Principale Trattamento

Segni di infiammazione del tratto urinario. Che dottore e con che mezzi tratta l'infiammazione delle vie urinarie

Una delle patologie più pericolose e scomode allo stesso tempo è l'infiammazione delle vie urinarie. A rigor di termini, non esiste una tale diagnosi nella scienza e nella pratica, perché il tratto urinario è un sistema di diversi organi. Include i reni, gli ureteri, la vescica e l'uretra (uretra). La sconfitta di ogni singolo corpo ha il suo nome. Il pericolo e l'evidenza per il paziente stesso di una qualsiasi delle malattie dipende da quanta parte delle vie urinarie è interessata.

Comunque, anche se il problema di salute è insignificante, qualsiasi malattia porta almeno un sacco di disagio al paziente. In realtà, malattie innocenti e non esiste. Pertanto, è importante prestare attenzione ai segnali del proprio corpo ed essere in grado di interpretarli correttamente.

Infiammazione delle vie urinarie: cause

Le cause dell'infiammazione del tratto urinario sono numerose. Possono essere divisi in diversi gruppi.

• Le cause che si trovano nell'ambiente interno del paziente: endogeno.

• Le fonti di malattie che esercitano influenza dall'esterno sono esogene.

Tra le cause endogene dell'infiammazione del tratto urinario:

• La presenza di malattie croniche. Stiamo parlando di un enorme serbatoio di vari tipi di malattie. I focolai infettivi sono pericolosi: con il flusso sanguigno che entra nei reni per la pulizia, gli stessi patogeni si depositano nei filtri biologici. In futuro, senza trattamento, si spostano lungo le vie urinarie, coinvolgendo nel processo sempre più nuove aree. Le patologie endocrine non sono meno pericolose: nelle persone con diabete e diabete senza zucchero, i reni sono costantemente sotto stress e nel tempo il sistema immunitario non è in grado di proteggere i tessuti degli organi da agenti infettivi. Questa è solo una piccola parte della malattia. Questo può anche includere urolitiasi, processi autoimmuni, ecc.

• Violazione del deflusso delle urine. Nei casi in cui il paziente soffre di urolitiasi, è una violazione patologica del deflusso delle urine. Ma succede anche che una persona non ha fretta di andare in bagno anche con la vescica piena. Questo è dannoso perché il paziente lascia il tempo della microflora per la riproduzione attiva.

Cause esogene

• Mangiare piccante, salato, grasso, dolce. Alcune sostanze che entrano nel sangue e attraverso il sangue nei reni tendono a irritare le vie urinarie e portano alla loro infiammazione.

• Violazione delle norme igieniche. Il mancato rispetto delle regole di igiene intima porta al fatto che i batteri patogeni provenienti dall'ambiente esterno penetrano nell'uretra. Ma se gli uomini hanno una lunga uretra e non è così facile raggiungere la vescica, le donne dovrebbero essere vigili. La vescica è un percorso diretto verso gli ureteri e attraverso loro verso i reni.

• ipotermia. Un'altra causa di infiammazione delle vie urinarie. Se esposto a basse temperature, la funzione protettiva del sistema immunitario è inibita. In un corpo indebolito, gli ospiti non invitati si sentono a casa e iniziano a dettare i loro ordini.

Oltre a questi motivi, la radice del problema potrebbe risiedere nel trauma subito, nelle operazioni, ecc. Ma tutti questi fattori riducono solo la funzione protettiva dell'immunità, diventando i colpevoli indiretti della malattia.

Infiammazione delle vie urinarie: sintomi

Parlare dei sintomi dovrebbe riferirsi solo a una particolare malattia. Come è stato detto, i medici comprendono ampiamente il concetto di "tratto urinario" e includono:

• Reni (compresa la pelvi renale).

Di conseguenza, i sintomi dell'infiammazione di ogni singola struttura anatomica delle vie urinarie saranno i propri.

L'infiammazione isolata dei reni (nefrite) si manifesta sempre con gli stessi sintomi:

• Oliguria (diminuzione della quantità giornaliera di urina).

• bocca sete e secche.

• In alcuni casi, la temperatura corporea può salire al livello di 37-39 gradi.

Molto più comune danno infiammatorio sistemico ai reni - pielonefrite. In questo caso, la pelvi renale è anche coinvolta nel processo patologico.

Altri sintomi di pielonefrite includono:

• Manifestazioni di intossicazione del corpo: febbre alta, brividi, mal di testa, debolezza, ossa doloranti.

• Dolore al sacro e parte bassa della schiena.

• Minzione dolorosa frequente con rilascio di grandi quantità di urina (poliuria).

• Secchezza delle fauci, sete.

Questo schema è osservato solo nella pielonefrite acuta. Se la malattia esiste da molto tempo ed è passata allo stadio cronico, a parte il mal di schiena e la poliuria, non ci possono essere altri sintomi di infiammazione del tratto urinario.

Con la sconfitta degli ureteri, il paziente avverte un dolore sordo e dolente nell'addome inferiore, che si irradia verso la parte posteriore. Se l'infiammazione dell'uretere è causata dalla urolitiasi, è possibile la ritenzione urinaria.

La vescica colpisce spesso le donne. Per la caratteristica di infiammazione della vescica:

• Sintomi di intossicazione generale.

• Frequenti sollecitazioni per urinare

• Cambiamento di colore e chiarezza delle urine.

• Ematuria (sangue nelle urine).

• Dolore nella zona sovrapubica.

• Tosse durante la minzione.

L'uretra è infiammata più spesso. L'uretrite, come la cistite, è onnipresente nelle donne. Il sintomo principale della malattia è una sensazione di bruciore durante la minzione. Nello stesso momento c'è poliuria (minzione frequente in grandi volumi).

I sintomi di ciascuna di queste lesioni sono sufficientemente specifici per giudicare la natura della malattia. Ma senza una corretta esperienza e conoscenza è impossibile fare una diagnosi.

Infiammazione delle vie urinarie: diagnosi

Le misure diagnostiche sono quasi interamente costruite su test di laboratorio. Di solito sono sufficienti per fare la diagnosi corretta. Ma in alcuni casi, la diagnostica strumentale è indispensabile.

Il trattamento dell'infiammazione delle vie urinarie ha coinvolto un nefrologo e un urologo. Devono essere trattati per primi.

Le misure diagnostiche diverse da quelle condotte dal medico durante la prima visita (indagine orale, palpazione, studi funzionali) includono:

• Conteggio del sangue completo. In generale, l'analisi del sangue riflette l'infiammazione di qualsiasi origine: aumenta il livello di leucociti, ESR, ecc.

• Analisi delle urine. Rileva sangue, globuli bianchi, proteine. Questi tre indicatori favoriscono il processo infiammatorio.

• cultura delle urine. Non esiste un modo alternativo per rilevare infezioni del tratto urinario. Questo studio ti permette di identificare l'agente patogeno.

• Analisi biochimica del sangue.

