Principale Pielonefrite

I sintomi della malattia renale in una donna

Lascia un commento 135,371

Se ci sono sintomi spiacevoli nella parte bassa della schiena, questi possono essere i primi segni di malattia renale nelle donne. Il sesso debole è più incline alle patologie renali rispetto agli uomini. Pertanto, le donne hanno soprattutto bisogno di sapere perché c'è dolore nei reni. Spesso queste deviazioni indicano un processo patologico nei reni o negli organi interni adiacenti. Le donne che si vestono facilmente con il freddo o trascurano l'igiene personale sono spesso soggette a sensazioni dolorose. Durante il trasporto di un bambino, il dolore si verifica spesso nella zona dei reni, poiché vi è una notevole pressione su tutti gli organi inferiori. Ai primi sintomi spiacevoli, dovresti consultare un medico, scoprire la causa principale del dolore e influenzare la loro concentrazione.

Perché le donne hanno più spesso problemi ai reni?

La donna ha una struttura speciale del sistema urinario, quindi è più probabile che il dolore nell'area renale infastidisca un uomo. Il dolore risultante è spesso associato a una caratteristica dell'uretra, che è corta e larga, quindi l'infezione è più facile da entrare nel corpo. Tutto ciò porta alla cistite e porta alla diffusione della malattia ai reni. C'è una probabilità di sviluppare pielonefrite.

Una donna durante la gravidanza spesso soffre di dolore ai reni a causa di un aumento dello stress sull'organo.

Spesso durante la gravidanza c'è una diminuzione della funzione renale, che minaccia l'infiammazione e l'insorgenza di molti sintomi spiacevoli. Spesso nelle donne c'è la nefroptosi, in cui il rene diventa mobile e non è fissato in una posizione. Ciò è dovuto alle diete costanti che le donne amano così tanto. Il problema si osserva quando si trasporta un bambino o con frequenti sforzi fisici.

Ragioni principali

Negli ultimi anni, il numero di malattie renali è aumentato. Le donne spesso soffrono di processi infiammatori nell'organo interno. Le cause alla radice che portano a questa deviazione, ce ne sono molte. I problemi renali più comuni si verificano con glomerulonefrite o pielonefrite. Le cause principali del dolore ai reni includono:

  • la formazione di pietre che bloccano parzialmente la produzione di urina e conducono alla colica renale;
  • il verificarsi di cisti o tumori nei reni;
  • trombosi dell'organo arterioso.

Quando i reni sono doloranti, il dolore è vago e si diffonde in tutto il dorso. In alcuni casi, le sensazioni dolorose non sono causate da anomalie renali, ma da altre malattie che portano al dolore in questo organo. Spesso il dolore si manifesta a causa del pizzicore dei processi nervosi nella colonna vertebrale. Nelle donne, i reni possono ferire in caso di infiammazione acuta dell'utero o appendici.

Appendicite acuta o anomalie negli organi digestivi possono provocare dolore in questa zona. Il corpo femminile è spesso soggetto a malattie renali associate a diverse fonti. In ogni caso, quando si manifestano i primi sintomi della malattia, è necessario contattare immediatamente il proprio urologo.

Altre fonti di dolore

Oltre alle malattie renali, altri processi patologici possono causare disagio nella zona lombare. Nelle donne anziane, il dolore è causato da distrofia nelle articolazioni cartilaginose della colonna vertebrale o problemi nel sistema motorio. Spesso, il dolore spiacevole si verifica quando l'infiammazione degli organi del sistema riproduttivo. Altre fonti di dolore nei reni:

  1. Gravidanza ectopica
  2. Carico significativo sulla parte bassa della schiena durante la gravidanza.
  3. Flusso mestruale doloroso, che è associato a una particolare posizione dell'utero.
La gastrite può essere fonte di dolore nei reni.

La fonte di dolore nella zona dei reni può essere una violazione del tratto gastrointestinale. Spesso la presenza di gastrite, ulcera o pancreatite porta al mal di schiena. Le spiacevoli sensazioni di carattere penetrante o tagliente sono il risultato di coliche nel fegato o nella cistifellea. Per distinguere una deviazione renale da una malattia in un altro organo, è importante sapere come i reni danneggiano le donne.

Segni e sintomi esterni di dolore ai reni nelle donne

Nefropatia incinta

Questa causa di sensazioni dolorose è peculiare solo per le ragazze. Molto spesso il problema si verifica nelle donne che partoriscono per la prima volta o nel caso in cui vi sia una gravidanza multipla. C'è un dolore pressante che si estende ai reni e all'addome inferiore. Spesso, le donne incinte hanno edema, soprattutto sul viso. Ci sono anche questi sintomi:

  • aumenti di pressione;
  • si verificano mal di testa;
  • problemi di visione.

La malattia indicherà test di laboratorio, che saranno rilevati nelle proteine ​​delle urine. Lo sviluppo della patologia è un utero in crescita, facendo pressione sull'uretere, a causa della quale l'urina ristagna e provoca malattie renali. È importante monitorare attentamente lo stato di salute, poiché il decorso grave della malattia minaccia la vita della madre e del feto. Se il problema non è aggravato, dopo la nascita, passerà da solo.

Glomerulonefrite e pielonefrite

Queste deviazioni sono abbastanza comuni e sono caratterizzate da un processo infiammatorio nell'organo interno. Con pielonefrite o glomerulonefrite, il paziente ha dolore lombare, febbre e debolezza generale. Le membra e il viso si gonfiano notevolmente, il colore delle urine cambia. Il paziente è tormentato dalla sete, dalla bocca secca, dalla mancanza di appetito. Alcune persone hanno tali segni:

  • nausea;
  • vomito;
  • gonfiore;
  • disturbi del tratto gastrointestinale.

Se una malattia non viene rilevata in tempo e il suo trattamento non viene preso, allora la sensazione di formicolio nei reni si unirà ai sintomi principali, la pelle inizierà a intorpidirsi, ci saranno convulsioni e dolore muscolare. Spesso c'è mancanza di respiro, che è presente in uno stato di calma. Una donna può notare i capelli fragili e la pelle secca, che è un segno di problemi ai reni.

nefrolitiasi

La nefrolitiasi è una malattia in cui le pietre si formano negli organi. Questa deviazione è abbastanza comune tra le malattie renali. Quando si forma la malattia, si formano pietre di dimensioni diverse, la presenza di sali e sabbia nell'organo interno contribuisce alla loro formazione. I medici hanno notato che l'urolitiasi è ereditaria. Spesso la ragione principale per la presenza di calcoli renali è l'assunzione regolare di acqua potabile, una dieta monotona e un consumo eccessivo di prodotti nocivi. La colica nel rene è un sintomo esatto della formazione di calcoli nell'organo.

