esistono due modalità di immunosoppressione:

  • Induzione (entro 8-12 settimane dopo il trapianto), suggerendo le dosi massime di farmaci.
  • Supportive (per il resto della tua vita).

La terapia immunosoppressiva ha i suoi effetti collaterali, su cui il paziente viene avvertito in anticipo: possibile sviluppo di epatite indotta da farmaci, leucopenia, diabete, obesità, osteoporosi, ulcera peptica, ipertensione arteriosa. Aumenta anche la suscettibilità alle infezioni.

Quali fattori determinano la sopravvivenza e la longevità del trapianto

  1. Compatibilità immunologica del donatore e del ricevente. Più posizioni coincidono nella tipizzazione del tessuto, minore è la possibilità di rifiuto. I donatori più favorevoli sono gemelli identici, seguiti da fratelli, poi da genitori, poi da parenti più lontani, quindi da donatori viventi non parenti. E all'ultimo posto - un cadavere.
  2. "L'effetto del centro." Significa una combinazione di esperienza e condizioni esistenti in ogni centro specifico. La differenza nei risultati della sopravvivenza di organi in diversi centri raggiunge il 20%.
  3. La durata dell'ischemia fredda dell'organo donatore. Esistono prove che questo fattore è più importante dell'istocompatibilità.
  4. Età (aumenta il rischio).
  5. La qualità della formazione e della riabilitazione al momento dell'operazione.
  6. Patologie concomitanti extrarenali.

Secondo le recensioni di pazienti sottoposti a trapianto di rene: nonostante tutta la preparazione, l'attesa, la gravità dell'operazione stessa e il successivo trattamento con droghe pesanti, tutti questi tormenti ripagano con un senso di libertà. La persona si sente a pieno titolo, non legata alla macchina per emodialisi.

Dove viene eseguito un trapianto di rene e quanto costa

Un'operazione di trapianto di reni è un aiuto medico ad alta tecnologia, per ogni regione le quote vengono assegnate dal budget federale per eseguirlo gratuitamente per i pazienti bisognosi.

Tuttavia, la quota per tutti coloro che ne hanno bisogno non è sufficiente. Molti decidono su un'operazione a pagamento. Il costo medio di un trapianto di rene è $ 20.000. Va notato che il commercio di organi è vietato nel nostro paese. Questo è il prezzo dell'operazione stessa, indipendentemente da quale organo sarà trapiantato - da un parente o da un cadavere.

Ci sono più posti in cui un rene viene trapiantato in Russia che centri per il trapianto di altri organi.

A Mosca, i trapianti di reni sono impegnati in:

  • Istituto di ricerca di transplantologia e IO Rosmedtekhnologii.
  • RNC Surgery RAMS.
  • Centro Scientifico SSH loro. Bakulev RAMS.
  • Centro medico e chirurgico nazionale. Pirogov.
  • Ospedale clinico pediatrico russo Roszdrav.
  • RAM SC oncologico.
  • Ospedale clinico militare principale. Burdenko.
  • WMA russi. Kirov.

Ci sono diversi centri federali per il trapianto di reni a San Pietroburgo:

  1. GMU loro. Accademico Pavlov.
  2. FSI "Istituto radiologico di radiologia della ricerca centrale".

Ci sono anche reparti di trapianto di reni in quasi tutte le principali città: Novosibirsk, Nizhny Novgorod, Samara, Krasnoyarsk, Khabarovsk, Ekaterinburg, Irkutsk e altri. L'indirizzo del centro trapianti renali più vicino può essere ottenuto dal Ministero della Salute regionale, dove puoi anche provare a ottenere una quota per il trapianto gratuito.

Trapianto di rene come un modo per aumentare significativamente l'aspettativa di vita

Nel 2015 sono trascorsi 50 anni dal primo trapianto renale di successo. Oggi, una tale operazione è la più comune nei centri trapianti. Circa 1.000 trapianti di rene vengono eseguiti ogni anno in Russia e circa 16.000 negli Stati Uniti. Il trapianto renale consente a una persona di prolungare la vita per 6-20 anni, compresi i pazienti più giovani. Nel nostro paese, operazioni di questo tipo effettuate con successo vengono effettuate su bambini da 3 mesi.