• Macchie sulla flora dall'uretra.

Sono anche numerosi i metodi strumentali per diagnosticare l'infiammazione delle vie urinarie:

• Esame ecografico. Esaminare i reni. Rileva i più piccoli cambiamenti sulla parte pelvica e sui tessuti dell'organo.

• Cistoscopia. Utilizzato per ispezionare le pareti della vescica.

Presi insieme, questi metodi sono sufficienti per diagnosticare completamente l'infiammazione delle vie urinarie.

Infiammazione delle vie urinarie: trattamento

Solo un medico dovrebbe trattare l'infiammazione del tratto urinario. Le terapie specifiche dipendono dalla malattia.

Indipendentemente dal tipo di patologia, vengono utilizzati i seguenti gruppi di farmaci:

• agenti antibatterici. Gli antibiotici sono prescritti per l'origine infettiva confermata dell'infiammazione del tratto urinario. Tipi di antibiotici sono determinati dal medico in base ai risultati della coltura delle urine.

• Farmaci anti-infiammatori. Come suggerisce il loro nome, sono usati per alleviare l'infiammazione.

• Antispasmodici. La causa del dolore lancinante nell'infiammazione delle vie urinarie è uno spasmo della muscolatura liscia di un organo. Gli antispastici sono progettati per rilassare i muscoli tesi.

• Diuretici. È necessario "espellere" l'urina dal corpo il più presto possibile, poiché gli agenti infettivi si moltiplicano molto più velocemente in un organismo con malattia indebolita.

Il trattamento dell'infiammazione delle vie urinarie dovrebbe trattare solo con i medici. Troppo grande rischio di complicazioni.

L'infiammazione delle vie urinarie è un intero gruppo di malattie che colpiscono varie strutture anatomiche: dai reni all'uretra. Nonostante il fatto che in ogni caso l'intensità delle manifestazioni e la loro durata possono essere diverse. Tuttavia, il fatto che il paziente non senta un grande disagio non significa nulla. Il rischio di complicanze in questi pazienti è ancora più alto. Senza assistenza medica qualificata non si può fare in ogni caso. Non appena compaiono i primi segni di disagio, contatta immediatamente uno specialista. Non giocare con la tua salute.

Infezione del tratto urinario: sintomi nelle donne, trattamento e prevenzione. Possibili conseguenze della malattia

La patologia infettiva del tratto urinario tra le donne è 10 volte più comune rispetto alla popolazione maschile. Ciò è dovuto principalmente alle caratteristiche della struttura anatomica del corpo femminile.

Più della metà della popolazione femminile del mondo, almeno una volta nella vita, ha sperimentato un problema simile su se stessi. Come dimostra la pratica, la ricorrenza della malattia è rilevata nel 40% dei casi e si verifica entro 6 mesi dall'inizio dei primi sintomi.

Il motivo - terapia di qualità insufficiente del primo caso della malattia o sullo sfondo di un'immunità indebolita, si verifica la reinfezione. Nella nostra redazione, vedremo quanto può essere pericolosa un'infezione del tratto urinario, i sintomi nelle donne, il trattamento e semplici metodi per prevenire le malattie.

Informazioni generali

Le infezioni del tratto urinario (UTI) sono patologie infettive che sviluppano attivamente il processo infiammatorio che colpisce vari organi del sistema genito-urinario. Di norma, queste patologie sono inerenti alla popolazione femminile, tuttavia, il rischio che si verifichino negli uomini non è escluso. E possono averli abbastanza a lungo e avere frequenti ricadute.

È importante Le statistiche moderne suggeriscono che l'UTI è al secondo posto in termini di prevalenza tra tutte le patologie infettive.

Per loro natura, un'infezione è costituita da microrganismi patogeni che colpiscono patologicamente un certo organo o sistema del corpo, in questo caso il sistema urogenitale femminile. Senza alcune azioni mediche, l'infezione si diffonde agli organi vicini, causando un processo infiammatorio attivo.

La mancanza di trattamento a lungo termine porta a malattie croniche, che successivamente influenzano negativamente la salute dell'intero organismo. I processi infiammatori degli organi urogenitali di una donna possono causare le conseguenze più spiacevoli.

È importante I risultati dell'esame batteriologico per le infezioni delle infezioni del tratto urinario nelle donne rivelano circa 100.000 unità patogene che formano colonie in 1 ml di urina.

A causa delle caratteristiche peculiari dell'anatomia, le UTI nelle donne e nelle ragazze si sviluppano dozzine di volte più spesso rispetto a uomini e ragazzi. E la Russia è il paese dove ci sono la maggior parte dei casi di lesioni infettive del sistema urinario.

Agenti causali

Nella pratica medica, ci sono un numero enorme di diversi patogeni che provocano la comparsa di patologie infettive delle vie urinarie.

Sono differenziati in:

Gli agenti patogeni sono la causa delle malattie infettive. Gli agenti patogeni condizionalmente patogeni possono far parte della normale flora del sistema urogenitale femminile, tuttavia, in presenza di fattori provocatori, come lesioni meccaniche o immunità indebolita, si moltiplicano e contribuiscono alla formazione del processo infiammatorio.

In alcune situazioni, l'infiammazione è causata da virus, come ad esempio:

  • virus dell'herpes;
  • citomegalovirus;
  • papillomavirus.

La maggior parte degli agenti patogeni ha la capacità di essere trasportata con il flusso sanguigno, stabilendosi su vari organi e sistemi corporei.

Attenzione. Un alto rischio di infezione da patologie infettive si nota durante il periodo in cui una ragazza inizia a vivere sessualmente, perché questo è il modo più comune di infezione.

Modi di infezione

Esistono diversi modi per ottenere infezioni:

  1. Ascendente (uretrale). Situato nella vescica e nell'uretra, l'infezione sale più in alto agli ureteri e oltre ai reni.
  2. Discendente. Gli agenti dolorifici, localizzati nei reni, scendono dall'uretra verso i genitali.
  3. Ematogena e linfatica I microrganismi patogeni penetrano nei canali urinari attraverso il flusso sanguigno dagli organi pelvici adiacenti.
  4. Attraverso le pareti della vescica da lesioni focali vicine.

Classificazione delle patologie infettive delle femmine per le femmine

Classificare le malattie per le donne nelle donne a seconda di:

  • obiettivo della lesione;
  • di origine;
  • manifestazioni cliniche.

Tabella numero 1. Classificazione delle malattie infettive.

Infezione del tratto urinario: sintomi e trattamento

L'infezione del tratto urinario è una malattia di natura infettiva che colpisce sia gli uomini che le donne, causando un processo infiammatorio negli organi del sistema urinario. Di norma, la maggior parte delle infezioni del tratto urinario coinvolge l'uretra, la prostata, la vescica, il parenchima renale e il tessuto interstiziale.