I sintomi della malattia renale nelle donne appaiono gradualmente. In primo luogo, ci sono sensazioni dolorose nell'addome o nel lato, spesso si estendono all'inguine e alle cosce interne. Sensazioni spiacevoli si verificano quando si spostano pietre sull'uretere. Il dolore presente indica un danno alla mucosa dell'organo, per cui il sangue può essere presente nelle urine.

idronefrosi

Quando l'idronefrosi è l'espansione delle coppe e del bacino dell'organo interno. Nella maggior parte dei casi, il processo patologico procede senza alcun sintomo. I primi segni della malattia compaiono in una ragazza dopo una lesione di natura infettiva o una lesione di un organo interno. Ci sono dolori nella parte bassa della schiena di diversa natura e intensità, vomito, nausea. Il paziente ha aumentato la pressione sanguigna e vi è un rilascio di sangue durante la minzione.

Nephroptosis

La nefroptosi è caratterizzata dall'omissione o migrazione di un organo a sinistra oa destra. Le patologie più comuni sono le donne in gravidanza o quelle che spesso seguono diete. Questo è lo stiramento dei muscoli e dei legamenti che supportano l'organo interno. Il primo segno di nefroptosi è un dolore tirante, dolente o lancinante nella zona lombare, che è particolarmente pronunciato dopo l'allenamento fisico.

Nei pazienti con nausea, vomito, febbre. Spesso trovato una violazione della sedia, in cui la stitichezza si alterna con la diarrea. La nefroptosi è caratterizzata da mancanza di appetito, irritabilità, perdita di sonno. Nella nefroptosi, l'uretere è spesso attorcigliato, il che porta al ristagno delle urine e allo sviluppo di gravi anomalie renali.

Insufficienza renale

L'insufficienza renale sorge sullo sfondo di altre patologie nel corpo. Una caratteristica della malattia è una chiara violazione delle funzioni dei reni. La patologia porta alla rottura dell'equilibrio idrico ed elettrolitico, che è l'accumulo di sostanze tossiche nel corpo. Il paziente ha alterato la minzione, la quantità giornaliera di urina aumenta. Segni di insufficienza renale:

  • gonfiore del viso e delle gambe;
  • l'anemia;
  • mancanza di sensibilità negli arti inferiori;
  • sensazione di bruciore sulla pelle;
  • debolezza muscolare;
  • aumentare la pressione sanguigna.

La malattia è caratterizzata da disturbi dispeptici, in cui vi è flatulenza, diarrea e rottura del tratto gastrointestinale. Se viene diagnosticata una violazione della forma cronica, quindi per salvare la vita, è necessario effettuare la dialisi ogni settimana e pulire i reni con l'aiuto di soluzioni mediche.

policistico

Molto spesso il policistico è ereditario. Spesso la patologia si verifica insieme a malattie nelle ovaie. Quando policistico forma un gran numero di cisti nel parenchima renale. Dolore sordo osservato nella colonna lombare, sensazione di sete e minzione frequente. Se la malattia non viene rilevata in tempo e il suo trattamento non viene preso, allora c'è un'alta probabilità di insufficienza renale cronica. Spesso, la patologia provoca anormalità cardiovascolari e ipertensione arteriosa.

Tumori renali

Oggi le malattie oncologiche non sono rare e colpiscono il rene femminile dopo i 40 anni. I medici non hanno stabilito la fonte esatta di questa malattia. Le prime fasi non sono distinte da segni speciali, quindi la patologia viene rilevata tardi. Nel corso del tempo, ci sono tali segni di cancro:

  • la presenza di sangue nelle urine;
  • dolore costante ai lati;
  • perdita di peso;
  • ipertensione;
  • febbre;
  • affaticamento e debolezza.
Torna al sommario

diagnostica

Se avverti dolore ai reni, anche se è intermittente, dovresti consultare immediatamente un medico e sottoporti a una serie di studi. Il ritardo con il sondaggio comporterà l'esacerbazione di malattie e una serie di complicanze. In primo luogo, la donna viene esaminata da un ginecologo, che quindi prescrive i seguenti studi:

  • consegna di urina e sangue per un'analisi generale, che consentirà di identificare l'infezione;
  • diagnosi ecografica degli organi interni situati nella pelvi.

In assenza di anomalie ginecologiche, la donna va dall'urologo. Successivamente, si consiglia di sottoporsi a un esame a raggi X degli organi interni. Se necessario, spendi l'urografia, che esamina i reni e gli organi del sistema urinario con un mezzo di contrasto. Inoltre, viene eseguita la tomografia computerizzata dell'uretere e dei reni.

Trattamento di malattie

Terapia conservativa

Se manifesti i primi segni di infiammazione dei reni, dovresti consultare un medico. Se la patologia non è aggravata, si raccomanda un trattamento conservativo. Quando l'infiammazione ha prescritto farmaci antibatterici, che vengono selezionati individualmente a seconda dell'infezione. Se l'infezione non può essere determinata, vengono prescritti farmaci antibatterici con un ampio spettro di azione. La terapia antibiotica dura circa 14 giorni.

Intervento chirurgico

Se la patologia non viene rilevata tempestivamente, sono possibili complicanze e un decorso grave della malattia. In questi casi, il trattamento conservativo può essere inefficace e si raccomanda la chirurgia. Nel caso di suppurazione nei reni, viene eseguita un'operazione di emergenza per prevenire l'infezione di altri organi. Durante l'intervento chirurgico, il chirurgo produce un drenaggio della pelvi renale, dissezionando i fuochi necrotici.

L'operazione è indicata nella formazione delle cisti o nel caso del cancro del rene nelle donne.

Dopo l'operazione, al paziente viene assegnata una dieta speciale e un complesso vitaminico, che aiuterà a rimettersi in forma e ripristinare la salute. Si raccomanda di assumere diuretici, in modo che l'urina non ristagni nella vescica, non interferisca con la guarigione e i processi di congestione non provocano una ricaduta. Importante nel processo di riabilitazione è una dieta speciale, che esclude cibi salati, fritti e piccanti. Si consiglia al paziente di assumere farmaci contenenti calcio. Con la nomina di un medico è permesso di prendere decotti e infusi a base di erbe medicinali.

prevenzione

Per evitare problemi ai reni, le donne dovrebbero controllare l'equilibrio idrico nel corpo e bere molti liquidi. Si consiglia di prendere decotti a base di erbe medicinali che hanno effetti diuretici. È importante controllare il cibo, nella dieta quotidiana dovrebbe essere sano e pieno di cibo vitamine. Una donna dovrebbe condurre uno stile di vita attivo ed eseguire esercizi speciali.