Trapianto di rene - informazioni generali

Il trapianto di rene è un trapianto di un organo a un paziente da un donatore - una persona viva o un cadavere. Un nuovo rene sano viene trapiantato nell'area dell'ileo, molto meno spesso - nella zona in cui si trovano i reni nativi del paziente. Nei bambini piccoli fino a 20 kg, il rene del donatore viene inserito nella cavità addominale - solo in questo posto si trova un organo adulto e piuttosto grande in grado di stabilirsi e funzionare.

Allo stesso tempo, il rene di una persona è di solito lasciato alla persona, ci sono solo alcune eccezioni quando devi rimuovere un organo malato. Questo è policistico, una maggiore dimensione dell'organo nativo che interferisce con il trapianto, ecc.

Il rene del donatore congelato, lavato e preparato, viene posto in un luogo preparato, collega rapidamente vasi, nervi e ureteri (quest'ultimo può essere sia donatore che famiglia).

La classificazione internazionale delle malattie fornisce diversi codici associati al trapianto di rene. Il codice ICD-10 Z94.0 indica la presenza di un rene trapiantato direttamente, il codice Z52.4 indica un donatore di rene. T86.1 - Queste sono complicanze dopo l'intervento chirurgico o il rigetto di un nuovo organo.
Sul video del trapianto di reni:

testimonianza

C'è solo un'indicazione per il trapianto di rene - si tratta di insufficienza renale cronica nella fase terminale, cioè quando il recupero della funzione renale non è più possibile.

Questa condizione in un paziente può verificarsi come l'ultimo stadio di molte malattie:

  • glomerulonefrite cronica o pielonefrite;
  • nefropatia diabetica;
  • malattia del rene policistico;
  • traumi;
  • varie anomalie congenite;
  • lupus nefrite (una disfunzione della funzione renale sullo sfondo del lupus eritematoso), ecc.

Un trapianto di rene viene eseguito come parte della terapia di sostituzione renale, che comprende anche l'emodialisi e la dialisi peritoneale. I pazienti possono vivere in dialisi per diversi anni, ma prima o poi si presenterà la necessità di trapianto. Ciò è dovuto al fatto che la procedura di dialisi limita significativamente la capacità del paziente, che ogni 2-3 giorni deve seguire una procedura complessa e spesso dolorosa. Il trapianto aiuta una persona a ritrovare una vita piena per diversi anni.

Per i bambini piccoli, il problema del trapianto di rene è ancora più acuto. Con l'emodialisi, vi è un serio rallentamento nello sviluppo fisico del bambino, quindi un trapianto di rene permette non solo di riportare il bambino a una vita normale, ma anche di assicurarne la piena crescita e lo sviluppo.

Controindicazioni

Oggi nella medicina russa non esiste una visione unica dei divieti di trapianto di rene. Ci sono controindicazioni assolute in cui nessun centro trapianti di organi nel paese intraprenderà un'operazione. E relativo, in cui le opzioni sono possibili: alcuni esperti ti consigliano di attendere con un trapianto, altri possono immediatamente consentire il trapianto.

Le controindicazioni assolute per il trapianto di rene comprendono:

  • reazione cross-immunologica con linfociti donatori;
  • neoplasie appena scoperte o troppo poco tempo dopo l'intervento (per ogni tipo di tumore esiste un termine diverso);
  • malattie cardiovascolari nello stadio scompensato;
  • infezioni attive (tubercolosi, HIV);
  • stadi gravi di altre malattie croniche;
  • cambiamenti di personalità, in cui è improbabile che il paziente si adatti dopo il trapianto (sullo sfondo di alcolismo, tossicodipendenza, psicosi).