Oggi, l'UTI è al secondo posto in termini di prevalenza della malattia, che è associata a una natura infettiva. Secondo le ultime statistiche, a causa della sua struttura anatomica, la popolazione femminile è più suscettibile di UTI. Quindi, per esempio, se si confronta, almeno il 60% delle donne almeno una volta, ma ha manifestato sintomi di infiammazione delle vie urinarie. Ma, nonostante la bassa probabilità di sviluppare questa malattia negli uomini, hanno non solo un'alta probabilità di una natura a lungo termine, ma anche frequenti ricadute sono possibili.

cause di

Come è noto, la sterilità e la resistenza alla colonizzazione dei batteri sono la norma del tratto urinario dai reni all'apertura esterna dell'uretra. I meccanismi che supportano questa condizione includono: acidità delle urine, rilascio regolare della vescica durante la minzione, sfintere uretrale e barriera immunologica sulle mucose.

Un'infezione del tratto urinario si verifica in genere quando i batteri salgono dall'uretra alla vescica e dall'uretere al rene. Ciò accade a causa del fatto che i batteri che causano il processo infiammatorio, più spesso vivono nell'intestino crasso e partono durante la defecazione. Se, per qualsiasi motivo, entrano nell'uretra, quindi, spostandosi lungo il canale uretrale, entrano nella vescica, dove causano l'inizio del processo infiammatorio.

La possibilità dello sviluppo di questa malattia è anche possibile dopo l'introduzione di un catetere nell'uretra, che, di norma, viene utilizzato nelle istituzioni mediche per controllare l'escrezione di urina. In questo caso, l'infezione del tratto urinario avviene attraverso una lunga permanenza del catetere, provocando l'accumulo e la riproduzione di microrganismi, seguita dall'infiammazione degli organi competenti. Ecco perché i medici esperti eseguono la sostituzione tempestiva dei cateteri con la loro successiva riabilitazione.

Non dimenticare che una tale malattia come il diabete, a causa di disturbi nel sistema immunitario può anche causare lo sviluppo di infiammazione infettiva nei reni.

Vale la pena notare che oggi esiste un'infezione delle vie urinarie, le cui cause e manifestazioni non sono ancora note e non sono state studiate al 100%.

È dimostrato che questa patologia appare nelle donne che usano l'anello diaframmatico come metodo di contraccezione. C'è anche un'alta probabilità di questa malattia nelle donne i cui partner sessuali usano il preservativo con schiuma spermicida.

Vi è un alto rischio di sviluppare infezioni del tratto urinario in persone che non bevono grandi quantità di liquidi e hanno problemi con la minzione.

Infezione del tratto urinario: sintomi

Di norma, questa patologia si riferisce a una malattia latente o latente. Dettagliate domande possono rivelare lamentele di minzione frequente e dolorosa, una leggera sensazione di bruciore nella zona della vescica o dell'uretra durante la minzione. Questa malattia è spesso accompagnata da scarsa salute, affaticamento e debolezza in tutto il corpo. Ci può essere una sensazione di lieve disagio nella zona inguinale. Le peculiarità della manifestazione di questa patologia includono il falso desiderio di urinare, in cui l'urina viene escreta in porzioni molto piccole. Vale la pena notare che l'infezione del tratto urinario, i cui sintomi si manifestano con l'appannamento delle urine e il forte dolore alla schiena, è una manifestazione caratteristica di un forte processo infiammatorio nell'area renale.

diagnostica

Prima di tutto, dopo un esame generale, il medico prescrive un elenco di studi, il principale dei quali è un'analisi delle urine generale, che consente di determinare il livello dei leucociti e il numero di batteri. Va tenuto presente che in alcune situazioni la prima parte non è sempre informativa, in quanto può dare un risultato falso positivo a causa del suo "flushing" dall'area genitale, di solito accade più spesso nelle donne. Dato che questo washout può contenere anche batteri, la precisione dell'analisi è una grande domanda. Su questa base, l'optimum è la porzione media - l'urina che proviene dal tratto urinario, che si trova in alto. È dopo aver ricevuto e inviato per la ricerca di laboratorio.

I risultati sono considerati normali quando il numero di leucociti non supera i 4 e la flora batterica è completamente assente.

Ma vale la pena ricordare che, per esempio, micoplasma o clamidia è un'infezione del tratto urinario, che non viene rilevato dal metodo sopra. In questo caso, si raccomanda di utilizzare la coltura batterica delle urine o la raschiatura delle secrezioni dagli organi genitali, dopo aver utilizzato non solo il numero di batteri e leucociti, ma vengono fornite anche informazioni complete su quelle preparazioni che saranno più efficaci in questa situazione.

Oggi si ritiene che il livello di batteri inferiore a 103 K per 1 ml sia un indicatore della norma.

Attenzione! Come ulteriore opzione diagnostica, è possibile utilizzare il metodo PCR, che viene utilizzato nel caso in cui il patogeno non viene identificato dopo la semina batterica e persistono i segni di infezione del tratto urinario.

Per identificare un quadro più completo degli specialisti può essere assegnato e l'esame radiopaco, che consiste nel valutare la struttura e le condizioni del sistema urinario. Tale indagine è chiamata urografia endovenosa. La sua applicazione consente non solo di ottenere informazioni di supporto sullo stato degli organi interni, ma anche di rilevare eventuali deviazioni dalla norma o la presenza di calcoli renali.

Non è inoltre necessario escludere il significato dei risultati degli esami ecografici dei reni e della cistoscopia della vescica, che non solo vanno di pari passo con altri test di laboratorio, ma sono spesso usati come diagnostica primaria per effettuare una diagnosi preliminare.

La manifestazione di UTI negli uomini

L'infezione delle vie urinarie negli uomini si manifesta più spesso a causa di urolitiasi o di ingrossamento della prostata, cioè con situazioni in cui appaiono ostacoli che interferiscono con il normale flusso di urina. Come dimostra la pratica, ci sono frequenti casi di processi infiammatori dopo i metodi strumentali di esame. Sulla base di questo, l'opzione migliore nel trattamento di questa patologia è quella di sbarazzarsi di questa barriera.

Come dimostra la pratica, l'infezione cronica nella ghiandola prostatica può creare ulteriori difficoltà nel trattamento della malattia. Ciò è dovuto al fatto che un antibiotico è necessario per l'infezione del tratto urinario con l'ulteriore nomina di terapia riabilitativa. Va tenuto presente che la scelta dell'antibiotico dovrebbe essere basata su studi precedenti, che dovrebbero confermare la sua alta sensibilità a questo microrganismo.

Classificazione Impi

L'uretrite è una delle malattie più comunemente diagnosticate del tratto urinario. Ci sono specifici e non specifici. Specifici includono il processo infiammatorio nell'uretra, gli agenti causali di cui sono varie infezioni a trasmissione sessuale. A differenza dei patogeni specifici dell'uretra non specifica sono batteri, funghi e altre infezioni, ad esempio l'infezione del tratto urinario erpetico, che inizia con il trattamento di farmaci antivirali.