Segni di infiammazione dei reni, sintomi e trattamento

L'infiammazione dei reni è chiamata nefrite. Ci sono diverse malattie renali associate ai processi infiammatori che si verificano in questo organo, interessando i suoi vari reparti.

La pielonefrite è un'infiammazione dei reni che si verifica sullo sfondo di ingestione di batteri e virus patogeni. La glomerulonefrite è una malattia in cui il processo infiammatorio copre solo i glomeruli - glomeruli renali.

In donne e uomini, entrambe le patologie possono verificarsi in forma cronica acuta o latente. Il pericolo di nefrite risiede nella loro capacità di condurre gradualmente allo sviluppo dell'insufficienza renale, che richiede un trattamento cardinale, implicando il trapianto di organi.

Cause dell'infiammazione renale

Cause di infiammazione dei reni possono essere tali agenti patogeni come enterococco, stafilococco, escherichia intestinale intestinale e altri. Spesso la microflora patogena è mista, un patogeno causa la malattia in meno di 1/3 dei casi.

La giada può essere divisa in primaria e secondaria, a seconda dei sintomi e il trattamento dell'infiammazione dei reni sarà diverso. L'80% delle persone che si rivolgono a un istituto medico, gli urologi diagnosticano la nefrite primaria. Al centro del suo sviluppo ci sono varie malattie ai reni. Ad esempio, amiloidosi e nefroptosi.

I processi infiammatori secondari nei reni si sviluppano in background:

  • avvelenamento da metalli pesanti;
  • inalazione regolare di sostanze chimiche tossiche;
  • uso frequente di alcol;
  • malattie autoimmuni;
  • la presenza di un'infezione batterica o virale nel corpo.

Il gruppo di rischio comprende persone che sono state avvelenate da metalli pesanti o prodotti chimici. L'infiammazione si verifica sullo sfondo di artrite reumatoide, tubercolosi, lupus eritematoso. La nefrite è considerata una malattia indipendente, oltre che una complicazione di altre malattie. Vivere in ambienti umidi con elevata umidità è anche terreno fertile per lo sviluppo di processi infiammatori nei reni.

classificazione

Prima di tutto, va notato che le malattie infiammatorie dei reni sono un intero gruppo di patologie, ognuna delle quali ha i suoi sintomi, le cause e le caratteristiche del trattamento. Pertanto, è necessario considerare ciascuno di essi separatamente:

  1. La pielonefrite è una patologia in cui la lesione della pelvi renale e del parenchima renale si verifica a seguito di infezione. L'agente patogeno può entrare nei reni con il flusso sanguigno, con la linfa, così come il percorso ascendente attraverso gli ureteri. La malattia può essere acuta o cronica. La clinica include la febbre e la temperatura può rimanere per 3-4 giorni. Inoltre osservato minzione frequente, mal di schiena, stanchezza, nonché cambiamenti caratteristici nei test delle urine sotto forma di un aumento del numero dei globuli bianchi.
  2. La glomerulonefrite è una malattia autoimmune in cui vi è un'infiammazione dei glomeruli (glomeruli) e sconvolge il processo di purificazione del sangue e l'escrezione delle urine. Con la progressione della malattia, vi è una graduale sostituzione dei glomeruli con il tessuto connettivo, che alla fine porta alla CRF.
  3. Nefrite interstiziale (tessuto interstiziale e tubuli renali interessati);
  4. Shunt nefrite (deposizione di complessi anticorpali attorno ai glomeruli renali).

Talvolta la perinefrite (infiammazione del tessuto adiposo renale) e la perinefrite (infiammazione della capsula fibrosa del rene) sono anch'esse riferite alla nefrite, ma questo può difficilmente essere considerato corretto.

Sintomi di infiammazione renale nelle donne

Sulla base delle caratteristiche anatomiche del corpo, i sintomi dell'infiammazione renale nelle donne sono più pronunciati. Il sistema urinario è il "punto debole" del corpo femminile. L'uretra del sesso debole è molto più corta del maschio, quindi l'infezione si aggrappa facilmente, entra nella vescica e da lì penetra nei reni provocando processi infiammatori.

Con l'infiammazione acuta dei reni, una donna o un uomo avranno sintomi generali:

  • brividi e sudorazione;
  • dolore lombare, spesso acuto;
  • ci possono essere dolori fastidiosi nell'addome;
  • sintomi comuni di intossicazione;
  • la temperatura corporea aumenta, a volte in modo abbastanza significativo, a 40 gradi;
  • può accompagnare l'infiammazione ai reni, mal di testa e vertigini;
  • con la prevalenza di infezione negli ureteri e nella vescica - minzione frequente e dolore durante la minzione;
  • nella proiezione dei reni nella parte bassa della schiena quando toccano, notano un aumento del dolore;
  • la presenza di un gran numero di leucociti di urina (pielonefrite), proteine, eritrociti (glomerulonefrite), talvolta scaglie e scorie nelle urine può essere vista ad occhio nudo.

Segni di infiammazione dei reni nella fase cronica comprendono i seguenti parametri:

  • sudare nell'intervallo notturno del sonno;
  • cambiamento di temperatura;
  • perdita di appetito;
  • diminuzione della capacità lavorativa e deterioramento della salute generale;
  • aumento della pressione vascolare con nausea e vomito;
  • essiccazione della pelle con un cambiamento nella loro tonalità naturale a itterico o terroso.

La policistosi dei reni o una storia di cistite è un fattore scatenante nello sviluppo dei sintomi dell'infiammazione renale nelle donne, che è associato a una predisposizione ereditaria nel primo caso e alle caratteristiche della struttura fisiologica del sistema urinario del corpo femminile nel secondo.

Sintomi di infiammazione renale negli uomini

Oltre ai suddetti sintomi comuni, gli uomini notano i seguenti sintomi:

  • cambiamento significativo nel colore e nell'odore delle secrezioni di urina;
  • dolore alla colonna lombare;
  • il verificarsi di strisce di sangue nelle urine;
  • ritenzione urinaria prolungata;
  • violazione della stabilità della voglia di svuotare la vescica.

Spesso nella vecchiaia agli uomini viene diagnosticato un adenoma prostatico. Questa seria diagnosi influisce sul successivo sviluppo della malattia renale.

Sintomi nei bambini

La mamma dovrebbe essere vigile e cercare immediatamente un aiuto specializzato se un bambino ha:

  • aumento della temperatura corporea;
  • la minzione causa dolore, il bambino piange;
  • i bambini più grandi lamentano dolore nella zona lombare o inferiore dell'addome;
  • l'incontinenza urinaria è iniziata o viceversa, il bambino non può urinare a lungo;
  • il colore delle urine cambiava, diventava scuro, con impurità, erano visibili "scaglie";
  • contro i sintomi sopra sviluppano vomito.