L'epatite cronica inattiva B e C e il diabete mellito non sono controindicazioni. Ma alcuni centri di trapianto in questo caso offrono il trapianto simultaneo di reni e pancreas.

Ci sono due modi per ottenere un trapianto di rene. Di conseguenza, ci sono due tipi di trapianto: con un rene ricevuto da una persona vivente e da un cadavere.

I donatori viventi sono spesso parenti. In questo caso, vi è un'alta probabilità di compatibilità tra il donatore e il ricevente, così come il fatto che il nuovo rene nel paziente metterà radici e funzioni perfettamente.

La compatibilità è determinata da tre parametri:

  • corrispondente al gruppo sanguigno del paziente e del donatore;
  • compatibilità degli alleli (varianti) dei geni HLA del ricevente e del donatore;
  • corrispondenza approssimativa per peso, età e sesso (non sempre rispettata).

Non tutte le persone che hanno bisogno di un trapianto di rene, hanno parenti che sono adatti a tutti gli aspetti e sono pronti a donare un organo. Pertanto, in Russia una gran parte delle operazioni di trapianto viene eseguita con un rene cadaverico. Circa 1/3 dei reni cadaverici provengono dai cosiddetti donatori marginali (con diabete, ipertensione, ecc.).

Le statistiche sulla sopravvivenza dopo entrambi i tipi di trapianto sono quasi identiche. Durante l'anno, il tasso di sopravvivenza dei pazienti con un rene "vivo" è del 98%, con uno cadaverico - il 94%. Il trapianto si radica nel 94% nel primo caso e nell'88% nel secondo.

Preparazione per la chirurgia

Se il donatore per un paziente con insufficienza renale è una persona vivente, gli esami preoperatori possono essere effettuati per un po 'di tempo. Se un rene cadaverico entra nel centro trapianti, il paziente in lista d'attesa viene chiamato urgentemente al centro.

Il gruppo di medici che preparano una persona per un intervento chirurgico comprende diversi specialisti. Questo è il chirurgo stesso, nefrologo, trapiantologo, anestesista, psicologo e infermiere. Spesso anche un nutrizionista.

Prima dell'operazione, il paziente viene sottoposto a una serie di test aggiuntivi per la compatibilità, in modo che i medici siano convinti che il trapianto attecchirà. Se i rischi di un'operazione non riuscita (quando il rene è morto) sono alti, il medico può suggerire di aspettare fino alla prossima opzione.

Le analisi obbligatorie prima dell'intervento includono:

  1. Esame del sangue (per livelli di emoglobina, creatinina, urea, potassio e calcio, ecc.);
  2. ECG;
  3. Emodialisi (se non ci sono controindicazioni);
  4. Raggi X o ecografia del torace.

Periodo postoperatorio

Uno dei componenti più importanti della vita dopo un trapianto di rene è l'uso di farmaci immunosoppressori (prednisone, ciclosporina, mifortik). Aiutano a sopprimere l'immunità e prevenire il rigetto del trapianto. Sono presi il giorno del trapianto e fino a 3-6 mesi dopo.

Il giorno successivo all'operazione, i reni del paziente sono autorizzati a camminare, e dopo 1-2 settimane (se non ci sono complicazioni) possono tornare a casa. I primi giorni dopo il trapianto di rene e la dimissione da una persona controllano regolarmente i più importanti indicatori vitali: pressione sanguigna, temperatura, ecc. È necessario monitorare attentamente la diuresi, monitorare il peso corporeo.

I punti vengono rimossi dopo 10-14 giorni (durante la prima visita dal medico dopo la dimissione). I primi tre mesi richiedono controlli regolari - una volta ogni due settimane, poi una volta al mese (fino alla fine della vita).

Sutura nella foto dopo trapianto di rene

  • pressione;
  • diuresi;
  • densità renale trapiantata;
  • rumore vascolare sul nuovo rene.