Dei principali sintomi emettono:

  1. Sensazione di bruciore durante la minzione.
  2. Scarica dall'uretra.

La cistite è un'infiammazione della vescica, caratterizzata da minzione frequente e dolorosa. La bella metà dell'umanità è più suscettibile a questa malattia. La causa principale della cistite è chiamata infezione del tratto urinario nelle donne, ma non si dovrebbe escludere:

  1. Ipotermia.
  2. Sesso non protetto
  3. Infezioni del tratto gastrointestinale.
  4. Interventi strumentali

Il danno batterico al parenchima renale è chiamato pielonefrite. Ma questa designazione non deve essere confusa con la nefropatia tubulointerstiziale, almeno fino al momento in cui vengono ricevuti i documenti che indicano una lesione infettiva. Secondo gli ultimi dati statistici, è indicato che meno del 20% della batteriemia acquisita in comunità nel sesso femminile si è sviluppata a causa della pielonefrite. Va notato che la pielonefrite negli uomini si sviluppa solo in presenza di patologia del tratto urinario. La sintomatologia nella pielonefrite acuta è tipica della cistite. Un segno distintivo della presenza di questa malattia sono:

  1. Grave febbre e brividi.
  2. Dolore nel lato
  3. Nausea ed impulso emetico.
  4. Rene allargato facilmente palpabile.

Il più delle volte, la pielonefrite viene diagnosticata in donne in gravidanza o in ragazze di età compresa tra 20 e 25 anni. Vale la pena notare che questa infezione del tratto urinario nei bambini praticamente non si verifica.

Manifestazioni di UTI nei bambini

Le manifestazioni di questa patologia sono caratteristiche non solo per gli adulti, ma anche per i bambini. Quindi, oggi i principali modi di diffondere la malattia nei bambini includono:

  1. Crescente. Più spesso osservato nelle ragazze.
  2. Lymphogenous. Caratteristico per bambini di età compresa tra 1-3 anni. Stitichezza frequente o diarrea sono considerati fattori favorevoli per l'infezione del tratto urinario nei bambini di progredire.
  3. Ematogena. Appartiene a uno dei percorsi più rari della malattia. Di solito si verifica nei neonati come complicanza della sepsi.

Va notato che nel 90% dei casi l'agente causale è E. coli, che, entrando nell'uretra, provoca un processo infiammatorio lì.

La manifestazione di questa malattia include:

  1. Macchie rosse sulla vulva e sull'ano.
  2. Capricciosità e attività ridotta.
  3. Mancanza di appetito ridotta o completa.

Purtroppo, l'infezione del tratto urinario nei bambini causa difficoltà nella diagnosi. Ciò è dovuto al fatto che un rapido test dell'urina viene utilizzato per fare una diagnosi corretta e, per non distorcere le indicazioni, è necessaria una porzione media di urina, che è piuttosto difficile da prendere nei bambini piccoli.

La presenza di UTI in donne in gravidanza

È deplorevole, ma lo sviluppo di questa patologia nelle donne in gravidanza è molto più alto che nelle altre persone. Un tasso di incidenza così elevato, secondo i medici specialisti, è dovuto a diverse ragioni. I principali sono chiamati:

  1. Squilibrio ormonale, che si manifesta nelle donne in gravidanza a causa della ridotta immunità.
  2. Modifica della posizione degli organi che si trovano accanto al sistema urinario e in particolare con le secrezioni degli organi. Un esempio è l'aumento di pressione creato dall'utero gravido sulla vescica e sugli ureteri, che a sua volta porta allo sviluppo di ristagno nel sistema urinario, che porta alla crescita e alla moltiplicazione dei batteri nel corpo, con conseguente infezione del tratto urinario durante la gravidanza. Ecco perché il monitoraggio regolare dello stato di scarico delle urine da uno specialista medico è una delle priorità della futura madre.

Infezione del tratto urinario: trattamento, farmaci

Di norma, il trattamento di questa malattia inizia con l'assunzione di farmaci antibatterici. Le eccezioni sono l'uropatia ostruttiva, varie anatomia anatomica e natura neurogena, che richiedono un intervento chirurgico. Non consigliato drenaggio delle vie urinarie con un catetere. Ma è necessario limitare o addirittura posporre temporaneamente l'intervento strumentale nel tratto urinario inferiore, soggetto a questa patologia.

Come dimostra la pratica, l'infezione del tratto urinario, che causa ulteriore uretrite, viene diagnosticata in pazienti troppo sessualmente attivi. Ad oggi, gli esperti raccomandano di prescrivere una terapia preventiva fino a quando non si ottengono i risultati dei test per le IST. I principali regimi di trattamento possono essere distinti dall'assunzione di ceftriaxone 125 per via intramuscolare, 1 g di azitromicina una volta o 100 mg di doxiciclina 2 volte al giorno durante la settimana. Per gli uomini i cui batteri, virus o funghi sono l'agente causale di uretrite, i donatori di fluoro vengono prescritti per un periodo fino a 2 settimane. Le donne sono indicate come trattamento secondo uno schema identico a quello per la cistite.

Il trattamento della cistite consiste di solito in un ciclo di 3 giorni di assunzione di fluorochinoloni, che non è solo un mezzo efficace per la manifestazione dei sintomi della cistite acuta, ma elimina anche i microrganismi aggressivi sia nella vagina che nel tratto gastrointestinale. Va tenuto presente che questo farmaco è solo l'assistenza operativa alle prime manifestazioni di cistite, e solo un ulteriore appello a uno specialista può aiutare a rispondere alla domanda: "Come trattare un'infezione del tratto urinario?".

Piuria, il cui agente causale è considerato S. Trachomats, causa l'uretrite nelle donne. Il trattamento in questo caso è necessario sia per la donna che per il suo partner sessuale. Di norma, per il completo recupero, è sufficiente un ciclo di terapia con l'uso di un farmaco sensibile al microrganismo identificato. Ma ci sono casi in cui non è sufficiente, e in analisi ripetute, un alto livello di leucociti viene rilevato insieme a un agente patogeno precedentemente rilevato. Quindi si consiglia di superare test supplementari per la presenza di pielonefrite e di sottoporsi a un ciclo di trattamento di 2 settimane con co-trimossazoli.

Durante la diagnosi di batteriuria asintomatica negli anziani o con diagnosi di diabete, il trattamento di solito non è prescritto. Ma vale la pena notare che, in presenza di batteriuria anche asintomatica nelle donne in gravidanza, essa, come qualsiasi altra UTI, richiede un trattamento antibatterico. L'unica differenza dipende dal fatto che non tutti i farmaci possono essere adatti alle donne nella posizione.

Allo stato attuale, si ritiene che la pielonefrite acuta sia un'infezione del tratto urinario, che può essere trattata solo in strutture ospedaliere ospedaliere. Come mostra la pratica medica, il corso del trattamento dipende in gran parte dalle condizioni iniziali del paziente, dalla presenza di nausea, vomito e febbre. Il regime di trattamento standard include la terapia parenterale, che dovrebbe basarsi sui farmaci più sensibili alle infezioni. Si raccomanda di continuare la terapia prescritta fino all'inizio del miglioramento clinico, che di solito si verifica entro 4-5 giorni. Ulteriori preparazioni sono già prescritte per l'ingestione fino a 2 settimane.