I segni dell'infiammazione renale nei bambini, ad esempio, possono essere rilevati da un pediatra abituale. Quindi seguirà senza esitazioni tutta una serie di analisi necessarie che, di norma, consentono di effettuare una diagnosi accurata e di sviluppare immediatamente un regime di trattamento.

Come trattare l'infiammazione dei reni

Per trovare il giusto regime di trattamento, è necessario determinare con precisione il tipo di giada e, se possibile, eliminare la causa della sua causa. Nella fase acuta del trattamento dovrebbe essere effettuata in un ospedale ospedaliero sotto la stretta supervisione di un medico e controllare la dinamica della malattia.

Il trattamento dell'infiammazione del rene comprende:

  • modalità di risparmio;
  • dieta;
  • terapia farmacologica;
  • medicina di erbe.

Quando viene diagnosticata un'infiammazione del rene, i sintomi e il trattamento sono diversi. A volte il paziente è disturbato solo da sintomi appena evidenti, ad esempio, una temperatura leggermente elevata. Ma questo non significa che puoi fare senza trattamento. Nei primi giorni della malattia è necessario fornire al paziente il riposo a letto, soprattutto nei casi più gravi.

Trattamento farmacologico

Per il trattamento dell'infiammazione del rene, vengono utilizzati antibiotici e urotettici. La terapia sintomatica è prescritta secondo necessità e consiste nell'uso di tali farmaci:

  • diuretici;
  • farmaci antibatterici;
  • integratori di calcio;
  • antipertensivi;
  • farmaci per migliorare la circolazione sanguigna e la nutrizione nei tessuti renali;
  • citostatici;
  • antistaminici;
  • steroidi;
  • immunostimolanti;
  • vitamine (C, P, B).

Con un trattamento tempestivo e opportunamente selezionato, le condizioni del paziente migliorano sensibilmente dopo solo una settimana e il recupero finale avviene in quattro settimane.

Antibiotici per l'infiammazione dei reni

Il tipo di antibiotico dipende dal tipo di batterio che si troverà nei risultati della tua analisi. Se il tipo non può essere determinato, verrà assegnato un antibiotico ad ampio spettro.

Gli agenti antibatterici più efficaci sono riconosciuti:

  • norfloxacina;
  • ciprofloxacina;
  • ofloxacina;
  • furadonin;
  • furagin.

Raccomandato anche per gli urotettici:

  • nitrofurantoina;
  • furazidin;
  • ertsefuril;
  • nitroksolin;
  • pimidel;
  • norfloxacina e altri.

In media, gli antibiotici dovrebbero essere presi per almeno 10 giorni, ma a volte questo trattamento può essere ritardato per diverse settimane.

dieta

La dieta con l'infiammazione dei reni ha lo scopo di ridurre il carico sull'organo interessato. La dieta dovrebbe consistere principalmente di frutta, verdura, pane, cereali. Prodotti a base di carne e altre fonti di proteine, oltre al sale, si consiglia di limitare l'uso. Il metodo di cottura preferito è l'ebollizione o la cottura a vapore.

Quando un paziente ha gonfiore o pressione alta, i medici consigliano di ridurre al minimo l'assunzione di liquidi. Se non c'è edema, si consiglia di bere almeno due litri di liquido. A cosa può essere acqua non semplice, ma minerale, solo senza gas, succhi, bevande alla frutta, bevande alla frutta e gelatina. È molto buono se un paziente con giada beve succo di mirtillo o mirtilli rossi. Anche alimenti utili che hanno proprietà diuretiche e detergenti: angurie e meloni.

È categoricamente inaccettabile mangiare piatti fritti, affumicati, speziati e salati con un eccesso di spezie, marinate e condimenti. Inoltre, l'uso di sottaceti e conservazione non è permesso.

Per quanto riguarda i metodi tradizionali di trattamento, vengono utilizzati decotti o infusi di piante medicinali e le loro raccolte, che hanno effetti antinfiammatori, diuretici, ipotensivi e normalizzano il lavoro dell'organo interessato:

  • fiori di blu fiordaliso, camomilla, tiglio;
  • erba di equiseto, alpinista, sottaceto;
  • foglie di uva ursina, salvia;
  • radice di stalnik, liquirizia;
  • boccioli di betulla;
  • seta di mais;
  • frutti di ginepro, rosa selvatica.

Questi rimedi popolari aiuteranno a far fronte ai processi infiammatori negli organi della struttura genito-urinaria, ma dovrebbero essere usati dopo aver consultato un medico.

operazione

Di norma, la chirurgia è necessaria per le malattie che violano il flusso naturale di urina:

  • urolitiasi;
  • struttura ureterale;
  • ureteri torcenti;
  • lo sviluppo di anomalie nella struttura del sistema urinario;
  • l'insorgenza di processi tumorali negli ureteri, nella prostata, nei reni.

Se l'infiammazione renale è causata da tali malattie, viene eseguita un'operazione mirata a rinnovare la pervietà delle vie urinarie.

complicazioni

Le conseguenze della giada sono estremamente pericolose per la vita dei pazienti:

  • urosepsis: separazione dell'infezione dall'organo malato del sangue;
  • perinefrite - penetrazione dell'infezione dai reni nel tessuto circostante;
  • formazione di messa a fuoco purulenta nel rene;
  • insufficienza renale acuta;
  • shock batteriossico.

Il trattamento analfabeta della giada potrebbe essere fatale. Non trascurare la tua salute e in caso di reclami dal sistema urinario, assicurati di mostrarti a uno specialista.

I sintomi della malattia renale nelle donne

I reni sono uno dei principali organi coinvolti nella regolazione dell'omeostasi chimica (l'ambiente interno permanente del corpo). Fanno parte del sistema urinario umano, hanno una dimensione di circa 10-11 cm di lunghezza e la forma dei fagioli di fagioli. Il peso di un rene in una donna può raggiungere 180-200 g, mentre il rene sul lato sinistro può essere più grande di alcuni millimetri rispetto al rene del lato destro. La parte principale del rene è il suo parenchima, che supporta il necessario equilibrio idrico-elettrolitico. L'accumulo di urina avviene con l'aiuto delle coppe del rene e l'eliminazione - con l'aiuto del bacino, che fluisce nell'uretere, che si collega alla vescica. All'esterno, la capsula renale è ricoperta da un film fibroso che non ha significato funzionale. In questo articolo, imparerai a conoscere i sintomi della malattia renale nelle donne.