I test di laboratorio comprendono analisi delle urine generale, analisi del sangue clinico e biochimico, perdita giornaliera di proteine ​​(con urina), ecc. Almeno due volte l'anno, viene presa l'analisi dei lipidi e dell'acido urico nel sangue. Annualmente - ecografia, ECG, fluorografia e altre procedure.

Vita dopo l'intervento

Qualsiasi trapiantologo, quando viene chiesto come cambia la vita di un paziente dopo un trapianto di rene, risponderà: "Per il meglio". Dopo il trapianto, una persona ha una possibilità di 10-15-20 anni di vita quasi piena.

L'aspettativa di vita degli adulti dopo un trapianto di rene di cadavere è di 6-10 anni, dopo un rene "vivente" di parenti - 15-20 anni.

L'aspettativa di vita dopo il trapianto di rene nei bambini può essere rappresentata nella seguente tabella:

Trapianto di rene

Il trapianto di rene è un complesso intervento chirurgico per trapiantare questo organo. Per un trapianto di rene, viene utilizzato un rene prelevato da un'altra persona.

Sia la persona vivente che il defunto possono agire come donatori per il trapianto. Oggi, il trapianto di rene è il modo più affidabile ed efficace per salvare un paziente dall'insufficienza renale.

Fondamentalmente, un nuovo rene viene trapiantato nella divisione laterale anteriore, che si trova nella regione delle costole inferiori e delle ossa pelviche. Meno comunemente, può essere trapiantato nell'area del rene del paziente stesso. Se un bambino piccolo con un peso corporeo inferiore a 22 kg ha bisogno di un'operazione, il rene del donatore viene posto nella regione peritoneale. Pertanto, l'organo donatore è ben abituato e funziona normalmente.

Di regola, l'organo malato non viene rimosso, ma rimane nel corpo del paziente. Ma ci sono alcune eccezioni in cui il rene malato viene rimosso. Ad esempio, se un paziente sviluppa rene policistico o malato è abbastanza grande e interferisce con il nuovo trapianto.

Il trapianto di rene non è nuovo. I medici ricorrono a questo tipo di chirurgia abbastanza spesso.

Caratteristiche trapianto di rene

Un'operazione di trapianto di reni, come altri importanti interventi chirurgici, ha una serie di caratteristiche specifiche. Sono i più seri e ogni paziente dovrebbe essere informato a riguardo.

  1. I donatori ideali per i trapianti di rene sono parenti stretti. I donatori dovrebbero essere avvertiti delle possibili conseguenze e complicazioni. Solo dopo, può firmare un accordo.
  2. Il paziente e il donatore devono avere la stessa età (la differenza di età consentita è di 1-2 anni). Una tale situazione con il peso.
  3. Il donatore e il paziente devono avere lo stesso gruppo sanguigno.
  4. Il donatore non dovrebbe essere diagnosticato con gravi processi patologici. Prima dell'operazione, il donatore deve sottoporsi a test di laboratorio e strumentali per la presenza di gravi malattie e disturbi psicologici.

Sfortunatamente, oggi molte persone hanno bisogno di un trapianto di reni. Pertanto, i medici usano spesso il rene di una persona deceduta. Puoi portare il materiale per il trapianto solo quando:

  • il potenziale donatore è morto a causa della morte cerebrale;
  • I medici hanno il permesso di usare il corpo. il permesso può essere scritto da una persona nella vita o da parenti dopo la sua morte.

Ci sono situazioni in cui il donatore ha avuto alcuni problemi o anomalie con i reni. In una situazione senza speranza, i medici lo usano ancora.

Vale la pena notare che un trapianto di rene non è assegnato a neonati, bambini molto piccoli e anziani.

In quali casi è consentito o vietato il trapianto di rene

Sfortunatamente, non tutti i pazienti con patologie renali sono autorizzati ad avere un trapianto di rene. Il ruolo principale nel trapianto è giocato dalla compatibilità dei tessuti dell'organo trapiantato del donatore e del paziente. Inoltre, un paziente che ha bisogno di un trapianto di rene non deve avere malattie gravi concomitanti.