Particolare attenzione dovrebbe essere prestata al trattamento della pielonefrite in donne in gravidanza. In questo caso, oltre al ricovero ospedaliero obbligatorio, viene utilizzata la terapia parenterale con r-lattamici.

Medicina popolare

In parallelo con i farmaci, si consiglia di applicare varie raccolte di erbe con proprietà antimicrobiche e antinfiammatorie. Uno dei vantaggi indiscutibili di queste erbe è che sono completamente privi di effetti collaterali, che non si possono dire sugli antibiotici, non è vero? Ad una delle erbe più popolari con effetto antibatterico appartengono: uva ursina, camomilla, wintergreen.

Si consiglia di prendere le erbe per 2 settimane 4-5 volte al giorno.

prevenzione

La prevenzione delle infezioni del tratto urinario con frequenti recidive nelle donne è la seguente:

  1. Bere succo di mirtillo, che può ridurre significativamente l'incidenza di piuria e batteriuria.
  2. Sostituendo il bagnoschiuma nella doccia, in modo da ridurre al minimo l'ingresso di batteri nell'uretra.
  3. Limitare il douching e l'uso di vari spray che possono causare irritazione con ulteriori infezioni.
  4. Consumo moderato di bevande e cibi contenenti caffeina.
  5. Alla minima manifestazione dei sintomi dell'infiammazione, assumere immediatamente le vitamine del gruppo C, che aumentano il livello di acidità delle urine, che, a sua volta, porta ad una diminuzione del numero di batteri nel tratto urinario.
  6. Nell'uso limitato di prodotti che possono essere irritanti per la vescica.
  7. Evitare di indossare biancheria intima aderente.
  8. Minzione diretta subito dopo il completamento del rapporto sessuale.
  9. Il rifiuto dell'uso di spirali e anelli.
  10. Non raffredda.
  11. Bere grandi quantità di liquidi. Si consiglia di bere almeno 14 bicchieri d'acqua al giorno.

Se, tuttavia, le esacerbazioni non diminuiscono, con lo scopo preventivo può essere prescritto l'assunzione di farmaci antibatterici per via orale. Ad esempio, una singola dose di 50 mg di nitrofurantoina o co-trimoxazolo 40/200 mg.

Ma va tenuto presente che mentre si assumono determinati antibiotici, la circolazione enteroepatica degli estrogeni viene disturbata, il che può influire negativamente sull'efficacia dei contraccettivi orali assunti da una donna.

Le misure preventive nelle donne in gravidanza, di regola, non sono diverse rispetto alle donne in gravidanza.

Ricorda che con informazioni più dettagliate su questa patologia può essere trovato nella sezione "Infezioni delle vie urinarie internazionali" della Classificazione Internazionale delle Malattie (ICD).

Infezioni del tratto urinario nelle donne: sintomi, trattamento, cause, segni

Infezioni del tratto urinario.

Quanto spesso le infezioni del tratto urinario sono presenti nelle donne?

In generale, la cistite acuta non complicata si sviluppa nel 10-15% delle donne sane non gravide all'anno; l'incidenza è più alta tra i 18 ei 24 anni (17,5%). All'età di 24 anni, un terzo delle donne subisce almeno un episodio di UTI, diagnosticato da un medico e trattato con farmaci prescritti. Circa il 12% delle donne con il primo episodio e il 48% delle donne con cistite ricorrenti affrontano un nuovo episodio nello stesso anno.

Sintomi e segni dell'infezione del tratto urinario nelle donne

Di regola, il paziente lamenta frequenti minzioni, urgenze acute e disuria. La disuria senza perdite vaginali e irritazione nel 77% è un predittore di un risultato positivo della coltura delle urine. Una donna può provare disagio nell'addome inferiore prima e dopo la minzione. L'urina può essere escreta in piccole porzioni, a volte si nota ematuria. A volte c'è dolore sul pube.

Il più delle volte, l'infezione è limitata alle parti inferiori del tratto urinario, ma può anche passare al tratto urinario superiore, causando la pielonefrite. In cistite non complicata, la temperatura e un disturbo generale dello stato sono generalmente assenti. La pielonefrite può causare mal di schiena, febbre, nausea e vomito.

Con cistite semplice, la temperatura e il disturbo generale dello stato di solito non si verificano.

Cause di infezione del tratto urinario nelle donne

La maggior parte delle UTI si sviluppa in modo ascendente. Ciò significa che i batteri che vivono attorno all'apertura dell'uretra possono penetrare e arrampicarsi più in alto, causando l'infiammazione della vescica.

Quali fattori predispongono all'UTI?

Quando si parla al paziente di UTI, si deve prestare attenzione ad un numero di fattori predisponenti. Il più importante di questi nelle giovani donne è il rapporto sessuale recente (il rischio relativo di cistite acuta aumenta di 60 volte entro 2 giorni dopo il rapporto sessuale). I fattori di rischio dovrebbero essere spiegati al paziente in modo che comprenda come il proprio comportamento influisce sullo sviluppo dell'UTI. I medici dovrebbero anche considerare la possibilità di situazioni più complesse. Il rischio di pielonefrite aumenta durante la gravidanza a causa di parziale ostruzione degli ureteri.

Fattori predisponenti per l'UTI nelle donne

  • UTI nell'anamnesi.
  • Vita sessuale
  • Utilizzando un diaframma o uno spermicida.
  • Il primo episodio di UTI a 15 anni.
  • Storia di UTI dalla madre.
  • Usa il preservativo.
  • Antibiotici nelle ultime 2-4 settimane.
  • Fattori genetici

Entro 2 giorni dopo il rapporto, il rischio relativo di cistite acuta aumenta di 60 volte.

Quali microrganismi spesso causano l'UTI nella pratica generale?

Circa l'80% dei casi contabilizzati. Escherichia coli, 13% - su Staphylococcus saprophyticus.

Agenti causali di UTI

  • Agenti causali comuni di UTI:
    • Escherichia coli;
    • Staphylococcus saprophyticus:
    • Proteus mirabilis.
  • Patogeni più rari dell'UTI:
    • Proteus vulgaris, specie Klebsiella, specie Entero-batter, specie Citrobacter, Serratia
      marcescens, Acinetobacter e Pseudomonas spp., Staphylococcus aureus;
    • Candida albicans è una rarità nella popolazione, ma è comune per i pazienti in cliniche con fattori di rischio quali catetere vescicale, immunodeficienza, diabete, trattamento antibiotico.

Cause di disuria

Circa il 50% delle donne che lamentano disturbi della minzione non ha batteriemia. Tuttavia, hanno disuria, minzione frequente e forti impulsi. Forse piuria. In questi casi, parlano di una sindrome uretrale acuta, cistite interstiziale o sindrome della vescica dolorosa.