I sintomi della malattia renale nelle donne

La malattia renale nelle donne può essere associata a danni a una qualsiasi delle sue parti. Ciascuna delle patologie ha sintomi specifici, che le donne devono essere a conoscenza di chi è a rischio di malattie del sistema urinario. Include donne con ridotta immunità, obesità, affette da varie dipendenze. Il gruppo a maggior rischio di malattia dell'arteria renale, a causa della quale si verifica l'apporto di sangue all'organo, comprende donne con disturbi fisico-fisici, malattie endocrine e vascolari.

Possibili cause

La malattia renale è una delle cause più comuni di dolore sordo e doloroso nella parte bassa della schiena nelle donne. Le sensazioni dolorose possono essere accompagnate da disturbi disurici (disturbi urinari), febbre, colica renale, deterioramento generale del benessere e debolezza. In caso di malattie infettive dei reni, ad esempio la pielonefrite, la sindrome del dolore può avere una localizzazione sfocata ed essere associata a segni di cistite o uretrite: minzione frequente e dolorosa, sedimentazione o comparsa di vene macchiate di sangue nel fluido urinario, torbidità delle urine.

Secondo le statistiche dei medici, il 4,5% della popolazione femminile russa soffre di problemi renali.

Con le cisti e i tumori maligni del rene, una donna può sentire un sigillo nell'area di proiezione dei reni, che nelle fasi iniziali può essere indolore, ma con il progredire della malattia, la sindrome del dolore assume un'intensità moderata o alta. Lo stesso quadro clinico può essere osservato in caso di prolasso renale (rene vagante) o displasia policistica.

Le cause di uno qualsiasi di questi sintomi, se sono associati a disturbi nel sistema renale, possono essere:

  • pielonefrite (comprese forme rare - pylonephritis xanthogranulomatous e enfisematoso);
  • glomerulonefrite;
  • malattia del rene policistico;
  • prolasso renale (rene omesso o vagante);
  • nephrosclerosis;
  • carcinoma a cellule renali.

Se una donna è preoccupata per il dolore grave nella parte bassa della schiena, che è accompagnata da febbre, febbre alta e disturbi urinari, si dovrebbe immediatamente cercare un aiuto medico, in quanto tali segni possono essere sintomi di piro- trosi - infiammazione purulenta dei reni. È inoltre necessario consultare un medico se una donna è preoccupata per i dolori alla schiena regolari di varia intensità, così come la sindrome dell'edema o i disordini disurici.

Per i problemi ai reni, il gonfiore sarà uguale in tutto il corpo.

Malattia del rene policistico

La prevalenza di questa malattia tra le donne in età riproduttiva è di circa il 17%. La malattia renale policistica è caratterizzata dalla displasia del parenchima renale e dalla formazione sulla sua superficie di escrescenze cistiche singole o multiple. Il numero più elevato di pazienti con questa diagnosi appartiene alla categoria di mezza età (da 30 a 45 anni), anche se nelle ragazze possono manifestarsi varie forme di displasia renale da 2 a 10 anni. La malattia policistica ha una natura genetica ed è associata a una compromissione della sintesi di alcune proteine, ad esempio la fibrocistina.

Patologia ereditaria che porta alla formazione di cisti renali

Fatto! Circa il 90% dei casi di danno al rene policistico sono forme ereditarie.

sintomi

La malattia renale policistica può essere asintomatica per diversi anni. Molto spesso, le donne non notano alcun sintomo mentre le cisti sono piccole e si trovano in uno stato non infiammatorio. Man mano che le formazioni crescono, appaiono dei segni specifici, ad esempio:

  • dolore acuto, tagliente o lancinante nella regione lombare dal processo patologico;
  • diminuzione della diuresi giornaliera;
  • deterioramento del benessere generale;
  • mal di testa;
  • sensazione di spremitura e diffusione nei reni;
  • consolidamento doloroso nella sede del rene interessato.

Il dolore durante la minzione con malattia renale policistica è solitamente assente. La temperatura corporea aumenta con l'infiammazione della cisti o riempiendo la sua cavità con contenuti purulenti.

È importante! Ci sono casi in cui il peso di un rene policistico ha raggiunto i 20-30 kg, quindi se si rilevano sintomi che possono indicare una malattia renale (anche con un decorso sfocato), è necessario consultare immediatamente un medico.

trattamento

Di grande importanza nel trattamento della malattia del rene policistico è la correzione dello stile di vita. Una donna deve limitare il consumo di sale da cucina, bevande contenenti caffeina e cibi (in particolare cioccolato, cacao e prodotti con glassa per dolciumi), cibi grassi che aumentano i livelli di colesterolo nel sangue. Anche la quantità di proteine ​​nella dieta è ridotta, poiché una quantità eccessiva di questi può causare ipertensione arteriosa e proteinuria. Ai pazienti con reni policistici è vietato trattare con ormoni, alcol, fumare.

Indicazioni e controindicazioni per l'emodialisi

Un compito importante nella complessa terapia della malattia del rene policistico è mantenere la pressione sanguigna normale. Per fare questo, applicare farmaci antipertensivi (Dopegit, Nifedipine, Metildopa). Se necessario, la terapia sostitutiva è prescritta emodialisi. Nei casi più gravi può essere necessaria la rimozione dei reni.

nephrosclerosis

La nefrosclerosi è una grave malattia renale, che viene comunemente chiamata "rene avvizzito". Questa patologia è stata chiamata perché il rene in nefrosclerosi è ridotto di dimensioni e la sua superficie diventa rugosa e nodulare a causa della sostituzione del tessuto parenchimale con fibre connettive. Le cause della malattia nelle donne possono essere diverse:

  • ipertensione arteriosa stabile;
  • aterosclerosi delle arterie renali, attraverso cui il sangue scorre alle cellule dell'organo;
  • malattie del sistema renale (pielonefrite, glomerulonefrite);
  • diabete mellito;
  • alcune infezioni gravi, come la sifilide o la tubercolosi.

Per la diagnosi di nefrosclerosi, è necessario sottoporsi a una serie di procedure diagnostiche: ecografia e radiografia degli organi addominali, angiografia dei vasi sanguigni, risonanza magnetica e TC con l'uso di agenti di contrasto. La diagnosi primaria include test di laboratorio su urina e sangue. Affinché un medico possa prescrivere correttamente gli esami necessari, è importante descrivere completamente i reclami e i sintomi esistenti.

sintomi

Uno dei principali segni di nefrosclerosi è un dolore doloroso costante alla schiena, che è localizzato non solo nella zona del rene interessato, ma può diventare fuoco di Sant'Antonio o diffuso. I dolori dolorosi possono essere sostituiti tirando sensazioni, formicolio. Nei casi più gravi sono possibili dolori da taglio o da pugnale, con una precisa localizzazione sul lato del processo patologico. Un sintomo tipico di questa patologia è anche un aumento della pressione: durante i periodi di crisi nefrosclerotica, le letture del tonometro possono salire a 160/110 e anche più in alto.