Per il trapianto di rene, c'è solo una indicazione - insufficienza renale cronica, che si verifica nella fase terminale. Lo sviluppo di questo processo patologico inizia come risultato di:

  • infiammazione cronica nel sistema pelvi pelvico e danni ai glomeruli renali;
  • restringimento persistente del lume nell'arteria renale;
  • la formazione di pietre nel sistema urinario;
  • varie malattie urologiche;
  • nefropatia diabetica;
  • sviluppo anormale dei reni alla nascita;
  • tumore non trattato;
  • lesione delle pareti renali e delle mucose.

Rispetto alla dialisi peritoneale e all'emodialisi cronica, il trapianto di organi può prolungare la vita di un paziente tre volte di più.

Quanti pazienti vivono dopo una tale operazione? I pazienti con un nuovo rene vivono da più di 13 anni. È severamente vietato eseguire un trapianto di rene se il paziente ha una reazione immunologica crociata con i linfociti del donatore.

Inoltre, l'operazione non è assegnata a pazienti con:

  • processi infettivi nel corpo. Ad esempio, il virus dell'immunodeficienza umana. Se a un paziente è stata diagnosticata la tubercolosi, l'operazione può essere eseguita in un anno, a condizione che il corpo del paziente sia pronto per l'intervento. Con il trapianto di epatite B e C viene eseguita;
  • insufficienza cardiaca, ulcera gastrica o altre malattie sistemiche nella fase di insufficiente funzionamento. Nei pazienti con diabete, c'è il rischio che l'organo trapiantato non sopravviva. Ma questa non è una controindicazione alla chirurgia;
  • dipendenza da droghe o alcol, nonché pazienti con disturbi mentali;
  • ipertensione persistente;
  • cancro di altri organi. I medici possono trapiantare un rene solo quando il tumore è stato curato e dopo che sono trascorsi almeno due anni. Dopo il cancro al seno, alla cervice e alla pelle, devono trascorrere almeno cinque anni;
  • la chirurgia non è prescritta ai pazienti dopo 70 anni.

Il processo tumorale nei reni, che è stato efficacemente curato e non recidiva, non è una controindicazione. Affinché l'operazione abbia successo e non ci siano gravi complicazioni, il paziente deve attenersi rigorosamente a tutte le istruzioni mediche.

Ad oggi, il 10% delle operazioni non ha avuto successo, ma solo a causa della non conformità con tutte le regole e le linee guida.

Se il paziente non segue tutte le regole mediche prima dell'operazione, questa è una controindicazione al trapianto renale.

Preparazione preoperatoria

Se il materiale per il trapianto viene prelevato da un donatore vivente, l'esame preoperatorio durerà a lungo. Se l'organo è stato ottenuto in seguito alla morte del donatore, il paziente in fila per l'operazione viene urgentemente chiamato al centro medico.

L'operazione viene eseguita da specialisti di diverso profilo: un chirurgo, un neurologo-trapiantologo, un anestesista, uno psicologo e un infermiere. In rari casi, la preparazione del paziente viene effettuata da un nutrizionista.

Immediatamente prima dell'operazione, gli specialisti eseguono un test speciale che determinerà se un rene attecchirà o meno. Se, secondo i risultati del test, i medici hanno scoperto che il rischio di non sopravvivenza è molto alto, l'operazione viene posticipata al caso successivo.

Prima dell'operazione, il paziente viene sottoposto a diversi test obbligatori:

  • analisi del sangue che determina il livello di emoglobina, creatinina, urea, calcio e potassio;
  • elettrocardiografia;
  • emodialisi;
  • ultrasuoni e radiografia del torace.

Se l'operazione deve essere eseguita da un bambino piccolo, l'emodialisi non viene eseguita, poiché lo sviluppo fisico del piccolo paziente si presta a un'influenza negativa.