L'eziologia della sindrome uretrale non è completamente chiara. Può essere causato da batteri presenti in piccole quantità, batteri che crescono in modo insufficiente in coltura, infiammazione non specifica o disturbi dei muscoli.

Altre cause di disuria e minzione frequente includono:

  • la presenza di microrganismi difficili da coltivare, ad esempio Ureaplasma urealyticum;
  • la presenza di agenti patogeni di infezioni genitali;
  • vaginiti;
  • infezione da ossiuri o poliomielite;
  • esposizione a sostanze irritanti (deodoranti, schiume da bagno, detergenti);
  • uretrite atrofica.

Diagnosi di infezione del tratto urinario nelle donne

Cosa dovrebbe fare un medico quando tratta un paziente con sintomi di UTI?

Per iniziare a raccogliere anamnesi. Quindi decidere se prescrivere un trattamento empiricamente o esaminare l'urina.

Un campione di urina dalla porzione centrale può essere esaminato utilizzando strisce reattive o inviato ad un laboratorio per l'esame microscopico e la coltura. La microscopia e la coltura delle urine per lungo tempo sono state procedure standard per sospetta UTI, un test che utilizza strisce reattive che un medico o un infermiere può tenere in loco. Quando viene rilevata un'esterasi dei leucociti o un nitrito, la probabilità di un risultato di semina positivo è elevata (l'assenza di uno degli indicatori riduce significativamente la probabilità di infezione) è un metodo molto affidabile per diagnosticare l'IVU.

Dati di ricerca usando strisce reattive per UTI

  • Esterasi dei leucociti
    • Un risultato positivo indica la presenza di neutrofili nel campo visivo ad alto ingrandimento.
    • La sensibilità del test per l'UTI sarà del 75-90%.
  • nitrito
    • Serve come marcatore indiretto di batteriuria.
    • Indica il ripristino dei nitrati alimentari in nitriti da parte di alcuni patogeni gram-negativi dell'UTI, tra cui Escherichia coli e Proteusspp.
    • Un risultato negativo non esclude un UTI, dal momento che Alcuni patogeni non producono nitrato reduttasi, e con minzione frequente (un fenomeno comune nella cistite), l'enzima non ha il tempo di agire.
    • È meglio eseguire su urina concentrata (la prima parte del mattino). Affinché i nitriti possano comparire nelle urine, è necessario rimanere nella vescica per più di un'ora, durante i quali si verificherà una reazione corrispondente.
  • proteine
    • Le strisce reattive sono più efficaci per la rilevazione dell'albumina, che compare durante la febbre, così come in presenza di composti proteici nelle urine (cellule del sangue, batteri, muco).
  • pH
    • Normalmente, l'urina è acida. Una reazione alcalina con sintomi di UTI e esterasi dei leucociti può indicare la presenza di Proteus spp., Che scompone l'urea in C02 e l'ammoniaca, che provoca un aumento del pH.

Nei pazienti con UTI non complicata, il trattamento in base ai risultati delle strisce reattive e la prescrizione empirica di antibiotici di prima linea sono ancora accettabili.

Gli studi di irradiazione per UTI non complicate di solito non vengono eseguiti, perché raramente forniscono risultati diagnostici preziosi. Allo stesso modo, un singolo episodio di pielonefrite non indica la presenza di gravi malattie o malformazioni. Tuttavia, in caso di ripetuti casi di pielonefrite, sono giustificati studi quali ecografia dei reni, urografia escretoria o cistouretrografia vaginale.

Come usare le strisce reattive nel trattamento delle donne con sintomi di UTI non complicata

Infezioni del tratto urinario nelle donne

Lascia un commento 25,155

Un'infezione del tratto urinario nelle donne è associata a una breve uretra, che è vicino all'ano. Gli uomini hanno una struttura corporea completamente diversa e sono meno inclini alla penetrazione delle infezioni urinarie. Spesso molte malattie non si manifestano, ma gli uomini fungono da portatori di infezione. E le relazioni intime promiscue e non protette diventano la prima causa di malattie del sistema urinario.

Infezioni genitourinarie nelle donne

Le infezioni del sistema urogenitale nelle donne sono effetti patologici causati da specifici microrganismi dannosi. Le malattie delle vie urinarie sono caratterizzate da un'infiammazione, che può essere facilmente curata nella fase iniziale o, se i sintomi vengono ignorati, diventa cronica. Quale medico tratta la malattia? La risposta dipende solo dalla portata del sistema urogenitale e dal suo stadio. Questo può essere un medico generico, un urologo, un ginecologo, uno specialista in malattie infettive e persino un chirurgo.

Possibili malattie infettive

Le malattie più comuni del sistema genito-urinario:

  • La clamidia può causare infertilità.

Herpes genitale. Si avverte disagio, bruciore, comparsa di ulcere e vesciche, gonfiore dei linfonodi.

  • Chlamydia. L'infiammazione del sistema genito-urinario nelle donne si manifesta sotto forma di cervicite, cistite, pielonefrite. Il processo infiammatorio provoca gravidanza ectopica e sterilità femminile.
  • Annessite. L'infezione colpisce appendici femminili, causate da microrganismi patogeni. È necessario un trattamento immediato per evitare gravi conseguenze.
  • Uretrite. Processi infiammatori che colpiscono il tratto urinario e portano disagio.
  • Vaginite. Disagio, sensazione di bruciore e cattivo odore sono i primi segni di infiammazione.
  • Gonorrea. Nelle donne, il dolore caratteristico durante il rapporto sessuale e la minzione, la scarica acquisisce una tonalità gialla o rossa, febbre ed emorragia.
  • Cistite. Malattie del sistema urinario e della vescica. Provoca ripetuti viaggi in bagno, mentre si sente dolorante.
  • Pielonefrite. Queste sono malattie dei reni e del sistema urinario. I batteri maligni nell'esacerbazione della malattia causano attacchi di dolore improvviso nella regione lombare.
  • Torna al sommario

    Cosa ha causato?

    • Herpes genitale. Infezione urogenitale virale acquisita durante i rapporti sessuali con lesioni o crepe di lieve entità. Una volta nel corpo, rimangono per tutta la vita come infezioni nascoste e si manifestano in condizioni favorevoli.
    • Chlamydia. Questa infezione passa solo durante i rapporti sessuali da una persona infetta.
    • Uretrite. Può anche verificarsi a causa di lesioni agli organi.
    • Vaginite. Causato da un'infezione che si trasmette attraverso rapporti sessuali o malattie fungine già esistenti.
    • Gonorrea. L'infezione nel sistema urogenitale può essere rilevata dopo il contatto sessuale senza l'uso di un contraccettivo. È facile curare il disturbo, se è rivelato nel tempo, altrimenti le conseguenze sono molto serie.
    Torna al sommario

    Agenti causali di infiammazione

    Le infezioni del tratto urinario nelle donne spesso si manifestano dopo il sesso non protetto e promiscuo. Microorganismi come gonococco, ureaplasma, treponema, micoplasma, trichomonas, clamidia, funghi e virus possono causare infezioni delle vie urinarie. Tutti i microbi nocivi causano lo sviluppo di infiammazione. Come messaggio, il corpo invia segnali del disturbo come sintomi.