Rene con nefrosclerosi

Le donne possono anche avere un sintomo complesso di disturbi disurici, che di solito include i seguenti disturbi:

  • svuotamento incompleto della vescica;
  • dolore durante la minzione;
  • urina involontaria.

Altre manifestazioni e forme di disuria caratteristiche della nefrosclerosi sono riportate in tabella.

Tabella 1. Disuria con nefrosclerosi

Negli studi di laboratorio sulle urine, è possibile identificare varie forme di proteinuria (rilevamento di proteine ​​o di sue tracce nelle urine), nonché una bassa percentuale di fluido urinario.

trattamento

Il trattamento conservativo della nefrosclerosi è inefficace, pertanto, al momento di confermare questa diagnosi, a una donna verrà somministrata una nefrectomia - un'operazione per rimuovere il rene interessato o parte di esso. Il periodo di recupero dipende dal metodo scelto, dallo stato del sistema immunitario, dall'età del paziente e da altri fattori e può variare da 2 a 8 settimane.

A seconda dello stadio della malattia, può essere rimossa una parte del rene (nefrectomia parziale) o l'intero rene (nefrectomia semplice)

pionefrosi

Malattia grave, nella maggior parte dei casi, una complicazione del trattamento improprio o tardivo della pielonefrite cronica. Se l'infiammazione renale è passata nella fase terminale, la cavità renale è piena di pus, urina e elementi necrotici dell'organo.

Fusione purulenta del tessuto renale con la formazione di un ascesso

Un fluido infiammatorio (essudato) si accumula nelle pareti della pelvi renale, che porta a iperemia e gonfiore. Se la pironefrosi non viene diagnosticata in tempo, o il paziente rifiuta il trattamento che le viene offerto, può verificarsi una svolta del contenuto purulento nella cellulosa periofisaria, portando ad avvelenamento del sangue e allo sviluppo della sepsi urogenitale.

sintomi

La malattia nel decorso acuto ha sintomi pronunciati e specifici, che consentono al medico di sospettare immediatamente un possibile processo purulento-distruttivo e di prescrivere la corretta serie di diagnosi primarie. La principale lamentela con cui le donne arrivano alla reception dall'urologo è il dolore nella regione lombare. Il suo carattere può essere diverso, ma nella maggior parte dei casi, i pazienti descrivono il dolore come dolore noioso e dolente di media o alta intensità. Tali dolori possono aumentare con intenso sforzo fisico, ipotermia, prolungata permanenza in una posizione.

Ultrasuoni del rene con pyonephrosis

Se la malattia è in forma acuta, il paziente avrà manifestazioni pronunciate di intossicazione purulenta: forte mal di testa, febbre alta, sudorazione eccessiva, brividi, febbre. Altri sintomi caratteristici della pyonephrosis includono:

  • un aumento del rene infiammato e della sua mobilità limitata, che è determinata dalla palpazione;
  • torbidezza di urina con precipitazione nella forma di fiocchi densi;
  • la formazione di sedimenti purulenti sul fondo del serbatoio con urina;
  • pelle pallida;
  • astenia severa (affaticamento e affaticamento rapido).

In tutte le forme e stadi della pirofedosi nelle urine, aumenta il numero di eritrociti.

trattamento

Il trattamento della pyonephrosis è sempre chirurgico. Se una donna va in ospedale troppo tardi, viene utilizzata una nefrostomia prima dell'operazione - un catetere viene inserito attraverso la pelle per creare modi artificiali per rimuovere l'urina dal rene infiammato. L'installazione della nefrostomia viene eseguita utilizzando la puntura sottocutanea sotto controllo a raggi X o ultrasuoni.

Tubo per nefrostomia nella pelvi renale

pielonefrite

Questa è la più comune malattia renale nelle donne che può verificarsi a qualsiasi età. Il più spesso, le donne da 20 a 45 anni soffrono di pyelonephritis. Il processo infiammatorio primario nei tubuli renali ha quasi sempre un decorso acuto e in assenza di una terapia tempestiva diventa cronico. Nel 67% dei casi, la malattia è di natura batterica ed è causata da batteri del gruppo di stafilococchi, Escherichia coli e Pseudomonas aeruginosa. Questo spiega la fattibilità di prescrivere antibiotici ad ampio spettro e agenti antimicrobici per trattare varie forme di pielonefrite.

Infiammazione del rene - Pyelonephritis

La principale fonte di infezione del rene sono altri organi del sistema urogenitale: la vescica, l'uretra (uretra) e gli ureteri. Quando i batteri ematogeni infezione entrano nel rene attraverso il sangue da altri focolai, che possono essere doloranti denti, stomaco, intestino e altri organi interni.

I sintomi della pielonefrite sono piuttosto diversi, quindi non dovresti provare a diagnosticare te stesso, anche se la malattia non si verifica per la prima volta. I segni tipici dell'infiammazione del rene sono:

  • dolore parossistico nella regione lombare principalmente dal processo infiammatorio (in assenza di blocco con pietre e ossalati);
  • sindrome da intossicazione (mancanza di appetito, debolezza, mal di testa, febbre, febbre);
  • violazione del disordine urinario e diuresi (osservato con pielonefrite, complicata dall'infiammazione della vescica o dell'uretra).

Nelle donne anziane, il dolore può essere offuscato e localizzato nell'addome inferiore e non nella parte posteriore. Lo stesso quadro clinico è tipico per le ragazze di età compresa tra 5 e 12 anni, pertanto, con disturbi del dolore addominale, un'ecografia dei reni e della vescica viene eseguita per tutti i bambini.

Forme rare di infiammazione renale

Una delle rare forme di pielonefrite nelle donne è l'infiammazione enfisematosa (purulenta). Si sviluppa quando un rene è infetto da batteri che scompongono il glucosio in bolle di anidride carbonica e acido. La malattia procede con sintomi acuti e il trattamento viene sempre eseguito in ambiente ospedaliero e spesso richiede l'uso di metodi chirurgici (non è possibile effettuare trattamenti di conservazione degli organi in tutti i casi).

I sintomi della pielonefrite enfisematosa includono:

  • un forte aumento della temperatura fino a 40 ° sullo sfondo di un rapido aumento della sindrome da intossicazione (febbre, tremori nel corpo, sudorazione, mal di testa, nausea);
  • aumento della frequenza cardiaca;
  • vomito indomabile;
  • stimolazione motoria;
  • dolore intenso nella parte bassa della schiena;
  • mucose secche della bocca;
  • debolezza muscolare e dolori articolari.