Chirurgia del trapianto renale da un parente

A volte i pazienti devono aspettare il donatore giusto per un tempo molto lungo. Dopotutto, solo un rene prelevato da una persona con morte cerebrale è adatto al trapianto.

Pertanto, di recente, un'operazione di donatore dal vivo viene eseguita più spesso.

Tale operazione ha molti vantaggi:

  1. Se prendi l'organo da un donatore vivente, avrai la possibilità di vivere più a lungo che con un rene di cadavere.
  2. Il paziente non ha bisogno di aspettare molto tempo.
  3. L'operazione chirurgica è prevista.
  4. Il medico ha l'opportunità di esaminare attentamente il donatore.
  5. L'ischemia fredda dura meno tempo.
  6. Puoi fare un trapianto di rene prima dell'emodialisi. Questo preclude lo sviluppo di gravi complicazioni.

In Russia, un rene può essere trapiantato solo da un parente di sangue. Come donatore può fare una persona con una connessione genetica con un'età malata da 19 a 60 anni. Per fare questo, devi solo dare il consenso al donatore, rimuovere un rene da lui.

Prima dell'operazione, il donatore viene attentamente esaminato. Controindicazioni alla chirurgia sono gravi malattie somatiche e mentali, persistente ipertensione arteriosa. Inoltre, i medici dovrebbero esaminare completamente l'organo trapiantato per la presenza di patologie nascoste che perdono.

Il donatore continuerà a vivere con un solo rene, quindi i medici devono essere sicuri al 100% che funzionerà normalmente.

Come è l'operazione?

I medici possono utilizzare una delle due procedure chirurgiche:

  • ortotopico. L'organo viene trapiantato nel suo solito posto per funzionare. Cioè, in primo luogo, i medici rimuovono il rene malato e poi mettono un rene di donatore al suo posto. Allo stesso tempo, le restanti navi vengono cucite alle navi del nuovo organo. Questo tipo di operazione viene eseguita molto raramente, poiché dopo di esso possono esserci molte conseguenze negative.
  • eterotopico. Durante tale operazione, il rene è orlato nel punto in cui non dovrebbe essere in linea di principio. Di regola, questa è la regione iliaca nel bacino. I vasi dell'organo donatore vengono suturati ai vasi iliaci del paziente (arteria renale con l'arteria iliaca e la vena renale con la vena iliaca). È possibile ripristinare il deflusso delle urine solo dopo il ripristino del flusso sanguigno nel rene. L'uretere viene suturato nella vescica.

È più facile per un medico eseguire un'operazione eterotopica, poiché è molto più semplice. Allo stesso tempo, è più facile per i medici raggiungere le navi iliache.

L'operazione viene eseguita in anestesia generale. In media, non dura più di quattro ore. Quando i medici eseguono un trapianto di rene da un donatore deceduto, è necessario monitorare rigorosamente il tempo. Pertanto, la preparazione preoperatoria viene eseguita su base di emergenza.

Quando i medici hanno un rene da donatore vivente, un trapianto di rene e una nefrectomia vengono eseguiti contemporaneamente. Sono pianificati in anticipo, il che consente ai donatori e ai pazienti di prepararsi a fondo.

Dopo che i medici hanno trapiantato il rene e completato tutte le fasi dell'operazione, il tubo di drenaggio viene rimosso e la ferita viene suturata.

Periodo postoperatorio

Un'operazione di trapianto di rene è molto difficile, e anche dopo l'intervento chirurgico eseguito da specialisti esperti, il rene non sempre rapidamente e facilmente mette radici nel nuovo organismo. Pertanto, i medici non possono dare una risposta esatta per quanto tempo il rene donatore attecchirà. Ci vuole molto tempo per ingaggiare, e non è raro che inizino le complicazioni. 24 ore dopo l'intervento, il rene trapiantato si occupa di tutte le principali funzioni.

Non sempre il corpo umano prende immediatamente un nuovo organo. Pertanto, per il paziente è prescritto un ulteriore trattamento farmacologico con farmaci speciali. L'obiettivo principale dei farmaci è quello di inibire la formazione di alcune cellule immunitarie. Come risultato di questo trattamento, l'immunità del paziente non determina l'organo estraneo.