    Tipi di infezioni

    Le malattie del sistema urinario provocano molte infezioni. A seconda della posizione, le infezioni sono suddivise in:

    • Infezioni delle vie urinarie superiori (pielonefrite).
    • Infezioni degli organi urinari inferiori (cistite e uretrite).

    Anche le infezioni differiscono dall'origine:

    • Semplice. Il flusso di urina è assente, i disturbi funzionali non sono osservati.
    • Complicato. L'attività funzionale è compromessa, si osservano anomalie.
    • Ospedale. L'infezione si sviluppa durante le manipolazioni diagnostiche e terapeutiche sul paziente.
    • Acquisita in comunità. Le infezioni d'organo non sono associate all'intervento medico.

    Per quanto riguarda i sintomi delle malattie infettive, le patologie sono suddivise nei seguenti tipi:

    Trasmissione e cause

    Infezioni dei reni e delle vie urinarie, basate su quanto sopra, vengono acquisite alle seguenti condizioni:

    • Relazioni intime non protette (le infezioni più comuni).
    • Infezione ascendente, a causa della mancanza di igiene.
    • Attraverso il linfatico e i vasi sanguigni quando le malattie infiammatorie iniziano a progredire (ad esempio, carie dentale, influenza, polmonite, malattie intestinali).

    La causa delle malattie del sistema genitourinario e dei reni è:

    • disordini metabolici;
    • ipotermia del corpo;
    • situazioni stressanti;
    • relazioni intime promiscue.
    Torna al sommario

    Sintomi caratteristici

    Le malattie del tratto urogenitale sono caratterizzate da alcuni sintomi. Quando i processi infiammatori hanno bisogno di diagnosi. Tutte le malattie si verificano in modi diversi, ma le principali manifestazioni sono:

    • il dolore;
    • disagio e ansia che disturbano le vie urinarie;
    • prurito, bruciore e formicolio;
    • selezione;
    • minzione problematica;
    • eruzione cutanea sui genitali;
    • neoplasie (papillomi e condilomi).
    Torna al sommario

    Procedure diagnostiche e analisi

    È facile prevenire gli organi renali e urinari negli esseri umani, è necessario eseguire un esame completo del sangue e delle urine almeno una volta all'anno. Nelle urine saranno inizialmente visibili i batteri nocivi. La diagnosi aiuterà a identificare o prevenire infezioni e malattie. Se c'è un peggioramento della salute, lo specialista dovrebbe esaminare immediatamente la persona. L'esame a ultrasuoni e ai raggi X dei reni e della vescica aiuterà anche a identificare i cambiamenti strutturali. Può essere sia ecografia che urografia, cistografia, nefroscintigrafia, cistoscopia e tomografia.

    Trattamento applicato delle infezioni del tratto urinario

    Il trattamento del sistema genito-urinario consiste nell'assunzione obbligatoria di antibiotici. Lo specialista determina sempre un approccio individuale, quindi è necessario attenersi strettamente alle raccomandazioni per evitare possibili effetti collaterali. Per il trattamento può essere utilizzato un metodo complesso, ad esempio, medicine ed erbe. È necessario seguire una dieta che elimina l'uso di elementi irritanti. Durante il trattamento, è importante osservare il regime di bere.

    Farmaci antibatterici

    Gli antibiotici possono aiutare a ridurre l'infiammazione. I seguenti antibiotici sono usati per il trattamento: Ceftriaxone, Norfloxacina, Augmentin, Amoxiclav, Monural, Canephron. I preparativi sono selezionati in base ai principi:

    1. Il farmaco deve essere direttamente escreto attraverso i reni.
    2. Il farmaco dovrebbe influenzare attivamente i patogeni della flora uropatogena.
    3. La terapia deve essere scelta in modo da avere il risultato più efficace con conseguenze minime.
    Torna al sommario

    Come fermare il dolore?

    Il dolore è noto per essere causato da uno spasmo o infezione. Pertanto, possono essere prescritti analgesici ("Baralgin" o "Pentalgin"), antispastici ("No-shpa" e "Drotaverinum") o supposte rettali ("Papaverine"). Ma per fermare l'infiammazione in una persona, è necessario usare medicine forti per eliminare le cause. Inizialmente, vengono determinati agenti patogeni (stafilococco, Escherichia coli, clamidia) e la loro sensibilità agli agenti antibatterici. Per curare la malattia a casa, è possibile utilizzare meglio le droghe di uso interno e l'iniezione è ancora utilizzata sotto la supervisione di un medico.

    Trattamento di rimedi popolari

    Il trattamento del tratto urinario è possibile e rimedi popolari. Il sistema urinario risponde bene ai decotti della sequenza, calamo, menta piperita, pidocchi di bosco, cowberry, cicoria, uva ursina, foglie di betulla. I fattori che influenzano la vescica causano dolore, alleviano questa erba dalla camomilla e dall'equiseto. Bere 3 volte al giorno come tè (0,5 cucchiaini della miscela versare acqua bollente). Il sistema urinogenitale nella cistite e nella pielonefrite non può da solo resistere agli agenti patogeni e le malattie protratte causano esacerbazioni. Pertanto, si consiglia di utilizzare dogrose come diuretico per rimuovere gli indesiderati dal corpo. L'erba di Medunitsa è ricca di tannini, grazie a questo combatte la perdita infiammatoria delle mucose. È necessario preparare il brodo con foglie di ribes e mirtilli rossi (1 cucchiaio da tavola), versare acqua bollente su tutto, insistere per 1 ora e bere 2 volte al giorno, 2 cucchiai.

    Altre medicine

    Il sistema urogenitale è sconvolto da una varietà di malattie. I farmaci antibatterici e gli antispastici non sono l'unico metodo di cura per l'infiammazione. Quando si osservano febbre e febbre, si usano farmaci antinfiammatori non steroidei: Cefecon, Ibuprofen, Nimesulide.

    Dieta come prevenzione delle malattie

    La dieta è anche la prevenzione della malattia. È importante escludere i prodotti che contengono purine e acido ossalico. Limitare anche l'assunzione di sale. Prendi l'abitudine al mattino a stomaco vuoto per bere acqua, solo dopo questa piccola procedura puoi mangiare. Mangi i piccoli pasti 5-6 volte al giorno. Di solito, nelle malattie del sistema urogenitale vengono utilizzate le diete numero 6 e 7. Gli obiettivi principali della dieta numero 6 sono di ridurre la quantità di acido urico e sali formati nel corpo. Hai bisogno di mangiare più liquidi, verdure e frutta, così come i prodotti lattiero-caseari. Una dieta numero 7 è mirata al ritiro dei prodotti metabolici dal corpo, alle prese con gonfiore e pressione instabile. Qui, al contrario, l'assunzione di liquidi è limitata e sono esclusi anche cereali e sali, principalmente alimenti vegetali.