In alcuni casi, il dolore in caso di infiammazione enfisematosa dei reni può essere così grave che una donna viene portata in ospedale in uno stato di dolore profondo e shock tossico.

Un'altra rara forma di pielonefrite è l'infiammazione xantogranulomatosa, in cui un gran numero di microfaghe e linfociti si accumulano nel parenchima renale. Il trattamento della malattia è complicato dalla difficoltà di diagnosi, poiché anche con la presenza di moderne attrezzature la pielonefrite xantogranulomatosa è molto difficile da differenziare dal tumore al rene.

Trattamento della pielonefrite

Le basi della terapia conservativa del processo infiammatorio nei reni sono antibiotici. I pazienti con pielonefrite cronica devono essere consapevoli che solo i regimi di combinazione sono efficaci per il trattamento di questa patologia quando vengono utilizzati diversi farmaci antibatterici per il trattamento. Il più delle volte si tratta di combinazioni di fluorochinoloni con penicilline semisintetiche o cefalosporine. In alcuni casi, la combinazione di aminoglicosidi e penicilline diventa efficace, ma è consigliabile prescrivere un tale regime di trattamento solo dopo coltura batterica e determinazione del tipo di patogeno.

Le medicine devono essere prescritte da un medico.

Come metodi ausiliari, il cateterismo renale viene utilizzato per normalizzare il deflusso delle urine, stimolando la ginnastica renale con Furosemide o Lasix, così come la correzione farmacologica mirata ad aumentare la difesa antiossidante del corpo.

Carcinoma a cellule renali (carcinoma renale)

Questa è una grave malattia renale, caratterizzata dalla formazione di un tumore maligno epiteliale nella struttura parenchimale dell'organo. Nelle donne, il cancro del rene è 2 volte meno comune che negli uomini, tuttavia, l'incidenza di questa patologia è piuttosto elevata e la prognosi di sopravvivenza dopo la conferma della diagnosi è sfavorevole. I principali fattori che contribuiscono ai processi maligni nei reni sono:

  • malattia renale cronica (malattia policistica, displasia del tessuto renale parenchimale, insufficienza renale cronica, pielonefrite);
  • in sovrappeso;
  • dipendenza da fumo e alcol;
  • rimozione chirurgica dell'utero nella storia.

Fasi del cancro del rene

Una serie standard di misure diagnostiche viene utilizzata per diagnosticare il cancro del rene: risonanza magnetica o tomografia computerizzata, ecografia e esame istologico di materiale biologico. La radiografia per sospetto cancro del rene viene eseguita utilizzando un mezzo di contrasto (urografia endovenosa).

sintomi

Il principale pericolo del carcinoma a cellule renali è l'assenza di segni specifici che permettano di sospettare la patologia in una fase precoce. I sintomi gravi di solito compaiono dopo l'inizio del processo di metastasi, quindi le donne dovrebbero monitorare attentamente qualsiasi cambiamento nella loro salute e benessere e consultare un medico anche con un leggero deterioramento.

Le manifestazioni del tumore al rene 2-3 gradi includono:

  • aumento regolare della temperatura corporea e parametri basali fino a 37.2 ° -37.3 °;
  • l'aspetto del sangue nelle urine;
  • anemia grave associata a perdita di sangue permanente (se la donna non va in ospedale subito dopo aver rilevato i primi segni di ematuria);
  • dolore moderato nella parte bassa della schiena dal processo patologico;
  • aumento della pressione sanguigna;
  • sigillo nella proiezione del rene interessato (trovato sulla palpazione).

Il sangue nelle urine in un linguaggio professionale è chiamato ematuria.

Una donna può anche notare sintomi clinici generali caratteristici di tutti i tipi di cancro: perdita di peso, mancanza di appetito, stanchezza cronica e progressiva diminuzione della capacità lavorativa.

Rene caduto

Il prolasso renale è una patologia piuttosto rara, che si esprime nella mobilità anormale dell'organo. Lo spostamento del rene si osserva principalmente nelle donne, poiché i nefrologi ritengono che il principale fattore eziologico sia l'indebolimento dei muscoli addominali e della giornata pelvica a seguito di numerose gravidanze. Il principale gruppo di rischio comprende principalmente le donne con una storia di tre o più gravidanze, così come i pazienti che hanno avuto una grande perdita di peso in un breve periodo di tempo.

Altre possibili cause del prolasso renale includono anche:

  • ferite e lividi lombari;
  • stitichezza cronica che richiede tensioni durante i movimenti intestinali;
  • trasporto giornaliero di pesi (ad esempio, pacchi pesanti dal negozio);
  • asma bronchiale, pertosse e altre malattie accompagnate da attacchi di tosse secca grave.

L'omissione del rene destro nelle donne è osservata 8 volte più spesso della sinistra.

È importante! Se una donna si trascina cercando un aiuto medico, possono svilupparsi gravi complicazioni: pizzicamento del rene o dell'ubriacea dell'organo.

sintomi

Rene omesso (errante) può passare inosservato a lungo. Una donna può essere disturbata da un dolore moderato nella regione lombare, nell'articolazione iliaca o nell'ipocondrio. Molte persone accusano questo dolore di stress o stanchezza fisica, quindi la maggior parte delle donne si rivolge al medico già sul palco quando lo spostamento raggiunge diversi centimetri. Segni distintivi di patologia in questa fase saranno i seguenti sintomi:

  • la scomparsa del dolore nella posizione supina;
  • individuazione di una formazione ispessita ed estremamente dolorosa sotto il bordo inferiore delle costole;
  • toni opachi con percussioni (tapping);
  • irritabilità e temperamento.

Il danno ai nervi causato dallo spostamento del rene, che li comprime, può causare lo sviluppo della sindrome isterica, che, insieme alle sensazioni dolorose, dovrebbe essere la ragione per l'esame diagnostico.

Il trattamento della patologia comporta l'uso di speciali fasce di fissazione e l'assunzione di farmaci sintomatici. In assenza dell'effetto del trattamento conservativo, vengono utilizzati metodi chirurgici per fissare il rene nella posizione anatomicamente corretta. Se necessario, la correzione della violazione viene eseguita contemporaneamente.

Riassumiamo

La malattia renale è un vasto gruppo di patologie che consiste nella distruzione del funzionamento di uno degli organi principali del sistema urinario. Il rischio di malattie renali nelle donne è significativamente più alto che negli uomini, quindi devono avere informazioni sui possibili sintomi e cause di queste malattie, oltre a essere in grado di differenziarle da altre patologie degli organi interni. Ciò ridurrà il rischio di complicanze, ridurrà il tempo delle misure diagnostiche primarie e inizierà immediatamente il trattamento necessario.