Ci sono situazioni in cui, come sembrerebbe, il corpo si è abituato e tutto va bene, ma c'è sempre una certa percentuale di rischio per il processo di rifiuto. Questo può essere determinato da:

  • forte dolore nella regione lombare;
  • temperatura elevata;
  • particelle di sangue nelle urine secrete.

Se, dopo la terapia terapeutica del paziente, il paziente non ha alcun sintomo, allora un urgente bisogno di trovare un nuovo donatore e trapiantare nuovamente il rene. In tale situazione, il paziente non viene dimesso dall'ospedale ed è sotto la stretta supervisione del paziente.

La vita dopo trapianto di rene procede come prima. Per diversi mesi, il paziente deve sottoporsi periodicamente ad un esame generale del sangue e delle urine in modo che i medici possano monitorare tutte le reazioni nel corpo.

Secondo le statistiche, il rifiuto avviene tre o quattro mesi dopo l'intervento chirurgico. Se durante questo periodo il paziente non ha osservato alcuna reazione negativa, allora il 97% che ritornerà alla vita a tutti gli efetti.

Una dieta speciale è sviluppata individualmente per ciascun paziente. per tutta la vita, il paziente deve ricevere una terapia immunosoppressiva.

I pazienti per tutta la vita dopo un trapianto di rene dovrebbero essere responsabili della loro salute e seguire tutte le istruzioni mediche. Questo ti salverà da gravi conseguenze.

Una volta in uno o due mesi, è necessario un esame ecografico del rene. Pertanto, i medici saranno in grado di monitorare la qualità del lavoro del corpo del donatore.

Complicazioni dopo trapianto di rene

La complicazione principale dopo un'operazione di trapianto di rene non è l'attecchimento di un organo nel corpo.

Il rifiuto può essere di tre tipi:

  • rigetto acuto: il rene viene rigettato dopo 1,5 ore dall'intervento;
  • rifiuto acuto - il rene viene respinto entro una o tre settimane;
  • rifiuto cronico - il rifiuto può iniziare in qualsiasi periodo, anche dopo diversi anni.

Ad oggi, casi isolati sono stati registrati quando il rene è stato respinto immediatamente dopo l'intervento chirurgico. Di norma, il rifiuto avviene lentamente e gradualmente. A volte, i farmaci ti permettono di eliminare questo processo.

Se il nuovo corpo non vuole lavorare in un nuovo corpo, è possibile lo sviluppo di una sindrome da rigetto a livello cronico. In questi casi, i medici eseguono il re-trapianto (re-trapianto).

Inoltre, le complicazioni possono essere vascolari e urologiche. Complicazioni vascolari - aumento persistente della pressione sanguigna, sanguinamento, formazione di trombi e blocco del lume delle arterie dell'organo donatore. Complicazioni urologiche: perdita di sangue nelle urine, ostruzione dell'uretere e altri.

Ci sono casi in cui la sutura postoperatoria è infetta.

Costo trapianto renale

Quanto costa un trapianto di rene?

Questo è uno dei problemi più importanti tra i pazienti che necessitano di una tale operazione.

I medici non possono rispondere a questa domanda in modo inequivocabile.

In effetti, il costo dell'operazione dipende da molti fattori.

Il prezzo dipende da:

  • clinica selezionata. In una clinica privata, l'operazione costerà più che nello stato;
  • l'urgenza dell'operazione;
  • donatore selezionato.

Se si decide di sottoporsi a un intervento chirurgico in un istituto medico pubblico, l'operazione verrà eseguita gratuitamente. L'unica cosa è che se non hai parenti che donano, allora dovrai aspettare molto a lungo.

Quanto costa un trapianto di rene in cliniche private? Il prezzo di tali operazioni varia da 30 a 115 mila dollari.

Altri Articoli Su Rene