    Conseguenze e possibili complicazioni

    Trascurare le raccomandazioni porta a conseguenze molto grandi. Di conseguenza, il deterioramento della condizione e le malattie croniche, e se la malattia è venerea, quindi con forme molto gravi, la morte è possibile. Complicazioni dovute alla malattia si manifestano come insufficienza renale, infertilità. Se si tratta di una malattia infettiva, il pericolo risiede nell'ulteriore infezione dei partner.

    prevenzione

    La prevenzione delle malattie del sistema urinario è che è necessario monitorare una corretta alimentazione, condurre uno stile di vita attivo, non permettere l'ipotermia. Di volta in volta, è necessario applicare una dieta per ridurre il carico sugli organi. Le tisane sono utili per il trattamento e la prevenzione. È importante non dimenticare le vitamine. E soprattutto - per mantenere l'igiene personale e avere ordine nella vita sessuale.

    Infezioni del tratto urinario nelle donne

    Il rischio di sviluppare un'infezione delle vie urinarie (UTI) nelle donne è molto alto. Secondo le stime degli esperti, almeno il 50% delle donne in età fertile sono esposte a tale rischio e la probabilità di re-infezione persiste per tutta la vita. Cosa fare se si incontra per la prima volta o di nuovo un'infezione del tratto urinario, come ridurre la probabilità di infezione, è possibile imparare da questo articolo.

    Che cosa causa l'UTI nelle donne

    La fonte più comune di infezioni del tratto urinario è la cura inadeguata del perineo, quindi la maggior parte delle donne lo pulisce dal retro verso la parte anteriore dopo essere andato in bagno.

    Molto spesso, l'infiammazione infettiva dell'uretra si diffonde alla vescica. Se in questa fase non si adottano misure per eliminare la patologia, aumenta il rischio di infezione dei reni.

    Non meno comune causa di UTI è il sesso non protetto con portatori di varie infezioni sessualmente trasmesse. Poiché le donne hanno un'uretra più corta, non è difficile per i batteri penetrare rapidamente nel sistema urinario.

    I sintomi dell'infezione urinaria nelle donne

    Per capire che le donne hanno un'infezione alle vie urinarie, puoi seguire i seguenti sintomi:

    • sensazione di bruciore nell'uretra durante la minzione;
    • frequente ed intenso desiderio di urinare sullo sfondo di diminuire la quantità di urina;
    • dolore pressorio o arcuato nell'addome inferiore e talvolta nella parte bassa della schiena;
    • cambiamento di colore e odore di urina;
    • la costante presenza di sentirsi stanchi e stanchi;
    • stato febbrile, che è accompagnato da brividi, febbre, sudorazione.

    La comparsa di tali manifestazioni cliniche, che possono indicare lo sviluppo di infezioni urinarie, dovrebbe essere un motivo per consultare un urologo o un ginecologo.

    Metodi per diagnosticare le infezioni del tratto urinario

    Il metodo più informativo per diagnosticare l'UTI nelle donne è un esame di laboratorio delle urine - un'analisi generale delle urine, la coltura delle urine sulla flora con la determinazione della sensibilità agli antibiotici. Può mostrare microrganismi che hanno causato il processo infiammatorio. A volte il dottore chiede a una donna di fare un esame del sangue.

    Come trattare le infezioni del tratto urinario

    L'unico modo per sbarazzarsi di un'infezione del tratto urinario è usare antibiotici o uroseptics.

    Inoltre, si raccomanda alle donne di bere quanta più acqua possibile per aiutare il corpo a liberarsi dei batteri nell'uretra e nella vescica. Se ci sono sintomi gravi, il medico può raccomandare di assumere antispastici e analgesici.

    Il rimedio popolare più popolare per l'infezione del tratto urinario è succo di mirtillo o succo di questa bacca del nord. Contiene una grande quantità di tannini ed è ricco di vitamine e antiossidanti. Si ritiene che, a causa di ciò, il succo di mirtillo possa ridurre la gravità del processo infiammatorio e accelerare il recupero. Tuttavia, gli studi condotti nel 2014 hanno rilevato che questo rimedio popolare non ha un impatto significativo sul decorso della malattia.

    Infezioni del tratto urinario cronico

    La cronicizzazione di una malattia infettiva delle vie urinarie si verifica nel 20% delle donne che hanno subito un'infezione acuta delle vie urinarie. Nella maggior parte dei casi, i colpevoli di questa forma di malattia sono singoli ceppi di batteri, che hanno sviluppato una sorta di immunità agli antibiotici. Per qualche tempo possono esistere all'interno delle cellule umane, e quindi vengono attivate e formano numerose colonie - questo è il modo in cui la malattia peggiora.

    Anche a rischio includono:

    • donne con diabete;
    • donne immunocompromesse;
    • donne con diagnosi di urolitiasi;
    • donne con lesioni spinali;
    • donne incinte

    Metodi di trattamento per le infezioni del tratto urinario

    Se una donna incontra un'infezione del tratto urinario più di tre volte l'anno, deve consultare un medico per l'esame e il trattamento secondo uno dei seguenti schemi:

    • un lungo ciclo di assunzione di antibiotici per un lungo periodo di tempo, a volte fino a un anno, per prevenire riacutizzazioni durante l'infezione cronica;
    • una singola dose di antibiotico dopo il sesso non protetto;
    • assumere antibiotici con un breve ciclo (fino a 3 giorni) se compaiono sintomi di uretrite o cistite.

    Se non ci sono risultati dalla terapia, si raccomanda di consultare il proprio medico in merito alla sostituzione di un medicinale con agenti più potenti.

    Prevenzione della re-infezione

    Ripetute infezioni o esacerbazioni di infezioni croniche possono essere evitate seguendo queste linee guida:

    • non rimandare la minzione quando appare il desiderio;
    • pulire il cavallo da davanti a dietro;
    • bere più liquidi;
    • meno probabilità di utilizzare spray igienici, gel doccia e saponi intimi con profumi e coloranti (aumentano l'irritazione);
    • lava il cavallo prima del sesso;
    • urinare immediatamente dopo un rapporto sessuale (aiuta a scovare gli agenti patogeni che entrano nell'uretra);
    • indossare indumenti intimi di cotone e indumenti realizzati con tessuti naturali per evitare l'eccessiva bagnatura del perineo;
    • utilizzare i preservativi con lubrificanti e lubrificante spermicida per ridurre l'irritazione.

    Per consultare le infezioni del tratto urinario nelle donne con uno specialista qualificato, puoi farlo online sul nostro sito. Per fare questo, compila il modulo sottostante, o chiama il numero elencato nella sezione "Contatti".

    Altri Articoli Su Rene