10 segni che hai reni malati

I sintomi della malattia renale di solito sono quasi impercettibili e quasi non compaiono fino alle fasi avanzate. Nella maggior parte dei casi, i sintomi evidenti sono un segno che la condizione è già critica.

Per renderti più facile riconoscerli nelle fasi iniziali, ecco 10 sintomi comuni della malattia renale che non puoi mai ignorare:

1. Cambiamenti nella minzione

Un improvviso ed evidente cambiamento nella quantità di urina o frequenza di minzione è il primo segno di malattia renale.

2. Dispnea

Un risultato di una malattia renale è un accumulo di liquido nei polmoni che causa mancanza di respiro.

3. Sangue nelle urine

Il sangue nelle urine è un sintomo classico della malattia renale. Di fronte a lui, consulta immediatamente un medico.

4. Urina schiumosa

L'urina schiumosa di solito significa che la proteina viene escreta dal corpo come rifiuto, che è un segno di malattia renale.

5. Edema

I reni sono responsabili dell'eliminazione di tossine, scorie e liquidi in eccesso dal corpo. Ma se si ammalano, tutto si accumula nel corpo. Uno dei segni di questo è gonfiore, quando il viso, le mani e il viso si gonfiano.

6. Affaticamento estremo, anemia e debolezza

I reni producono l'ormone eritropoietina, che aiuta i globuli rossi a trasportare l'ossigeno. Ma con una malattia, il livello dell'ormone diminuisce marcatamente, portando ad anemia, una sensazione di debolezza e affaticamento.

7. Capogiri e incapacità di concentrazione

Questi sintomi di malattia renale sono spiegati da bassi livelli di ossigeno nel cervello, che portano a vertigini, confusione, ecc.

8. Alta pressione sanguigna

L'ipertensione nelle malattie renali di solito si verifica con una pressione diastolica (inferiore) più alta.

9. Eruzioni cutanee e prurito.

Anche se può essere un sintomo, ad esempio, allergie, eruzioni cutanee si verificano anche nelle malattie renali e anche insufficienza renale.

10. Nausea e vomito

L'ultimo sintomo della malattia renale, quando il corpo non riesce più a far fronte alle tossine in eccesso nel sangue, è la nausea e il vomito.

Importante: se ha qualcuno di questi sintomi, contatti immediatamente il medico. La malattia renale può portare a gravi conseguenze.

A volte ci possono essere sintomi di malattia renale, caratteristica di una sola malattia particolare.

Sintomi di urolitiasi

La principale manifestazione della urolitiasi è la colica renale. Questa è una condizione acuta, costringendo i pazienti a consultare immediatamente un medico. Colica renale si verifica a causa dello scarico di pietra dal bacino, che ostruisce l'uretere e ferisce le sue pareti. Il tratto urinario inizia a contrarsi duramente, cercando di rimuovere l'ostacolo. Di conseguenza, il deflusso delle urine viene disturbato, le terminazioni nervose nelle pareti dell'uretere e del bacino sono irritate, quindi i sintomi della malattia renale in questo caso sono difficili da confondere con altre malattie:

  • dolore acuto molto grave nel carattere spasmodico lombare;
  • il dolore si diffonde dalla regione lombare lungo l'uretere all'addome inferiore, i genitali (nello scroto negli uomini, grandi labbra nelle donne) e la superficie interna della coscia.

Un importante, ma non il solo segno di urolitiasi è il dolore ai reni: i sintomi di questa malattia riguardano anche il benessere generale. Al momento della colica renale, una persona malata non riesce a trovare una posizione comoda, "si precipita" a letto o va da un angolo all'altro. Il dolore può essere molto forte e persino insopportabile, quindi c'è una sensazione di paura. A volte aumentano la temperatura corporea e la pressione sanguigna. Nausea e persino vomito possono verificarsi vertigini. La quantità di urina escreta diminuisce, la voglia di urinare diventa più frequente. L'urina può avere un'alta concentrazione e sangue. Alla fine della colica renale, che può durare per diversi minuti o ore, piccole pietre e sabbia spiccano.

Malattie infiammatorie (pielonefrite)

Vari microrganismi che entrano nel sangue o nelle vie urinarie causano l'infiammazione dei reni: i sintomi nelle malattie infiammatorie sono molto simili ai segni di altre malattie infettive:

  • febbre, brividi,
  • mal di testa, stanchezza,
  • perdita di appetito.

Nella pielonefrite, di regola, il rene sinistro o il rene destro fa male, cioè il processo infiammatorio è solitamente localizzato su un lato. Ma potrebbe esserci un'infiammazione bilaterale. Quando questo rene si gonfia, aumenta il volume, che porta allo stiramento della capsula renale. Le terminazioni nervose in esso sono ferite, che provoca dolore. L'infiammazione dolorosa dei reni può avere un carattere indolenzito indefinito. Il paziente avverte disagio o pesantezza nella zona lombare. Se la pielonefrite si è verificata a causa dell'infezione del tratto urinario sottostante, i segni di malattia renale includono minzione frequente, accompagnata da bruciore e bruciore.

I sintomi della glomerulonefrite

La glomerulonefrite è una malattia infettiva allergica con una componente autoimmune, quindi i principali segni di malattia renale sono considerati i principali. Esistono diverse forme di glomerulonefrite, ma appare quasi tutto il sangue nelle urine, e nella fase acuta, l'urina può fermarsi completamente (anuria). Anche con l'urina viene escreto un gran numero di leucociti e proteine. Questa malattia è caratterizzata da un danno a entrambi i reni contemporaneamente.

Quando la glomerulonefrite si verifica non solo i problemi renali: i sintomi sono accompagnati da disturbi metabolici generali. Il bilancio idrico-elettrolitico cambia, l'escrezione di liquidi e sali è disturbata e quindi si sviluppa l'ipertensione arteriosa. A causa della grande perdita di proteine ​​nelle urine, si verifica un edema massiccio fino all'idropisia (anasarca). In questo caso, il liquido può trasudare nella cavità addominale e pleurica, nella sacca pericardica. Nei casi gravi si sviluppa edema polmonare e cerebrale. I sintomi locali, al contrario, sono appena evidenti. I pazienti potrebbero non avvertire dolore alla parte bassa della schiena e cambiamenti nella minzione.

L'urolitiasi, la pielonefrite e la glomerulonefrite sono le più comuni malattie renali. Molti pazienti non sanno come danneggiare i reni: i sintomi sono spesso nascosti o non invadenti. Pertanto, si dovrebbe prestare attenzione a eventuali cambiamenti nei reni o al benessere generale. Infatti, in assenza di un trattamento tempestivo, la maggior parte delle malattie renali si trasformano in forme croniche, che successivamente portano all'emodialisi e al trapianto di rene.

Altri Articoli Su Rene